Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Esperienze di vita      Indice


Sul sentiero - Parte seconda
L’aspirante e l’alchimia interiore

Anonimo - maggio 2009
c
apitolo precedente - capitolo successivo - indice

LA VITA UNA
Capitolo 3 - L’Atomo, l’Uomo e il Tutto

 

Così come l’atomo è composto da un insieme di elettroni, i corpi degli uomini  sono composti da minuscole particelle, ognuna delle quali è un’entità vitale; il comportamento dell’uomo è la risultante delle varie unità di vita che compongono il suo corpo e la sua mente. E’ questa anche la visione scientifica di Edison, originata da un’alta intuizione:

 

Atomi, in armoniosi ed utili rapporti, assumono forme e colori bellissimi… Riuniti insieme, in certe forme gli atomi costituiscono animali di infimo ordine. Finalmente si combinano nell’uomo, che rappresenta l’intelligenza totale di tutti gli atomi. (T. Edison, Scientific American, ottobre 1920)

 

L’uomo, come l’atomo, è un centro di forze intorno al quale si aggregano le cellule del suoi corpi: fisico, emotivo, mentale; egli, come l’atomo, usa il discernimento per potenziarsi e raggiungere i suoi fini evolutivi.
I pianeti possono considerarsi atomi intelligenti che trattengono materia entro la propria sfera d’influenza, perseguendo un definito proposito evolutivo; ed anche il sistema solare segue lo stesso schema: il Sole è il nucleo intorno al quale i pianeti ruotano, riconoscendolo come centro di energia.
La differenza tra l’atomo fisico e chimico, l’uomo e i pianeti, è ovviamente nel grado di coscienza, e quindi nelle diverse possibilità di rispondere al richiamo della Vita entrostante; dichiara H. P. Blavatsky: “Dovunque ci sia un atomo di materia…c’è vita in esso”.
Lo stesso concetto di sostanza (sub stantia, che sta sotto) rimanda ad una Vita intelligente che ha una sua specifica sfera d’influenza e agisce all’interno degli elementi, indirizzandoli a livelli sempre più alti di manifestazione.

Pertanto, in questo ampio scenario:

  • ogni atomo-uomo è un pensiero entro una forma; l’iniziato Paolo, nel secondo capitolo dell’Epistola agli Efesini, sostiene che Dio esprime la sua idea attraverso ogni vita, microcosmica o macrocosmica: “Noi siamo opera sua”;

  • i tre regni della natura sono forme attraverso le quali si manifestano e si evolvono le coscienze, sorrette da un’Idea e tendenti ad un Proposito; i corpi fisici sono manifestazioni di quell’Idea e di quel Proposito sottostanti;

  • il sistema solare è l’insieme di tutte le forme, distribuite nei tre regni di natura; esso è il Corpo di un Grande Essere che lo usa come strumento di espressione per la sua evoluzione.

E’ a questa Grande Vita che probabilmente allude l’apostolo Paolo quando si riferisce al “Corpo di Cristo”, intendendo con questa espressione l’insieme di unità umane tenute nella sfera di irradiazione del Cristo e che possono essere considerate “il suo corpo” così come le cellule dell’uomo formano il suo corpo fisico.
In un antico scritto sanscrito si dice:

 

Ogni forma sulla terra e ogni atomo nello spazio lotta con i suoi sforzi verso l’autoformazione seguendo come modello l’Uomo Celeste. L’involuzione e l’evoluzione dell’atomo …hanno un solo e unico fine: l’uomo.
                                                              
Poiché pertanto ogni atomo di materia diventerà “uomo”, attraverso graduali passaggi di coscienza, si può supporre che anche l’uomo possa evolvere verso stadi di coscienza sempre più avanzati, raggiungendo lo sviluppo di grandi entità quali, ad esempio, quelle dei sistemi planetari; a loro volta, le entità planetarie potrebbero ampliare la loro coscienza fino a comprendere il Tutto.
L’Uomo, la Terra e l’universo sono in intima risonanza, le loro strutture sono analogicamente in corrispondenza (“come in cielo, così in terra”) e un’unica coscienza, la Coscienza universale, le anima.
Si apre così a nuove comprensioni l’assioma ermetico “Uomo, conosci te stesso e conoscerai l’Universo e gli dei”; analizzandoci come centri di energia che mantengono gli atomi del corpo nella propria sfera di influenza, potremmo fare di noi stessi dei “laboratori di informazione” sulle leggi del  Cosmo.
Tale lavoro può essere svolto tenendo conto che per l’uomo, come per ogni atomo, l’evoluzione è causata dalla vita interna alla sostanza e dalle relazioni con gli altri atomi.
L’uomo che considera ogni cosa come riferita a se stesso vive ancora nello stadio dell’individualismo; la via più ampia che attende ogni essere umano è quella del rapporto intimo e costante con gli altri atomi e con il proprio gruppo, ovvero con il gruppo di anime con il quale evolve.
In questo periodo storico l’uomo sta comprendendo il senso della Co-operazione (compiere un’opera insieme), che è una qualità dell’anima; essa va sostituendosi a quello della competizione, che ha dominato nelle prime vicende del cammino dell’umanità. Si comprende che il gruppo rallenta se alcuni membri non si adeguano alle vibrazioni sempre più rapide; ognuno lavorerà per lo sviluppo delle potenzialità di tutti i compagni, al fine della comune evoluzione.
Atomi-uomo più evoluti, oltre a essere centri di Vita, irradiano, e diventano radioattivi e magnetici, influenzando altre forme, così come avviene alle sostanze radioattive.
Amore ed en-ergia (da en, dentro, e érgon, forza: forza dentro) emanano da coloro che hanno scelto la via del sacri-ficio, rifiutando moventi egoistici e offrendo se stessi  per l’evoluzione del gruppo.
Tale più alta comprensione richiede il riconoscimento dell’evidente “Legge della Gerarchia”, che regola il microcosmo ed il macrocosmo, e per la quale “il grande comprende il piccolo” ma “il piccolo non comprende il grande”, non avendo ancora raggiunto il necessario livello evolutivo.
Oggi il concetto di “gerarchia” non è molto popolare: mentre alcuni accolgono come veritiero ogni messaggio che si presume provenga da un maestro, altri sono intimoriti dall’idea di violazione della libera volontà che credono sia implicita nell’idea della Gerarchia spirituale; altri ancora si sentono offesi dall’idea dei diversi livelli tra gli esseri, poiché ritengono che l’uguaglianza sia il più alto ideale che l’umanità possa esprimere.
In realtà, è la grande Catena dell’Essere - la quale prevede rapporti gerarchici e  pervade ogni cosa, e ad ogni livello di esistenza - che permette il libero flusso di Vita e Conoscenza necessario all’Evoluzione di tutti gli elementi della Manifestazione, dal sasso all’Uomo.

Afferma un antico aforisma:

 

All’interno del raggio dell’amore di Dio, del raggio del sistema solare, tutte le forme, tutte le anime, tutte le vite evolvono. Lascia che ogni figlio di Dio prenda parte a questa saggezza. Rivela a tutti l’Unità delle molte vite.

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter

Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...