Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Esperienze di vita      Indice


Sul Sentiero

Anonimo - novembre 2007
capitolo 13 -
Circolo e spirale
capitolo precedente - capitolo successivo - indice

 

Circolo e spirale

 

Chi inizia il Sentiero cerca il Maestro fuori di sé; pensa che se sarà “costante”, o “abile”, o “fortunato” nella ricerca, avrà le certezze, le verità, i “poteri” cui aspira.
Frequenta corsi; avvicina improbabili “guru”; compie viaggi in Oriente; si inserisce in “gruppi di ricerca”; fa esperienze “spirituali”.
Ma la sua anima rimane vuota, in attesa.

Chi ha intravisto la Via:

  • opera all’interno di sé, allineando la personalità all’anima;

  • opera all’esterno, per “realizzare il Regno di Dio sulla Terra”, materializzando Pace e Unità nel mondo degli uomini;

  • comprende chiaramente che ogni vero insegnamento iniziatico non può essere dato che gratuitamente e per amore;

  • non cerca il Maestro che lo condurrà a conquiste spirituali; lavora invece per rendersi degno dell’interesse del Maestro, che lo noterà per la sua accresciuta luce: “Quando l’allievo è pronto, il Maestro arriva” (1);

  • sa che il Piano gli verrà svelato con sempre maggiore ampiezza man mano che si accrescerà la sua vibrazione e la sua rispondenza telepatica alle energie superiori.

Il Sentiero non è per tutti. Esso richiede un atto di volizione fermo, che implica totale abnegazione al compito e vigilanza costante a modificare se stessi; solo attraverso il proprio sacri-ficio (da sacrum facio, compio un atto sacro), si potrà creare la nuova realtà, fuori e dentro di sé.
Il Sentiero è la scelta dell’anima adulta che, con un atto di volontà che si origina nella profondità del Cuore, ha deciso di allineare la propria piccola volontà a quella del Grande Esserenel quale “viviamo e siamo”. E’ la scelta della responsabilità (da respondere abilitas, abilità a rispondere al compito).
Chi sceglie di percorrere il Sentiero non afferma più in modo profano, “Io voglio essere libero” ma “La mia volontà sia la Tua”. Egli cerca di com-prendere (prendere con sé) parti sempre più ampie del Progetto divino per l’umanità; sa che la sua Visione si amplierà solo quando la sua dedizione e la sua persistenza si rafforzeranno.

Le nuove comunità umane, basate sull’Etica della condivisione e sull’avvicinamento progressivo alla divinità, potranno essere fondate solo da coloro che percorrono con intrepidezza il Sentiero; essi saranno affratellati dalla Religione Universale, che sostituirà le attuali confessioni religiose, sempre più deboli e inadeguate ai tempi.
Tali uomini e donne formeranno un gruppo di intelligenze organizzate e orientate al fine dell’Unità di tutta l’umanità; ad essi, operai del Signore, è affidato il compito di “seminare la Terra” per far fiorire la consapevolezza della Nuova Era.
Per attuare ciò è necessario un lavoro arduo e indefesso, bisogna voler uscire dalla circolarità della propria piccola ed abitudinaria visione del mondo; bisogna che la vita si trasformi da “circolo” ripetitivo in spirale evolutiva:

 

L’ego può trasformare il circolo del proprio movimento vitale in una spirale avanzante e ascendente, che, pur continuando a farlo girare in circolo, lo porterà nel contempo a uno stadio superiore. La “montagna della realizzazione”, intorno a cui si svolge il sentiero a spirale, si svolge solo in questo modo. I pellegrini si muovono sempre in circolo, apparentemente ripercorrendo i propri passi, ma in realtà continuando a salire. Portando in avanti il punto centrale per mezzo della volontà, il saggio e il forte convertono i cerchi in spirali, e in tal modo avanzano e si realizzano. Questa, in verità, è una delle forme più alte di alchimia mentale”.
(Magus Incognito, La dottrina segreta dei rosacroce).

 

L’esperienza di vita, che  certamente ci ha formato, può essere considerata il nostro “insegnante del passato”; progredendo, possiamo sempre più determinare da noi stessi il tipo di esistenza che intendiamo vivere, poiché diventiamo sempre più “creatori di vita”.

Ad ogni tappa del percorso, la verità si amplia e abbraccia una parte di realtà sempre più vasta; camminiamo “nella” verità – quella che oggi riusciamo a comprendere – “verso” una verità più grande, che ancora non intravediamo, situata sulla successiva voluta della spirale.

capitolo precedente - capitolo successivo - indice

NOTE
1) cfr. i testi classci della Teosofia, ad es. l’edizione de La luce sul Sentiero di Mabel Collins, commentata da A. Besant e C. W. Leadbeater

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter

Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...