Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Il Profeta di Gibran Khalil Gibran è un libro che offre senza dubbi profonde riflessioni.
È una raccolta di 26 “sermoni” relativi ai vari aspetti della vita quotidiana, questo testo è stato a ragione definito un "breviario per laici".

 

 

La BellezzaIl Profeta di Gibran Khalil Gibran
INDICE - Capitolo precedente - Capitolo successivo

 

La Bellezza

 

E un poeta disse: Parlaci della Bellezza.
Ed egli rispose:

 

Dove cercherete la bellezza, e dove pensate di trovarla, se non sarà lei stessa vostra via e vostra guida?
Come potrete parlarne, se non sarà lei stessa la tessitrice del vostro discorso?
L'afflitto e l'offeso dicono: "La bellezza è benevola e gentile.
Cammina tra noi come una giovane madre, quasi schiva del proprio splendore".
E l'appassionato dice: "No, la bellezza è qualcosa di possente e pauroso;
Come tempesta, fa tremare la terra sotto di noi e il cielo sopra di noi".

 

Lo stanco e l'accasciato dicono: "La bellezza è un tenue bisbiglio.
Parla nel nostro spirito.
La sua voce si adegua al nostro silenzio come una debole luce che trema per timore dell'ombra".
Ma l'irrequieto afferma: "Abbiamo udito il suo grido tra i monti,
E col suo urlo un rumore di zoccoli, e un battere di ali, e un ruggire di leoni".

 

A notte i guardiani della città dicono: "La bellezza sorgerà a oriente con l'aurora".
E nel meriggio gli operai e i viaggiatori dicono:
"L'abbiamo vista affacciarsi sulla terra dalle finestre del tramonto".

 

D'inverno, chi è isolato dalla neve dice: "Arriverà a primavera, saltellando sulle colline".
E nel calore dell'estate, i mietitori dicono: "L'abbiamo vista danzare con le foglie d'autunno, e aveva tra i capelli uno spruzzo di neve".

 

Tutto questo avete detto della bellezza,
Ma in realtà, non parlavate di lei, ma di bisogni insoddisfatti;
La bellezza non è un bisogno, ma un'estasi.
Non è una bocca assetata né una mano vuota protesa,
È piuttosto un cuore infiammato e un'anima incantata.
Non è l'immagine che vorreste vedere, e non è il canto che vorreste udire,
È piuttosto un'immagine da vedere a occhi chiusi e un canto da udire con le orecchie tappate.
Non è la linfa nei solchi della corteccia, né un'ala accanto a un artiglio.
È piuttosto un giardino sempre fiorito, e una moltitudine d'angeli eternamente in volo.

 

Popolo d'Orphalese, la bellezza è la vita quando la vita toglie il velo dal proprio volto santo.
Ma voi siete la vita e siete il velo.
La bellezza è l'eternità che si contempla in uno specchio.
Ma voi siete l'eternità e siete lo specchio.

INDICE - Capitolo precedente - Capitolo successivo

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...