Home Page Riflessioni.it
DOVE IL WEB RIFLETTE!
14° ANNO

Forum di Riflessioni.it
 
Il forum di Riflessioni.it non è uno spazio pubblico, ma uno spazio privato aperto al pubblico sottoposto a particolari condizioni d’uso descritte nel regolamento e nella netiquette. Questo forum non è una chat definizioni di forum e chat
ATTENZIONE: la pubblicazione dei messaggi non è in tempo reale.
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Cerca I messaggi di oggi Segna forums come letti
Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum non attivi > Storia
 Storia - Fatti e personaggi, passato e attualità. Sezione in modalità solo lettura
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione Modalità visualizzazione
Vecchio 24-04-2008, 15.28.29   #61
Ospite
 
Data registrazione: 17-04-2008
Messaggi: 6
Riferimento: Il più grande della storia è...

Assolutamente Elisabetta I.....donna....del XVII secolo, attorniata da congiure, amata dal popolo, senza marito o eredi, ed è riuscita a far prosperare l'Inghilterra come mai nessuno prima di lei....a lei va la mia ammirazione....
Boleyngirls is offline  
Vecchio 24-04-2008, 20.40.56   #62
Rudello
 
L'avatar di Lucio Musto
 
Data registrazione: 08-01-2006
Messaggi: 945
Riferimento: Il più grande della storia è...

Naturalmente la risposta varia moltissimo al variare del tempo e del luogo di analisi.

Una cosa è infatti riferirsi per alla Svizzera fra il 1956 ed il 1960 e tutt'altra alla Cina negli ultimi due millenni.

Allargando il campo di indagine al massimo possibile, forse il più grande... fu:

"Stavamo beati fra i rami degli alberi a spidocchiarci l'un l'altro, quando il più cretino di noi scimmioni disse: Ora scendo e mi faccio uomo!"
__________________
Il mondo non ha tanto bisogno di uomini saggi quanto di uomini buoni. Mettiamocela tutta!... Lucio Musto
Lucio Musto is offline  
Vecchio 24-04-2008, 23.31.33   #63
Ospite
 
Data registrazione: 17-01-2007
Messaggi: 14
Riferimento: Il più grande della storia è...

Ma che senso ha discutere su chi sia stato il più grande della storia<???
marcogiannone is offline  
Vecchio 25-04-2008, 20.17.35   #64
farabutta
 
L'avatar di ornella
 
Data registrazione: 05-02-2008
Messaggi: 391
Riferimento: Il più grande della storia è...

Johann Gutenberg (Johann Gänsfleisch zur Laden zum Gutenberg) (1390 circa – Magonza, 3 febbraio 1468) è stato un inventore, tipografo ed orafo tedesco che acquisì la sua fama grazie ai miglioramenti apportati alla tecnologia della stampa, tra cui una lega metallica specifica, inchiostri a base di olio e, soprattutto, un nuovo tipo di stampa che utilizzava le presse usate nella produzione vinicola. Tradizionalmente, è accreditato come l'inventore della stampa a caratteri mobili, un miglioramento della stampa a blocchi già in uso in Europa.

__________________
Quante cose vorrei sapere e quante ne ignoro! Non saprei cosa più mi rammarichi!

Ornella
ornella is offline  
Vecchio 06-05-2008, 11.55.56   #65
Ospite
 
Data registrazione: 06-05-2008
Messaggi: 6
Riferimento: Il più grande della storia è...

Citazione:
Originalmente inviato da razionale

abbiamo un personaggio che ha ucciso milioni di ebrei fatto esperimenti con le persone.....vabbene che aveva carisma, ma metterlo ttra le ersone + grandi mi sembra eccessivo!!!
se poi si vuole parlare di personaggi politici allora inserisco mussolini (se non consideriamo il fatto che questo si è alleato con hitler, non si può dire che non sia una grande persona!!)
Sono nuova ....
Mi viene da chiarire alcuni punti: la storia é stata scritta dai vincitori, su fondamenti di documenti falsati e firmati da ufficiali sotto tortura.... Quindi sia le versioni che le stime numeriche sono abbstanza "gonfie".
6 milioni, ma sapete quanti sono???
Va beh, visto dal punto della storia-falsata sembra proprio che il popolo ebraico stia seguendo la legge del carma, solo che i nazionalsocialisti si sono incaranati tutti come palestinesi, e vengono eliminati e scacciati dalle proprie case. La legge carmica funziona nel caso sionista, vero?
Ziabenita is offline  
Vecchio 08-05-2008, 21.12.11   #66
Ospite
 
L'avatar di MatteoPingu
 
Data registrazione: 18-02-2008
Messaggi: 3
Riferimento: Il più grande della storia è...

