Home Page Riflessioni.it
DOVE IL WEB RIFLETTE!
14° ANNO

Forum di Riflessioni.it
 
Il forum di Riflessioni.it non è uno spazio pubblico, ma uno spazio privato aperto al pubblico sottoposto a particolari condizioni d’uso descritte nel regolamento e nella netiquette. Questo forum non è una chat definizioni di forum e chat
ATTENZIONE: la pubblicazione dei messaggi non è in tempo reale.
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Cerca I messaggi di oggi Segna forums come letti
Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum non attivi > Cultura e Società
 Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse. Sezione in modalità solo lettura
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione Modalità visualizzazione
Vecchio 21-01-2007, 17.38.26   #11
ART
Ospite
 
Data registrazione: 21-01-2007
Messaggi: 6
Riferimento: l'euro

Citazione:
Originalmente inviato da Weyl
e, se fosse ragionevole ricalcolare le differenze, riporterebbe il cambio ufficiale dell'euro a 1500, e non più, delle nostre vecchie lirette.

Il cambio ufficiale è assolutamente ottimale com'è stato stabilito all'inizio ("stabilito" si fa per dire, dato che in realtà non è stato inventato da nessuno). Quella delle 1.500 lire è una trovata propagandistica inventata da qualche politico che poco e niente capisce di economia.

Secondo questa teoria per non fissare la lira a un livello troppo alto che avrebbe fatto perdere la competitività in esportazione alle aziende italiane l'opinione pubblica lo avrebbe voluto più basso, appunto sulle 1.500 lire, ma
la lira era tanto più forte quante meno lire occorrevano per acquistare un euro e tanto più debole quante più lire occorrevano per acquistare un euro. Quindi chi critica il cambio attuato di 1936,27 perchè configura una lira troppo forte avrebbe dovuto auspicare un cambio ad esempio di 2100 - 2200 lire, con cui si avrebbe avuta una lira rispettivamente più debole del 7,8% e del 12%: un cambio a 1500 lire fa la lira più forte del 29% rispetto alla situazione attuale.
ART is offline  
Vecchio 21-01-2007, 18.58.42   #12
Ospite abituale
 
Data registrazione: 24-04-2006
Messaggi: 486
Riferimento: l'euro

Citazione:
Originalmente inviato da ART
Il cambio ufficiale è assolutamente ottimale com'è stato stabilito all'inizio ("stabilito" si fa per dire, dato che in realtà non è stato inventato da nessuno). Quella delle 1.500 lire è una trovata propagandistica inventata da qualche politico che poco e niente capisce di economia.

Secondo questa teoria per non fissare la lira a un livello troppo alto che avrebbe fatto perdere la competitività in esportazione alle aziende italiane l'opinione pubblica lo avrebbe voluto più basso, appunto sulle 1.500 lire, ma
la lira era tanto più forte quante meno lire occorrevano per acquistare un euro e tanto più debole quante più lire occorrevano per acquistare un euro. Quindi chi critica il cambio attuato di 1936,27 perchè configura una lira troppo forte avrebbe dovuto auspicare un cambio ad esempio di 2100 - 2200 lire, con cui si avrebbe avuta una lira rispettivamente più debole del 7,8% e del 12%: un cambio a 1500 lire fa la lira più forte del 29% rispetto alla situazione attuale.

Scusa, sono colpevolmente ignorante in materia economica, quindi tenere un cambio "alto", a 1936,27, praticamente serve a favorire le esportazioni, giusto?...
__________________
"Quando tutti vogliono essere qualcosa l'unica scelta dignitosa è essere nulla."

N. Gomez Davila, Escolios
S.B. is offline  
Vecchio 22-01-2007, 14.05.07   #13
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-08-2005
Messaggi: 307
Riferimento: l'euro

Citazione:
Originalmente inviato da aurora
secondo me hanno sbagliato a fare l'euro. Non nel senso della moneta ma il "come".
Dovevano fare 1 euro di carta (come il dollaro) per dargli maggiore valore, cosi' lo consideriamo e viene considerato alla stregua degli spiccioli.
Poi noi Italiani siamo stati ulterir,mente penalizzati dai sottomultipli, a cui non eravamo abituati, i cents....e tendiamo ad arrotondare o non ci ricordiamo i cents di differenza tra due prezzi diversi per lo stesso prodotto.

