Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Esperienze di vita      Indice

"E se Dio fosse uno di noi?" (seconda parte)   prima parte
inviata da Alessio

I sentimenti sono il linguaggio dell'anima.

Comunichi solo con questi modi?
- No, comunico anche con il pensiero e spesso ricorro ad immagini ed a raffigurazioni.
Ma come mai non ti mostri a tutti?
- Perché non ho ne forma ne aspetto che tu capisca e poi la gente finirebbe per credere che io abbia un solo aspetto ed una sola forma, come già è successo, quando invece io sono tutti e tutto.
Ma cosa siamo sulla terra a fare?
- Siete sulla terra per capire Chi Siete veramente. Ma non per imparare ma per ricordare cose che sapete tutti in modo concettuale. Voi siete Dio, vi ho creato a mia immagine e somiglianza. Siamo della stessa Sostanza. Il vostro "sbaglio" è stato quello di creare una religione su un uomo, Gesù Cristo, che diceva le stesse cose che ti sto dicendo io. Voi però non avete creduto al fatto, che anche voi come lui, siete in grado di fare le stesse cose, ma anzi avete fatto in modo di credervi inferiori a lui, avete creduto a chi vi diceva che fin dalla nascita siete macchiati del peccato originale. Il tuo pensiero in merito a te stesso consiste nel non ritenerti abbastanza buono, meraviglioso, etc. ed è per questo che avete dimenticato Chi siete.
Il vostro "limite", se così lo si può chiamare, è quello di credere al fatto che siete i Figli di Dio e non all'idea di essere uguali a me.
Tu Alessio hai già cambiato idea a riguardo ma ricordati che tutto ciò ti separerà da molti tuoi simili che cominceranno a definirti pazzo rischiando anche di essere maltrattato. Ma non ti preoccupare, questo non succederà perché la gente penserà che stai vivendo in un mondo tutto tuo, ma allo stesso tempo saranno attratti dalla verità, perché tu sei quello che può condurli alla verità. Sei sicuro ti volere continuare a parlare con me?
Certo che voglio continuare. Mi hanno già definito pazzo e tutto ciò mi ha reso ancora più forte, perché come ti avevo già detto: "Spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato".
- Benissimo, sono contento ma ricordati che in questo modo diventerai una minaccia per politici, uomini di Chiesa, etc. solo per il fatto di dire la pura e semplice verità, per il fatto che la tua vita risulterà molto più confortevole. Ciò significherà la fine del loro modo di essere. Cosa farebbero i medici se siamo noi stessi a curarci? Cosa farebbero giudici e avvocati se non esistono concetti di "giusto" o "sbagliato"? Cosa farebbero i preti se le religioni scomparissero?
Sai cosa mi è venuto in mente? Ma come mai le persone che come me portano un messaggio vengono definite pazze?
- Hai ragione. La maggior parte della gente definisce santi gli scrittori della Bibbia e pazzi voi. Ma costoro ignorano che siete tutti messaggeri, ma ritieniti fortunato c'è chi per aver detto la verità e per aver portato un messaggio è finito in croce. Questa è la causa di tutti i vostri problemi: non vi ritenete abbastanza meritevoli per parlare con Dio.
Ma cosa significa la frase: nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo?
- E' nata da un concetto detto da Gesù ma non capito e mal interpretato. Tu Alessio sei composto di un corpo, di una mente e di uno spirito. Questi tre aspetti sono tre tipi di energia: Pensiero parola ed azione. Tutti e tre creano un'esperienza.
Tu prima hai detto che siamo qui per capire chi siamo veramente. Oltre a questo c'è altro da capire?
- La tua anima va in cerca del puro amore. Amore che ti permetterà di amare la tua ragazza allo stesso modo con cui ami il tuo vicino di casa.
E per quanto riguarda i Dieci Comandamenti?
- Non esiste nulla di simile ai Dieci Comandamenti. Io non comando nessuno e poi chi comanderei: Me Stesso? Quello che ho detto a Mosè non erano degli ordini ma erano e sono tuttora dieci segni che vi faranno capire che avete trovato la strada "giusta" per arrivare a me.

1. Amerai Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua mente, con tutta la tua anima. E non ci sarà altro Dio al di fuori di Me, perché non venererai più l'amore umano, o il successo, o il denaro, o il potere. Metterai da parte queste cose come un bambino mette da parte i giocattoli, non perché siano prive di valore, ma perché le hai superate.
E saprai di aver imboccato la strada verso Dio perché:

2. Non pronuncerai il nome di Dio invano, né mi invocherai per motivi frivoli, perché capirai il potere delle parole e dei pensieri, e non penseresti di invocare il nome di Dio in una maniera indegna. Non userai il mio nome invano perché non puoi. Poiché il mio nome non è mai usato invano, cioè senza risultati, né potrà mai esserlo.
E quando avrai trovato Dio lo conoscerai e ti darò anche questi segni:

3. Non dimenticherai di riservare un giorno per Me, e lo chiamerai <<santo>>. Questo per evitare che tu resti a lungo nelle tue illusioni, ed anche per ricordarti Chi e Che Cosa Sei.

4. Onorerai il padre e la madre, e sarai consapevole di essere il figlio di Dio quando onorerai il Dio tuo Padre/Madre, e tuo padre e tua madre sulla Terra perché ti hanno dato la vita. Inoltre, onorerai tutti.

5. Saprai di aver trovato Dio quando ti renderai conto che non ucciderai volontariamente, perché non puoi mettere fine alla vita di un individuo ( la vita è eterna), non sceglierai di interrompere alcuna particolare incarnazione, né cambiando l'energia di qualsiasi vita facendola passare da una forma a un'altra senza la più sacra delle giustificazioni. Onorerai tutte le forme di vita, comprese le piante e gli animali, e le colpirai soltanto quando verrà fatto per il più alto bene. E ti darò anche questi segni:

6. Non violerai la castità dell'amore con la disonestà o con l'inganno, poiché questo è adulterio. Te lo assicuro, quando avrai trovato Dio, non commetterai questo adulterio.

7. Non ti impossesserai di una cosa che non sia tua, né froderai, né ti renderai complice di azioni disoneste, e neppure recherai danno agli altri per il possesso di qualcosa, poiché questo significherebbe rubare. Né farai in modo di…

8. Dire una cosa che non sia vera, dando così falsa testimonianza. Ne farai in modo di…

9. Desiderare la donna del tuo vicino, perché quale ragione ci sarebbe di desiderare la donna del vicino quando sai che tutte le altre donne sono le tue?

10. Desiderare i beni del tuo vicino, perché per quale ragione dovresti desiderare i beni del tuo vicino quando sai che tutti i beni possono appartenerti e tutti i tuoi beni appartengono al mondo?

I DIECI COMANDAMENTI

1) Non avrai altro Dio all'infuori di me
2) Non pronunciare il nome di Dio invano
3) Ricordati di santificare le feste
4) Onora il padre e la madre
5) Non uccidere
6) Non commettere adulterio
7) Non rubare
8) Non dire falsa testimonianza
9) Non desiderare le cose degli altri
10) Non desiderare la donna degli altri

Il 6 ed il 10 sono stati uniti ed al posto del 6 è stato messo: Non commettere atti impuri.

torna alla prima parte

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter

Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...