Citazione:
Originalmente inviato da Ziabenita
Sono nuova ....
Mi viene da chiarire alcuni punti: la storia é stata scritta dai vincitori, su fondamenti di documenti falsati e firmati da ufficiali sotto tortura.... Quindi sia le versioni che le stime numeriche sono abbstanza "gonfie".
6 milioni, ma sapete quanti sono???
Va beh, visto dal punto della storia-falsata sembra proprio che il popolo ebraico stia seguendo la legge del carma, solo che i nazionalsocialisti si sono incaranati tutti come palestinesi, e vengono eliminati e scacciati dalle proprie case. La legge carmica funziona nel caso sionista, vero?

Cara Ziabenita,
quello che hai detto è sacrosanto. Nella storia, sempre, son state aumentate e gonfiate le cifre che facevano comodo (anke quelle scomode). Ma in questo caso non si può parlare di un rigonfiamento delle cifre in quanto, qui, si hanno in mano tutti i registri nazisti dove erano riportati i nomi dei condannati a morte e, soprattutto, si hanno i dati anagrafici di ogni signolo essere che ha perso la vita per mano dei nazisti.

Spero di esserti stato d'aiuto
__________________
Finchè la guerra sarà
considerata malvagia,
avrà sempre il suo fascino.
Quando sarà ritenuta
banale, smetterà di essere
popolare.
O.Wilde

MatteoPingu is offline  
Vecchio 27-05-2008, 19.17.48   #67
Ospite
 
Data registrazione: 17-05-2008
Messaggi: 10
Riferimento: Il più grande della storia è...

tra i miei grandi non vi sono i grandi che tutti conoscono poichè sono talmente invincibili e invulnerabili stile Achille che sono resi troppo perfetti e senza una macchia che non so se in realtà siano realmente stati così perfetti...cmq per me il più grande,almeno per quando riguarda l'Italia fu sicuramente Giovanni dalla Bande nere
Malatesta1984 is offline  
Vecchio 27-05-2008, 21.18.57   #68
Ospite
 
Data registrazione: 26-05-2008
Messaggi: 15
Riferimento: Il più grande della storia è...

Preciso che, secondo il mio personale e opinabile parere, non esiste IL più grande della storia come personaggio umano, perchè ogni singola personalità si immerge pienamente nel suo tempo e incarna gli ideali di giustizia, lealtà e coerenza (o anche di ingiustizia e volontaria cattiveria!) della sua epoca; poichè si osserva, secondo questa stuzzicante domanda, la prospettiva storica da un punto di vista squisitamente universalistico, ritengo impossibile riscontrare personalità universali della storia umana.

Umano, per l'appunto, non lo riscontro. Divino sì. La mia considerazione sfora dalla mia fede cristiana molto forte, e propongo Gesù Cristo non per la sua divinità, ma per i tratti immanenti che un uomo di questo (e sottolineo uomo) è stato capace di trasmettere. I suoi insegnamenti non promuovono certamente un superuomo nicciano, nè basano la loro forza attrattiva sulle basi della cultura ebraica o della società romana (le parabole propongono solo lo sfondo di questo periodo, non certamente i motivi e le consuetudini). Gesù Cristo perchè capace di fornire insegnamenti eterni, che non possono essere racchiusi o catalogati nella singolarità di una cultura o di un'ideologia mistica; tant'è che, per quanto alcuni di voi affermino il contrario, un islamico che abbia un minimo di cultura sul Corano non soltanto ammetterà la presenza di Cristo, ma lo venererà anche come grande profeta (e appunto, non come Figlio di Dio, coerentemente con la linea che sto proponendo nella mia tesi) per la saggezza dei suoi precetti, in considerazione del fatto che una sura del libro sacro islamico lo considera come tale. I suoi insegnamenti sono validi 2008 anni fa come adesso, e a prescindere dall'essere atei o credenti, hanno il "divino" pregio di essere bifronte: frutto di una mente divina per coloro che abbracciano il Cattolicesimo, ma dimostrazione di quanto un uomo può essere equilibrato, giusto, saggio e grandiosamente impassibile nella sua fermezza di ideali. Cristo non è contestabile, se si ha la minima accortezza, prima di esibirsi in vistose bestemmie per moda o in "io non credo" per avere un'aria da eore dark americano, di leggere i Vangeli e toccare con mano l'eterna attualità delle sue parole, e considerare come ci sia una frase adatta per ogni situazione, in ogni tempo. E ripeto, ho cercato di analizzare la figura cristologica in tutta la sua umanità, per dare una teoria quanto il più possibile obiettiva.