Io penso che chi ha deciso la moneta non la usa, perche' abituato ad usare solo le carte di credito per cui ha partorito quegli aborti di cents piccolissimi e gli euro di metallo....e chissa' quanto e' stato pagato anche...

ciao

Nn sono d'accordo, è solo una questione di abitudine, nn reputo gli italiani stupidi a tal punto.
Se nn ci fosse stato l'euro in italia dio solo sà quello che sarebbe successo...Saremo davvero diventati sudditi di un altro paese.
L'euro ci ha salvati, ha salvato tutti gli europei e forse il mondo dalla nuova superpotenza(la cina) che ricordo a tutti basterebbe che vendesse le sue riserve di dollari per distruggere l'economia americana,ciao...
Nemo is offline  
Vecchio 23-01-2007, 00.32.59   #14
ART
Ospite
 
Data registrazione: 21-01-2007
Messaggi: 6
Riferimento: l'euro

Citazione:
Originalmente inviato da S.B.
Scusa, sono colpevolmente ignorante in materia economica, quindi tenere un cambio "alto", a 1936,27, praticamente serve a favorire le esportazioni, giusto?...

Non è che il cambio sia nato apposta pensando alle esportazioni, ma se avessimo applicato davvero un cambio di 1.500 lire gli esportatori sarebbero finiti direttamente in mezzo alla strada.
ART is offline  
Vecchio 23-01-2007, 05.42.03   #15
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Riferimento: l'euro

Si può riflettere su tutto. Basta essere consapevoli che alcune riflessioni, come questa (valore 1500 per cambio dell'euro-lira), sono oziose. Non è mai stato deciso un rapporto di cambio. Si è solo applicato un cambio che discendeva automaticamente dal rapporto in essere tra le monete del sistema precedente, che è stato prodromico, diciamo così alla fissazione meccanica dell'euro!
Carlo Forin is offline  
Vecchio 23-01-2007, 22.01.54   #16
.
 
L'avatar di aurora
 
Data registrazione: 03-07-2006
Messaggi: 257
Riferimento: l'euro

continuo a pensare che la moneta cosi' come e' stata fatta e' sbagliata, nel senso materiale del termine, cents troppo piccoli, simili, euro di metallo....almeno i due euro potevano farli di carta!! in giro, si parte dai 5 euro commercialmente, un disastro inflazionistico!
Chi ha fatto la moneta non la usa, paga con carta di credito....ormai c'e' uno scollamento totale tra classe dirigente e popolo ovvero realta'
aurora is offline  
Vecchio 24-01-2007, 00.19.30   #17
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 23-02-2005
Messaggi: 741
Riferimento: l'euro

Citazione:
Originalmente inviato da ART
Non è che il cambio sia nato apposta pensando alle esportazioni, ma se avessimo applicato davvero un cambio di 1.500 lire gli esportatori sarebbero finiti direttamente in mezzo alla strada.

Non diciamo sciocchezze.
Dimentichi che l'economia del nostro Paese è fondata sulla "trasformazione" delle materie prime, le quali importiamo quasi totalmente.
E mi riferisco, oltre che alle fonti di energia, anche alla massima parte di tutti quei materiali che la tecnologia, più o meno sofisticatamente, "manipola".
Il potere d'acquisto della "tecnologia", inoltre, non si dispone nel contesto autarchico del territorio nazionale, nè di quello dell'UE.
Esso è il frutto di un equilibrio "di mercato" che concerne la spendibilità del "know how" ovunque nel mondo, compresa la sua, ovvia, "traducibilità" in beni immobili e voluttuari.
Se il tuo ragionamento fosse corretto, caro amico, sarebbe sufficiente svalutare pesantemente l'euro per creare ricchezza e reddito in ogni Paese della Comunità...!!

Ma è mai possibile ragionare in termini tanto semplicistici?
Weyl is offline  
Vecchio 24-01-2007, 06.58.53   #18
Ospite abituale
 
Data registrazione: 12-09-2005
Messaggi: 219
Riferimento: l'euro

Citazione:
Originalmente inviato da aurora
continuo a pensare che la moneta cosi' come e' stata fatta e' sbagliata, nel senso materiale del termine, cents troppo piccoli, simili, euro di metallo....almeno i due euro potevano farli di carta!! in giro, si parte dai 5 euro commercialmente, un disastro inflazionistico!
Chi ha fatto la moneta non la usa, paga con carta di credito....ormai c'e' uno scollamento totale tra classe dirigente e popolo ovvero realta'
Aurora, per continuare a pensare economicamente bisogna prima iniziare! Allora sì si comincia a distinguere il giusto da quello che è sbagliato. Su quasi 500 milioni di utenti gli Italiani sono poco più di 50 milioni. Noi siamo quelli che usavano la liretta, cioè un'unità monetaria piccola come l'atomo, senza frazioni. Gli altri usavano sistemi monetari con l'uno al centro di sottomultipli e di multipli. L'Euro si quota giusto con i loro vecchi sistemi e si quota sbagliato col nostro sistema della lira, inflazionata da decenni di svalutazioni. Oltre a ciò noi abbiamo dato la guida dell'economia a Tremonti, che di economia politica non capisce un tubo e a Berlusconi, capacissimo di vedere l'economia domestica dal suo punto di vista, ma assolutamente incapace di vederne un altro (quello degli altri). Così, hanno tolto i doppi prezzi, cioè la possibilità di fare i confronti per i consumatori. E l'inflazione reale ha galoppato libera, in Italia. Ma non nel resto d'Europa. La vuoi leggere la realtà? Comincia!
Carlo Forin is offline  
Vecchio 24-01-2007, 09.14.40   #19
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-01-2007
Messaggi: 50
Riferimento: l'euro

