Home Page Riflessioni.it
DOVE IL WEB RIFLETTE!
14° ANNO
Il forum di Riflessioni.it non è uno spazio pubblico, ma uno spazio privato aperto al pubblico sottoposto a particolari condizioni d’uso descritte nel regolamento e nella netiquette. Questo forum non è una chat definizioni di forum e chat
ATTENZIONE: la pubblicazione dei messaggi non è in tempo reale.
Forum di Riflessioni.it
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Cerca I messaggi di oggi Segna forums come letti
Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum attivi > Psicologia
 Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
 Il forum di psicologia non offre consulenze professionali e/o sostegno psicologico.
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione Modalità visualizzazione
Vecchio 20-05-2003, 17.45.28   #1
Ospite
 
Data registrazione: 06-05-2003
Messaggi: 30
Question tradimento...

Se il/la vostro/a ragazzo/a vi tradisse cosa fareste?
E' poi tanto giusto parlare di perdono sempre e comunque? Ma d'altra parte se non si perdona si perderebbe la persona amata per sempre...
Rispondetemi... è da un po' di giorni che ci penso, volevo rendervi partecipi...

*little star*
__________________
*Little Star*
little star is offline   Rispondi quotandoRispondi quotando
Vecchio 21-05-2003, 10.22.08   #2
Ospite
 
Data registrazione: 04-07-2002
Messaggi: 38
Non ce la farei mai a perdonare.......Potrei provarci ma rimarrebbe sempre latente dentro di me rabbia risentimento e sofferenza che credo riuscirebbero a rovinare del tutto il rapporto con l'amato. D'altra parte amare è dare, aprirsi, liberarsi...... come potrei farlo sapendo che lui mi ha tradito con un altra?
Sunshine is offline   Rispondi quotandoRispondi quotando
Vecchio 21-05-2003, 11.07.31   #3
Ospite abituale
 
L'avatar di medea
 
Data registrazione: 19-03-2003
Messaggi: 89
Credo che perdono sia una parola profonda. Per rimanere insieme a una persona dopo un tradimento si deve perdonare... e questo richiede passaggi molto difficili: -innanzitutto bisogna ritrovare la fiducia che è venuta a mancare e poi -bisogna nn rinfacciare mai ne ritornare mai sull'argomento.
Non dico che bisogna dimenticare ma bisogna andare avanti senza mai guardare indietro perchè altrimenti si soffrirebbe ancora di più.
Naturalmente condizione essenziale è che la persona che ha tradito sia veramente pentita!!
nn so se mi sono espressa bene e quello che ho detto è chiaro ma questo è un argomento molto delicato...
bhe ciao ciao
Danila
medea is offline   Rispondi quotandoRispondi quotando
Vecchio 21-05-2003, 12.14.23   #4
Ospite
 
Data registrazione: 19-05-2003
Messaggi: 19
tradimento

Ciao Little star,
trad-ire vuol dire andare oltre, oltrepassare i limiti, e significa esattamente la stessa cosa di tras-gredire.
La trasgressione, è dunque, un sorpassare i limiti imposti dalla morale corrente, dal pensare dell'uomo tranquillo, comune.
La persona che trasgredisce non è un individuo tranquillo, non è comune.
Proprio perchè trasgredire vuol dire andare oltre, sorpassare i limiti, colui che tradisce (trasgredisce), è come se inviasse un messaggio alla persona che ha tradito. E' come se le dicesse "Guarda che io non sono un essere comune, tranquillo. Io sono una persona che ha bisogno di essere compresa".
Ho voluto fornirti di un piccolo stimolo, per poter riflettere sull'evento che hai vissuto e che ti sta a cuore.
A me è dato di comprendere, non di giudicare, non di dare facili ed inutili consigli.
Pensaci, little star, pensaci col cuore, più che con la mente.
Un caro saluto, Gaetano.
__________________
Gaetano
Gaetano is offline   Rispondi quotandoRispondi quotando
Vecchio 21-05-2003, 12.17.00   #5
autobannato per protesta
 
L'avatar di visir
 
Data registrazione: 02-05-2002
Messaggi: 444
Tradimento o risentimento

Viviamo in uno strano mondo.
Spesso ho assistito o letto a discussioni di questo tipo e resto sempre perplesso.
Tradire certo, ma chi e che cosa? varrebbe la pena di domandarselo con sincerità.
I rapporti di molte persone si basano su reciproci accordi, in definitiva dei contratti, dei patti: Se tu fai così io farò cosà.
Se facciamo l'amore assieme per un ragionevole tempo e condividiamo abbastanza gioie e sfighe allora: "abbiamo un rapporto".
Che banalità, che piccolezza d'animo.
Ci ancoriamo a delle pseudo sicurezze e non ci incontriamo mai veramente con l'altro, entrambi imprigionati dalla nostra morale che non tiene conto dei desideri dell'uomo (e della donna).

