Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Le finestre dell'anima di Guido BrunettiLe Finestre dell'Anima

di Guido Brunetti   indice articoli

 

Guido Brunetti premiato a Viareggio

Di Anna Bianchi   - Settembre 2014


Guido Brunetti premiato a ViareggioNel corso di un evento che si è svolto a Viareggio il 16 giugno 2014 nel noto locale “Balena 2000”, è stato consegnato al professor Guido Brunetti, di Roma, un premio assegnatogli dalla locale “Associazione Juventus, Scuola calcio Marcello Lippi” per “lo straordinario, appassionato e nobile impegno profuso - si legge nella motivazione - a beneficio delle persone anziane e dell’ Istituto Sacro Cuore” della città della Versilia, un’ antica e gloriosa struttura che da anni attraversava una grave crisi economica e rischiava la chiusura definitiva.

A consegnare il prestigioso riconoscimento all’ illustre ospite è stato Marcello Lippi, commissario tecnico della Nazionale di calcio campione del mondo 2006, il quale ha espresso a Brunetti sentimenti di gratitudine e di apprezzamento per la sua forte e determinata opera umanitaria. Una bella e dura battaglia avviata dal mese di agosto del 2013 finalizzata a promuovere una gara di solidarietà e sensibilizzare e coinvolgere il maggior numero di persone e di istituzioni pubbliche e private, a cominciare dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al Papa, alla Regione Toscana, al sindaco e alle organizzazioni industriali ed economiche della Versilia.

“L’ obiettivo - ha dichiarato Brunetti - era soprattutto quello di assicurare a quelle splendide persone anziane, che conoscevo da anni, uno stato di serenità e di tranquillità interiore e non aggravare la già triste condizione della vecchiezza, il malessere esistenziale, le malattie, la devastante solitudine psicologica e le afflizioni della vita quotidiana”.

“Una società che abbandona gli anziani - ha aggiunto -  spezza le sue radici culturali e valoriali e offusca il suo avvenire. E’ il tramonto della civiltà. I silenzi di fronte alla sofferenza, là dove si trova soprattutto l’ umanità più fragile e ferita - ammalati, anziani, emarginati - sono una violenza psicologica e morale, un atto di rifiuto e di arroganza, che offende e mortifica”.

“In un mondo desertico e degradato, dobbiamo assumerci il rischio di essere protagonisti di un nuovo umanesimo, di un nuovo progetto pedagogico e morale e non chiuderci in posizioni di fuga o difesa egoistica. Occorrono gesti concreti di solidarietà, un’ azione continua nel prendersi cura degli altri contro l’ indifferenza e la liturgia di parole vacue, ipocrite, predicatorie e consolatorie”.

“L’ uomo privo di progettualità etica - ha concluso Brunetti – non è un uomo, è il nulla, un non-essere. Sta di fatto che prendersi cura degli altri è un fattore fondamentale per l’ evoluzione e la stessa sopravvivenze della specie, come dimostrano le meravigliose scoperte delle nuove neuroscienze”.

“Curare dunque anzitutto - come già affermavano Socrate e Platone - l’ anima, poiché in essa vivono il bene e la virtù”.

Guido Brunetti, esperto di neuroscienze, scrittore, ha tenuto lezioni nelle Università di Roma, Lecce e Salerno. Da anni frequenta con la sua famiglia Viareggio, città che ha definito “terra di ferina bellezza” e alla quale è legato da profondi sentimenti affettivi. Una targa recante una sua poesia intitolata “Ode a Viareggio” è stata posta dal Comune sulla parete di una scuola cittadina.

 

   Anna Bianchi

 

Altri articoli di Guido Brunetti

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...