Citazione:
Originalmente inviato da aurora
continuo a pensare che la moneta cosi' come e' stata fatta e' sbagliata, nel senso materiale del termine, cents troppo piccoli, simili, euro di metallo....almeno i due euro potevano farli di carta!! in giro, si parte dai 5 euro commercialmente, un disastro inflazionistico!
Chi ha fatto la moneta non la usa, paga con carta di credito....ormai c'e' uno scollamento totale tra classe dirigente e popolo ovvero realta'

Mi permetto di contraddirti, ma siamo noi che ci lasciamo influenzare dal mercato. Incominciamo a fare le scelte che ci permettono di dare il giusto valore al nostro denaro.
Con gli incentivi per la trasformazione del motore dell'auto a metano, stanca di buttar via 1/2 del mio stipendio per far benzina, ho acquistato un'auto a metano. Ti assicuro che in casa mia non c'è più neanche uno spicciolo in giro, perchè tutto è parametrato a centesimi e non ad euro.
Cerchiamo di svegliarci e adottare i metodi di risparmio più consoni ai nostri mezzi.
Mi piaci perchè non sei nè per Prodi, nè per Berlusconi, ma cerchi di vedere le cose come stanno, non dobbiamo solo lamentarci però, dobbiamo darci da fare anche noi
Maura is offline  
Vecchio 24-01-2007, 10.21.38   #20
Ospite abituale
 
Data registrazione: 08-01-2007
Messaggi: 50
Riferimento: l'euro

Citazione:
Originalmente inviato da Weyl
Detto in termini semplici, caro amico, non può pensare che un chilo di pomodori prodotti in sicilia, possa costare un prezzo tanto diverso a Vienna rispetto a Milano o Marsiglia, se il sistema prevede le stesse unità di valori circolanti, e se gli agenti economici operanti a Vienna, Milano e Marsiglia producono beni ugualmente "appetibili" sul mercato comune.
Ne consegue che il problema stava "a monte", ossia a quella delicata fase in cui occorse stabilire il valore di "cambio" tra le singole monete nazionali e l'euro.
Mi scusi se mi elevo “al Suo sapere e alla Sua cultura”(che per altro ammiro), ma conosco lavoratori provenienti dalla Campania che si lamentano perché il costo della vita in Emilia è molto più alto rispetto a quello della loro regione di provenienza e quindi Vi sono altre ragioni economiche che fan sì che il potere d’acquisto sia diverso tra le varie zone d’Europa e
paradossalmente d’Italia.
Citazione:
Originalmente inviato da Weyl
Sì, perchè chiunque, come il sottoscritto, si divida tra Torino e Vienna, sa che i prezzi di ogni merce, fino al 2001 uguali, oggi sono nettamente più cari da noi che là: e, se fosse ragionevole ricalcolare le differenze, riporterebbe il cambio ufficiale dell'euro a 1500, e non più, delle nostre vecchie lirette.
Non so se è per pudore oppure no, che non dice che questo, l’Italia è il paese dei furbetti………e ci sono delle aree di non belligeranza dove può succedere di tutto.
Visto che Lei vive tra l’Austria e l’Italia perché non fa un confronto tra i costi bancari di quel paese e il nostro, le commissioni sulle carte di credito come vengono applicate? la trasparenza nei locali pubblici per i turisti?(che differenza rispetto all’Italia, dove addirittura ci sono due listini uno per i clienti abituali e uno per i turisti). Questo è il paese dei furbi governato dai furbi che si mimetizzano in ogni tipo di cordata governativa.
Sa quale è la differenza tra Prodi e Berlusconi secondo me:
che Prodi se li ritrova in un qualche ministero e in molti sottosegretariati, mente il Sig. Berlusconi è il rappresentante ufficiale di questi furbetti, è quello che a forza di furberie è andato al poter per non render conto alla giustizia delle malefatte fatte in precedenza.
Ciò non toglie che uno possa aver ragione su alcune cose e l'altro no e viceversa.
Maura is offline  
Arrow Condividi questa discussione:       

 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Disattivato
Pingbacks are Disattivato
Refbacks are Disattivato

Puoi aggiungere le ultime novità di Riflessioni.it e le ultime discussioni del forum sul tuo sito o sul tuo blog, per informazioni
Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 23.46.30.

vBulletin Copyright ©2000-2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Content Relevant URLs by VBSEO
Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 - Copyright ©2002-2014