Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Enciclopedia   Indice

Carlos Castaneda

Carlos Castaneda (Carlos César Arana Castaneda)
Nonostante l'opera non sia letterariamente confrontabile con quella di Pynchon o di Salinger, l'assoluta cancellazione pubblica della sua identità è un elemento di culto assai simile a quella relativa ai due maestri americani.
Di Castaneda si hanno soltanto alcune scarne notizie, a fronte di una notorietà immensa e di un'influenza culturale che ha contribuito all'edificazione, in Occidente, di una
religione alternativa e sincretistica, imperniata sul ruolo iniziatico di droghe e riti mutuati da tradizioni sciamaniche, soprattutto centroamericane.

E' nato (ma non si conosce l'esattezza della data, che potrebbe avere un carattere simbolico e ironico) il 25 dicembre 1925; altri datano la nascita al 25 dicembre 1931. Il luogo dovrebbe essere San Paolo, in Brasile. Ma non è sicuro. Secondo altre fonti, Castaneda dovrebbe essere peruviano, originario di Cajamarca, emigrato negli Stati Uniti nel 1951.
Antropologo alla University of California a Los Angeles, ha studiato a lungo anche etnologia e parapsicologia.
Dovrebbe risalire al 1960 il primo incontro con Don Juan Matus, uno sciamano yaqui, non si capisce se realmente esistito o se frutto della fantasia di Castaneda. Il suo apprendistato al peyote (Mescalito) e alla datura vengono minuziosamente descritti nel resoconto del periodo trascorso insieme a Don Juan (dal '61 al '65), in "A scuola dallo stregone" 1968. Il successo del libro, alla sua uscita, coincise con l'acme del movimento hippy americano ed europeo. Castaneda divenne, implicitamente, uno dei padri fondatori della
cultura delle droghe, secondo la declinazione iniziatica e spiritualista che avrebbe influenzato intellettuali dell'underground come Timothy Leary.
Altri testi: "Una realtà separata" 1971; "Viaggio a Ixtlan" 1972; "L'isola del Tonal" 1975; "Il secondo anello del potere" 1978; "Il fuoco dal profondo" 1985; "Il potere del silenzio" 1988.
La data della morte è certa: il 28 aprile 1998.

 

- Per approfondire consigliamo la lettura dell’articolo “Guénon, Gurdjieff, Crowley e Castaneda” presente nella rubrica Riflessioni sell’Esoterismo a cura di Daniele Mansuino.

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...