Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Il Profeta di Gibran Khalil Gibran è un libro che offre senza dubbi profonde riflessioni.
È una raccolta di 26 “sermoni” relativi ai vari aspetti della vita quotidiana, questo testo è stato a ragione definito un "breviario per laici".

 

 

Il Bene e il MaleIl Profeta di Gibran Khalil Gibran
INDICE - Capitolo precedente - Capitolo successivo

 

Il Bene e il Male

 

Allora, uno degli anziani della città disse: Parlaci del Bene e del Male.
Ed egli rispose:

 

Del bene che è in voi, posso parlare, ma non del male.
Perché cos'è il male se non il bene tormentato dalla fame e dalla sete?
Quando il bene è affamato cerca cibo nella più nera caverna, e quando è assetato beve anche acqua morta.

 

Voi siete buoni quando siete in unione con voi stessi.
Ma anche quando non siete in unione con voi stessi, voi non siete cattivi.
Perché una casa divisa non è un covo di ladri; è soltanto una casa divisa.
E una nave senza timone può vagare alla deriva in mezzo ad isole pericolose senza colare a fondo.
Voi siete buoni quando vi adoperate per dare qualcosa di voi stessi.
Ma non siete cattivi se cercate profitto per voi stessi.
Perché quando cercate il profitto, voi siete come una radice che si aggrappa alla terra e succhia il suo seno.
Il frutto non può dire alla radice: "Sii come me, maturo e pieno, e pronto a dare la tua ricchezza".
Perché donare è necessario al frutto, come per la radice è necessario ricevere.

 

Voi siete buoni quando siete pienamente coscienti di quello che dite.
Ma non siete cattivi quando dormite, e la lingua farfuglia senza ragione.
Anche un discorso che incespica può rafforzare una debole lingua.
Siete buoni, quando vi indirizzate alla meta fermamente e con passo vigoroso.
Ma non siete cattivi se vi andate zoppicando.
Anche chi zoppica non cammina a ritroso.
Ma voi che siete forti e veloci, non zoppicate davanti allo zoppo, credendo d'esser cortesi.

 

Voi siete buoni in infiniti modi, ma non siete cattivi quando non siete buoni.
Siete solo pigri e perditempo.
È un peccato che il cervo non possa insegnare alla tartaruga a diventare veloce.

 

La vostra bontà è nel desiderio del gigante ch'è in voi; e quel desiderio è in ciascuno di voi.
Ma in alcuni è un torrente che scorre impetuoso verso il mare, trasportando i segreti dei pendii delle colline, e i canti della foresta;
In altri è un'acqua piatta che si perde in angoli e curve e indugia a lungo prima di raggiungere la spiaggia.
Ma chi desidera molto non dica a chi desidera poco: "Per quale ragione sei così lento ed esitante?".
Perché chi è buono davvero non chiede al nudo: "Dov'è il tuo vestito?" né al senzatetto: "Che cosa è accaduto alla tua casa?".

INDICE - Capitolo precedente - Capitolo successivo

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...