Vi siete mai chiesti se siete veramente voi stessi con il vostro compagno/a? Avete veramente ascoltato l'altro, permettendogli di esprimere ciò che è? gli raccontate i vostri desideri e vi mostrate veramente nudi?
"Se mi ami devi amare solo mé, altimenti mi tradisci", e perchè mai?
Se il nostro fidanzato/a si picchia con qualche d'uno o litiga con qulch'altro lo sosteniamo , ma se gli dona del piacere allora scatta il tradimento.
Che modo curioso di pensare.
Forse allora è nella misura del "piacere" che si deve vedere la cosa, se aiuto un barbone per strada, lo sfamo, lo vesto ecc. sono buono, ma se vedo un uomo o una donna solo/a disperato d'amore è gli regalo me stesso sono un zoccolone/a, scusate ma sono un pochino perplesso.

Ed ancora, se vediamo un film dove si ammazzano in continuazione, dove serial killer commettono ogni efferatezza va bene, se guardiamo due persone che fanno sesso è pornografia, non è curioso?
Ora non faccio l'apologia della libertà ad ogni costo o del sesso selvaggio, ma c'è molto ipocrisia nei rapporti fra uomo e donna.

In altre società e culture la gelosia o il tradimento non esiste in tema sessuale, perchè tutto viene vissuto in maniera naturale e questo genera la mancanza di perversioni e di problemi di coppia che abbondano nella nostra società.
Quindi cosa dovete perdonare? quale offesa avete subito? di cosa siete stati derubati?
Cosa è stato "tradito"?
mi piacerebbe capirlo...
visir is offline   Rispondi quotandoRispondi quotando
Vecchio 21-05-2003, 12.33.41   #6
iscrizione annullata
 
L'avatar di osho
 
Data registrazione: 09-03-2003
Messaggi: 246
Si tradisce la fiducia che una persona ha dell'altra. Non è giusto
che una persona vada con un' altra sapendo di far soffrire il
proprio partner, ci vuole rispetto, primo per l'amore, secondo per
la persona in sè. Ci vuole chiarezza in una relazione, sincerità,
dialogo. Certe cose non si possono spiegare, ma provocano
forti reazioni emotive che provano il sentimento che abbiamo per
la persona amata. Non si è gelosi di chi non si ama. E' un metro
di giudizio per capire l'mportanza di una persona.
Poi uno fa ciò che la vita gli ha insegnato...
osho is offline   Rispondi quotandoRispondi quotando
Vecchio 21-05-2003, 13.27.48   #7
Ospite
 
Data registrazione: 04-07-2002
Messaggi: 38
Per Visir

Tradimento non è semplicemente l'atto sessuale con un altra persona, tradimento significa rompere il rapporto di sincerità e apertura che si ha con il partner per vivere una realtà parallela e nascosta.
Se nella coppia in accordo si ritiene che dare piacere anche ad altri e eventualmente raccontarselo è bello e va bene, allora perchè no? Certo....posso essere d'accordo.......usciamo dalla mentalità ristretta, chi l'ha detto che non possa essere così? In quel caso non si tradisce, altrimenti si tradisce e sfido chiunque ad essere tranquillo se un amico arriva e ti dice che ha visto il tuo lui/lei con un altro/a quando tu non l'avresti mai pensato....
Non è detto che un tradimento non si possa perdonare, ogni caso è diverso......io avrei sicuramente delel serie difficoltà!
Comunque resto dell'idea che se si è veramente innamorati non si ha il desiderio di altri ma accetto anche che quello che è vero per me non è detto sia vero per tutti!
Sunshine is offline   Rispondi quotandoRispondi quotando
Vecchio 22-05-2003, 13.33.12   #8
Ospite abituale
 
L'avatar di medea
 
Data registrazione: 19-03-2003
Messaggi: 89
Scusa visir

ma avrei qualcosa da obbiettare....


I rapporti di molte persone si basano su reciproci accordi, in definitiva dei contratti, dei patti: Se tu fai così io farò cosà.
Se facciamo l'amore assieme per un ragionevole tempo e condividiamo abbastanza gioie e sfighe allora: "abbiamo un rapporto".
Che banalità, che piccolezza d'animo.

Non credo che avere una storia d'amore sia un contratto, se decido di legarmi ad una persona ( e nessuno mi obbliga) è una mia scelta e nn un patto... un rapporto nn è solo condividere "gioie e sfighe" ma è anche amicizia e tutto il resto.
I desideri di cui parli nn sono tipici dell'uomo, ma se me lo concedi, sono più desideri animaleschi.... SODDISFARE I PROPRI BISOGNI.
Nessuno ti costringe ad avere una storia, ma dal momento che TU di tua SPONTANEA volontà decidi di intraprenderla DEVI essere fedele alla persona che ami...

"Se mi ami devi amare solo mé, altimenti mi tradisci", e perchè mai?Se il nostro fidanzato/a si picchia con qualche d'uno o litiga con qulch'altro lo sosteniamo , ma se gli dona del piacere allora scatta il tradimento.
Che modo curioso di pensare.


