Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Enciclopedia   Indice

Animismo   >>> indice dizionario religioni

Dal latino anima, "soffio" o "anima", primitiva forma di religione secondo la quale in ogni cosa risiede un principio vitale, o anima. Il termine è usato dai biologi e dagli psicologi in relazione alla teoria che considera la mente umana come entità che, benché immateriale, interagisce con il corpo tramite il cervello e il sistema nervoso. Questa teoria filosofica, più spesso definita panpsichismo, riconosce a tutte le cose un'essenza interiore o psichica. Nel XVIII secolo, lo scienziato Georg Ernst Stahl attribuì la parola animismo alla sua teoria dell'anima come principio vitale responsabile dello sviluppo organico. Dalla fine del XIX secolo, tuttavia, il termine è associato soprattutto all'antropologia e agli studi dell'antropologo inglese Edward Burnett Tylor, che descrisse l'origine della religione e le credenze primitive in termini di animismo.


In
Cultura primitiva (1871), Tylor definì l'animismo come una generale credenza negli esseri spirituali e vi individuò la "definizione minima di religione". Secondo Tylor, i primitivi (definiti come i popoli senza scrittura) attribuiscono agli spiriti, o anime, l'origine della vita umana, immaginandoli come fantasmi simili a ombre o vapori, in grado di trasmigrare da individuo a individuo, dai morti ai vivi, da piante e animali in oggetti inorganici e viceversa. Tylor interpretò queste credenze come un tentativo di spiegare l'origine del sonno, dei sogni e della morte, la differenza tra un corpo vivo e uno morto e la natura delle immagini nei sogni e negli stati di trance.
Le sue teorie vennero criticate dall'antropologo inglese Robert R. Marett, che attribuì alla religione un'origine meno razionale e respinse l'idea che i primitivi considerassero viventi tutti gli oggetti, mentre riteneva più probabile che considerassero tali solo gli oggetti insoliti o dal comportamento misterioso. Il concetto arcaico di essenza vitale, inoltre, gli pareva troppo poco sofisticato per comprendere la nozione di anima o spirito. I primitivi trattavano tutti gli oggetti considerati animati come aventi vita, sentimenti e volontà propri, ma non operavano distinzioni tra il corpo di un oggetto e l'anima che poteva abitarlo o abbandonarlo. Chiamò questa credenza "animatismo", o "preanimismo", e vi riconobbe una forma arcaica di animismo, che può sopravvivere accanto a credenze animiste più evolute.

 

 

All'interno del sito due interessanti articoli di Antoine Fratini
Animismo e società   prima parte - seconda parte

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...