Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Esperienze di vita      Indice


Sul Sentiero

Anonimo - novembre 2007
capitolo 8 -
Le aule d’apprendimento
capitolo precedente - capitolo successivo - indice

 

Le aule d’apprendimento

 

Nel corso del suo cammino sulla Terra, l’uomo passa attraverso alcune fasi, talvolta definite “aule di apprendimento”:

 

Nell’ Aula dei giochi, l’uomo è concentrato sul senso di mancanza e sulla conseguente tendenza all’accaparramento a tutti i livelli:

  • a livello fisico: beni, denaro, sesso…

  • a livello emotivo e mentale: affetti “esclusivi”, gelosie, ripicche, vanità, egocentrismo, potere, successo, esclusività…

Egli sente che “tutto gli spetta”; chiede di avere “tutto, subito, e senza sforzo”.

Dirà:

  • è mio diritto;

  • se non prenderò per me la tal cosa, un altro ne approfitterà;

  • voglio “essere felice” (a qualunque costo);

  • ognuno pensi a sé;

  • non sono responsabile.

Nell’ Aula dell’Apprendimento, l’uomo comincia a sentire talvolta scontento per ciò che è “solo per sé”. Inizia a condividere, a cooperare, ad empatizzare (cioè a condividere sentimenti); comprende, in parte, il valore dell’Inclusività.
Egli è però ancora dipendente dalla pigrizia, dall’incostanza, dalla centratura sul piccolo sé; in sintesi, dal dominio dell’ego.

Dirà:

  • quando mi è possibile, do una mano agli altri;

  • faccio quello che posso, ma devo pensare a me (o: alla mia famiglia);

  • mi piace/non mi piace;

  • voglio “essere libero”.

Il suo interesse per l’umanità è ancora vago e di tipo sentimentale ed episodico, non sempre si manifesta in atti concreti.
E’ ancora concentrato sul “diritto” e sull’”avere” anziché sul Dovere e sul Dare; sulla giustizia degli uomini e non sull’Amore divino.

 

Nell’ Aula della Saggezza, l’uomo si sente parte attiva e consapevole di un Tutto più grande.
A questo stadio egli:

 

  • sa che la sua “felicità” è collegata a quella degli altri;

  • considera il Potere e l’avere come occasioni per operare di più e più  e con maggiore ampiezza;

  • sa che la Legge dell’Amore governa l’Universo;

  • si sente responsabile del progresso suo, di quella dei fratelli e di quello  degli altri regni di natura;

  • sente fortemente il Dovere, per il quale è pronto a sacri-ficarsi, cioè ad anteporre il Bene di molti al suo piccolo vantaggio personale.

Dirà: “Sia fatta la Tua Volontà”.

Egli si avvia all’iniziazione, cioè ad entrare nel Mondo di Coloro che sanno.

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter

Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...