Non credo che sia giusto incitare chi si picchia e dal mio canto ne conosco ben poche di persone che lo fanno.... il brutto è che tu parli di amore come se fosse solo piacere fisico... ma nn è così... l'amore comprende anche un "coinvolgimento psicologico" tra due persone che si amano c'è complicità desiderio SINCERITà e fiducia.
Tradire vuol dire spezzare anche uno solo di questi legami!!!
se viene il tuo migliore amico e ti dice... "oh...però è brava a letto la tua ragazza... ieri sera insieme ci siamo divertiti"... Tu come la pensi? che gli rispondi?? Sono contento fallo più spesso?? nn credo... e poi... nn è un tradimento anche quello del tuo amico.... Nn so se avrai ancora fiducia in lui dopo che ti abbia detto qualcosa del genere... NON si tratta di CONTRATTI ma semplicemente di RISPETTO.

Vorrei infine obbiettare ad un'ultima cosa:

se vediamo un film dove si ammazzano in continuazione, dove serial killer commettono ogni efferatezza va bene, se guardiamo due persone che fanno sesso è pornografia, non è curioso?

Un conto è vedere una scena er4otica... un conto è vedere della pornografia...che direi che nn ha niente a che vedere cn una normale scena di sesso!!! Credo più che abbia a che vedere con un volgare concetto del sesso!!!

D'altra parte ciascuno è libero di pensare ciò che vuole, l'importante è che nn si violi il rispetto degli altri calpestando la loro dignità e sensibilità per i propri desideri, e questo è molto semplice: BASTA METTERE LE COSE IN CHIARO FIN DALL'INIZIO... e dire come la si pensa!!!

Ciao ciao
medea is offline   Rispondi quotandoRispondi quotando
Vecchio 22-05-2003, 16.31.52   #9
Ospite abituale
 
L'avatar di rain
 
Data registrazione: 08-05-2003
Messaggi: 199
Io non sarei capace di perdonare,credo, a meno che il traimento non sia avvenuto in una completa incoscienza (tipo ubriachezza...)ma comunque sarebbe molto difficile da digerire.

Non credo sia solo una questione di cultura, ma come dicevano Medea, Osho e gli altri, di RISPETTO. Rispetto per la fiducia dell'altro, per la propria dignità..almeno io se tradissi non mi guarderei più in faccia...(si parla sempre di rapporti profondi, ovviamente). Se poi la storia è un'avventura è ovvio che potrebbe essere contemplata anche una scappatella...altrimenti no!
MA per il semplice fatto che ciò che dò io vorrei che fosse ricambiato...per quanto riguarda i sentimenti...
Ciao ciao,
Rain
rain is offline   Rispondi quotandoRispondi quotando
#
Vecchio 22-05-2003, 16.52.10   #10
Ospite abituale
 
L'avatar di Paola
 
Data registrazione: 19-03-2003
Messaggi: 70
Il tradimento ha in sè il violare la fiducia ed il fatto di andare oltre questa ha un preciso significato per che lo subisce e per chi lo compie, voglio dire che ha un che di soggettivo legato al peso che gli dà e volendo essere un po' concreti cambiano le sfumature di senso ma in sostanza è ovvio che non c'è niente di positivo e creativo nel tradire. Qui stiamo parlando del tradimento di quel rapporto a due fondato sull'amore, l'affetto e la stima.
Io penso si possa anche perdonare per paura di perdere quella persona, per paura di buttare all'aria qualcosa che si vive come importante e prezioso, ma perdonare non è dimenticare e la ferita di un amore tradito come fa a essere ignorata, smetterà di sanguinare ma la cicatrice resta. Chi garantisce che non capiti più?
Si chiede in fondo la garanzia di non essere più feriti, di non soffrire più per quella stessa mano che per noi è amorevole. Garanzia che non si può dare, il tarlo del dubbioi resta.
Si può certamente provare ad andare oltre ma con gli occhi di chi sta a guardare timoroso o aggressivo perchè la miglior difesa è l'attacco....perdendo comunque quella libertà di vivere il rapporto che c'è quando ci si fida. Ha senso?!
E' indubbiamente difficile lasciarci alle spalle dall'oggi al domani una relazione che per noi era vera e sincera, troppo dolore tutto insieme: l'amarezza,la delusione, la rabbia, la sofferenza e il vuoto. E se a questi ci si aggiunge anche la rottura del rapporto, il peso diventa davvero enorme!
Credo che ogni situazione sia particolare, e che le scelte lo siano di conseguenza ma ciò non toglie che si debba essere anche sinceri prima di tutto con sè stessi e guardare i propri limiti: se una situazione non riesco a gestirla è inutile illudersi di poterla dominare perchè ci prendiamo in giro da soli col rischio di prolungare la sofferenza.
Paola is offline   Rispondi quotandoRispondi quotando
Arrow Condividi questa discussione:       

Rispondi



Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Disattivato
Pingbacks are Disattivato
Refbacks are Disattivato

Puoi aggiungere le ultime novità di Riflessioni.it e le ultime discussioni del forum sul tuo sito o sul tuo blog, per informazioni
Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 12.51.57.

vBulletin Copyright ©2000-2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Content Relevant URLs by VBSEO
Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 - Copyright ©2002-2014