Home Page Riflessioni.it
DOVE IL WEB RIFLETTE!
14° ANNO

 

Breviario per Laici

Il Profeta di Gibran Khalil Gibran è un libro che offre senza dubbi profonde riflessioni.
È una raccolta di 26 “sermoni” relativi ai vari aspetti della vita quotidiana, questo testo è stato a ragione definito un "breviario per laici".

 

 

La PreghieraIl Profeta di Gibran Khalil Gibran
INDICE - Capitolo precedente - Capitolo successivo

 

La Preghiera

 

Allora una sacerdotessa disse: Parlaci della Preghiera.
Ed egli rispose dicendo:

 

Voi pregate nell'angoscia e nel bisogno; dovreste pregare anche nella pienezza della gioia e nei giorni dell'abbondanza.

 

Perché che cos'è la preghiera se non l'espansione del vostro io nell'etere vivente?
E se versare la vostra oscurità nello spazio vi conforta, sarà letizia per voi riversarvi anche l'aurora.
E se piangete soltanto quando l'anima v'invita a pregare, essa dovrebbe spronarvi ancora e ancora, fino a che il pianto non diventi riso.
Quando pregate, salite a incontrare tutti quelli che pregano in quello stesso momento e che mai, se non nella preghiera, voi potrete incontrare.
Procurate, dunque, che la visita a quel tempio invisibile sia solo estasi e soave comunione.
Perché se entrate nel tempio unicamente per chiedere, voi non riceverete;
E se vi entrate per umiliarvi non sarete innalzati;
Perfino se vi entrate per implorare il bene altrui non sarete ascoltati.
È sufficiente che entriate nel tempio invisibile.

 

Io non posso insegnarvi come pregare con le parole.
Dio non ascolta le vostre parole se non quando Egli stesso le forma sulle vostre labbra.
E io non posso insegnarvi la preghiera delle montagne, delle foreste e dei mari.
Ma voi che siete nati dalle montagne, dalle foreste e dai mari potete scoprire in cuor vostro la loro preghiera.
E se ascolterete nella quiete della notte, li sentirete dire in silenzio:
"Dio nostro, tu che sei il nostro io alato, è la tua volontà che agisce in noi.
È tuo il desiderio che è in noi.
Tuo l'impulso che vorrebbe trasformare le nostre notti, che sono tue, in giorni, che sono tuoi ugualmente.
Non possiamo chiederti nulla, perché conosci i nostri bisogni prima ancora che nascano:
Sei tu il nostro bisogno; e nel donarci più di te stesso, ci doni tutto".

INDICE - Capitolo precedente - Capitolo successivo

Per ricevere Gratis
gli aggiornamenti
di Riflessioni.it

Iscriviti alla
NEWSLETTER


Un solo invio al mese

Utenti connessi

Riflessioni
 
I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni si legga la pagina: NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2014

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss

Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...  - RIFLESSIONI.it - Dove il Web Riflette!
riflessioni
Seguici su Facebook     Google plus