Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Le finestre dell'anima di Guido BrunettiLe Finestre dell'Anima

di Guido Brunetti   indice articoli

 

Guido Brunetti e la sua concezione trinitaria della persona

Di Anna Gabriele - Maggio 2016

 

La rivista “Neuroscienze”  ha pubblicato un interessante saggio sulla figura e l’opera del professor Guido Brunetti. Il lavoro comprende anche le schede dei suoi libri, i quali spaziano nei più diversi campi delle neuroscienze, della psichiatria e della psicoanalisi.

Il saggio è un tentativo di rappresentare il pensiero dell’autore su temi complessi, difficili e delicati, come il cervello, la mente e la coscienza. Tre concetti che nascondono ancora abissi di ignoranza e di mistero e che rappresentano la più stupefacente sfida del XXI secolo per qualsiasi neuroscienziato.

Dopo aver rilevato il notevole contributo fornito da Brunetti, che tra l’altro ha tenuto lezioni nelle Università di Roma, Lecce e Salerno, alla comprensione del cervello e della mente e al progresso delle nuove neuroscienze, la rivista afferma che ciò che esprime “la sua peculiarità e lo differenzia dagli altri autori è il valore aggiunto della sua concezione scientifica, filosofica e spirituale della persona umana”.

 

Brunetti, infatti, dopo un lungo e fecondo itinerarium mentis perviene alla formulazione di una teoria  trinitaria, trialistica, dell’essere umano.

Al monismo materialista dell’homo natura di Freud e dell’homo neurale del riduzionismo scientifico biologico, che rifiuta ogni istanza spiritualistica che asserisca il dominio di entità ignote sulla mente, e al dualismo classico di Platone, Aristotele, Agostino e Tommaso d’Aquino sulla distinzione tra anima (immateriale) e corpo, Brunetti introduce il concetto di homo persona. Un soggettoprovvisto di natura spirituale (spiritualis natura), che si manifesta come esistenza, essenza, esserci, spirito, pensiero, io, soggettività, trascendenza della persona, anima. Queste sono entità immateriali, le quali non sono “spiegabili” attraverso metodi scientifici sperimentali, empirici, e sono, finora, “indimostrabili”.

 

L’homo persona - spiega Brunetti - non coincide in quanto soggetto ontologico necessariamente con il soma e la psiche, ma coinvolge altre dimensioni, come per l’appunto quelle della coscienza, dello spirito, del pensiero.

Egli sostiene la distinzione irriducibile fra cervello, psiche e mente, ravvisando un carattere manifestamente incorporeo come elemento essenziale dell’individuo. Il pensiero, che è la più grande meraviglia del creato, trascende il corpo, è al di sopra della struttura materiale, ma si “incarna” (embodied)nel cervello, si “materializza”,  senza perdere il suo carattere spirituale. L’essere umano produce idee ed emozioni e le “canalizza” attraverso il cervello, il linguaggio, i comportamenti, i gesti, i simboli.

 

“Non c’è mente senza cervello, non si può pensare senza cervello. Ma il cervello non è l’Io, non può essere identificato con il pensiero”. Il cervello “non spiega il pensiero, come avevano già intuito Socrate e Platone e poi i neuroscienziati Sherrington e J. Eccles e altri studiosi fra i quali Heidegger, Binswanger e Popper. E’ la persona, in quanto individualità originale, specifica e irripetibile, e non il cervello, che esiste, pensa, vede, ode, ama, odia, invidia, soffre, gioisce. E’ la persona che trascende e decide il proprio modo di essere e di esser-ci nel mondo”.

Apparteniamo - come concorda il neuro scienziato Gazzaniga - a due “categorie” dalle “proprietà distinte”: siamo oggetti biologici e dunque soggetti alle leggi fisiche, ma abbiamo anche proprietà mentali, le quali “non sono soggette alle leggi fisiche”. C’è il mio corpo, un oggetto fisico, ma c’è anche una essenza invisibile, senza corpo, che è l’animo, lo spirito. Il corpo senza l’animo - precisa Gazzaniga - è “un nulla”.

L’homo persona di Brunetti è quindi un corpo biologico ed è una essenza non osservabile: due cose in una. Egli è in sostanza  interessato - come Freud - non soltanto “al pianterreno e al sotterraneo dell’edificio”, ma anche - come conviene Binswanger - “al piano superiore” della vita spirituale.

Io non soltanto sono “il corpo che ho” (Korper), ma anche “il corpo che sono”  (Leib).

 

L’esistenza dunque viene a porsi - secondo il pensiero di Brunetti - come una condizione ontologica, la quale si può definire “dimensione spirituale”. Questa forma ci permette di asserire che l’anima umana è “sostanza spirituale”.

 

In questa visione brunettiana, il piano epistemologico scientifico si amalgama  in un rapporto di complementarità e integrazione con quello filosofico ed antropologico. Di qui, il suo grande merito - come hanno sottolineato alcuni neuro scienziati - di saper fondere in modo mirabile discipline scientifiche e discipline umane. “Un raro esempio - ha scritto il neuroscienziato Vizioli - di come possano coesistere l’umanista e lo scienziato”. E Brunetti - ha precisato - è un “umanista-scienziato”, e “uno dei pochi autori capace di scrivere un libro sul cervello, la mente e la coscienza” (Boncinelli).

 

Tutto questo rende conto della vastità dei suoi orizzonti e della molteplicità dei suoi saperi. Che lo rendono una figura poliedrica, versatile. Un percorso di ricerca e una lucidità di analisi che afferiscono alle neuroscienze per estendersi ad altre branche, come psichiatria, psicoanalisi, psicologia, pedagogie speciali, in un  processo di interazione con la filosofia, l’antropologia e la letteratura. Quella di Brunetti - ha rilevato Rapisarda - è una “cultura universale”.

Sono discipline - precisa il noto scrittore - che hanno approcci epistemologici differenti, ma insieme concorrono a realizzare le profonde istanze etiche e spirituali innate nell’essere umano. In questa maniera, egli giunge ad un paradigma unitario dei saperi, considerati manifestazione della natura universale dello spirito.

 

Concludendo, dall’analisi delle sue opere emerge - come già rilevato da autorevoli neuro scienziati - una figura di umanista-scienziato e di scrittore capace di immergersi nel mistero profondo ed oscuro del cervello e dell’animo umano, con una scrittura polifonica, fluida, gradevole e brillante, qui e là percorsa da cadenze poetiche e con un chiaro valore culturale e scientifico. Sono pagine veloci, attraenti, godibili.

“Si rimane - scrivono molti suoi lettori e studiosi - sempre affascinati dalla lettura dei libri e dei saggi di Guido Brunetti”.

 

Ha ricevuto molteplici premi, soprattutto istituzionali, in riconoscimento della sua opera e delle sue elevate qualità professionali, intellettuali e morali.

Chiediamo al professor Guido Brunetti dell’onorificenza concessagli da Papa Wojtyla, oggi San Giovanni Paolo II. Preferisce non parlarne. Obiettivamente - osserviamo noi - ricevere un prestigioso riconoscimento da un Santo è un grandissimo privilegio, un evento eccezionale, irripetibile, storico. E’ impossibile non commuoversi.

 

Anna Gabriele

 

Altri articoli di Guido Brunetti

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...