Uomini in quanto tali, soggetti però alle restrizioni delle loro epoche, ne riscontro, e anche numerosi (sono sempre le mie idee, contestabilissime e meritevoli di pomodori e uova marce). Dico in relazione alle loro epoche perchè è opportuno, a mio parere, guardare all'operato e alla testimonianza lasciata da tali personaggi con obiettività storica, e non con occhio soggettivamente moderno.
Socrate; grandioso, supremo, colui che "sa di non sapere", il padre della condivisione e del dibattito, il filosofo che prende esperienza dal mondo per partire verso il suo regno metafisico.
Muzio Scevola, pietra di responsabilità, che dovrebbe insegnare a molti, oggi, il concetto di "saper prendere le proprie rogne sulle spalle e pagarne le conseguenze".
Lucio Anneo Seneca; immerso pienamente nella società romana, è stato capace di scrivere un testo come "schiavi e padroni" (chi lo conosce capirà subito, chi non l'ha mai letto dovrebbe procurarselo e dargli un'occhiata); segno che, per quanto il mondo in cui si vive e si cresce condizioni fortemente la propria personalità e ideologia, è sempre presente il libero arbitrio e la capacità di pensare concetti che possano anche contrastare quelli dell'istituzione.
Teodorico, re degli Ostrogoti, invasore barbaro dell'impero Romano ma profondo ammiratore, e rispettoso conservatore, degli usi e dei costumi della comunità latina ancora esistente nell'Italia del V-VI secolo.
Sfoltisco il mio elenco, sto diventando eccessivamente odioso. San Francesco; Federico II di Svevia, conquistatore pacifico di Gerusalemme (per quanto dietro questo evento non ci sia esclusivamente bontà e amore per la pace). Dante, la sua Commedia è una vita, la sua vita, ma anche quella di tutti.
Martin Lutero, Galileo Galilei, Ghandi, Cesare Pavese, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, padre Pino Puglisi. L'elenco potrebbe essere ancora lungo, i nomi sono solo a titolo esemplificativo.

Sarebbe oltremodo interessante poter conoscere gli eventi, le passioni e le situazioni turbinanti in quell'illustre sconosciuta, meglio nota ai pochi come "Microstoria", in cui vengono curate le gesta dei nessuno autori del niente, di un niente che magari è così inesistente da aver forzato, e valicato, le barriere del proprio tempo per provare a toccare con un dito i cieli della Morale Universale, se mai ne esista una e se mai l'uomo sarà tanto umile da voler accettare; un niente che lo diventa perchè forse troppo grande da essere riconosciuto nel limite epocale, tanto grande da inglobarci tutti, e rendercene tutti riconoscenti. Forse sarebbero anche, perdonate il gioco di parole, più grandi dei grandi, perchè il loro pregio sarebbe di esser divenuti maggiori dei giganti, pur essendo originariamente piccoli. Tra questi, scelgo Pietro Micca.
MaxPayne is offline  
Arrow Condividi questa discussione:       

 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Disattivato
Pingbacks are Disattivato
Refbacks are Disattivato

Puoi aggiungere le ultime novità di Riflessioni.it e le ultime discussioni del forum sul tuo sito o sul tuo blog, per informazioni
Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 09.08.14.

vBulletin Copyright ©2000-2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Content Relevant URLs by VBSEO
Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 - Copyright ©2002-2014