Home Page Riflessioni.it
DOVE IL WEB RIFLETTE!
14° ANNO

Forum di Riflessioni.it
 
Il forum di Riflessioni.it non è uno spazio pubblico, ma uno spazio privato aperto al pubblico sottoposto a particolari condizioni d’uso descritte nel regolamento e nella netiquette. Questo forum non è una chat definizioni di forum e chat
ATTENZIONE: la pubblicazione dei messaggi non è in tempo reale.
Registrazione Regolamento FAQ Lista utenti Cerca I messaggi di oggi Segna forums come letti
Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum non attivi > Scienze
 Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza. Sezione in modalità solo lettura
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione Modalità visualizzazione
Vecchio 15-05-2006, 09.03.28   #51
Ospite abituale
 
Data registrazione: 05-05-2006
Messaggi: 185
Citazione:
Messaggio originale inviato da Yam


Anche una mancanza di attivita' fisica puo' generare depressione, oltre a problemi di tipo interiore, le endorfine prodotte durante l'attivita' fisica sono un ottimo antidepressivo....ed essendo simili agli oppiacei lo sport finisce con il dare dipendenza, questa volta pero' abbastanza benefica.
Che l'attività fisica, soprattutto quella di tipo aerobico, faccia produrre endorfine è noto a tutti, ma l'attività fisica è importante anche per un altro motivo: abbassa i livelli di insulina e questo fatto è in relazione con i livelli di omega3 nell'organismo, nel senso che più teniamo a bada i livelli di insulina (attraverso l'alimentazione), più elevati saranno i livelli di omega3 nell'organismo. E come abbiamo visto, elevati livelli di omega3 fanno aumentare la serotonina.
L'insulina rende attivo un enzima, la delta-5 desaturasi che ha il compito di trasformare l'acido diomo-gamma linolenico (DGLA) in acido arachidonico (AA), precursore di tutti gli eicosanoidi cattivi.
Gli acidi grassi essenziali O3 a catena lunga inibiscono invece l'attività di quell'enzima consentendo la conversione del DGLA in eicosanoidi buoni.
Più stimoliamo l'insulina con la cattiva alimentazione più aumenta il fabbisogno di O3 e se questi non vengono adeguatamente forniti, i livelli di serotonina (nelle persone predisposte alla depressione), si abbasseranno di conseguenza.
Ciao cincin

Ultima modifica di cincin : 15-05-2006 alle ore 09.12.41.
cincin is offline  
Vecchio 21-05-2006, 17.11.17   #52
______
 
L'avatar di gyta
 
Data registrazione: 02-02-2003
Messaggi: 2,703
Re: Da cosa è generata la depressione?

Io non credo proprio che esita la "depressione" (tranne forse in meteorologia )

Esistono motivi per cui qualcuno dimora in sofferenza (più o meno cosciente)
e qualcun'altro dimora in una sorta di interazione soddisfacente..
Dire "depressione" per me equivale ad indicare la punta d'un iceberg.. nulla più!

Condivido pienamente la tesi di Catharsis:
Citazione:
Messaggio originale inviato da Catharsis
E se la depressione fosse l'incapacità della persona interessata di rielaborare il dolore?
"Depressione" come "incapacità" di rielaborare il dolore!!
Sintetico.. ma dice proprio tutto!

Non credo all'ereditarietà tantomeno alla realtà di formule vaghe e generali come la "depressione", l' "ansia" etc.. Reputo semplicemente queste forme siano espressioni di un malessere strettamente personale non sviscerato,
elaborato, risolto che non può trovare posto in generalizzazioni estreme; non diagnosi ma sintomi!


Poi.. ognuno è libero di semplificare o complicare quanto desidera.. luminari della medicina "a settori" inclusa (!)
Si diceva "mente sana in corpo sano" e s'intendeva estendere questo nei due sensi..!




Gyta
__________________
! FIRMA PER SALVARE UNA VITA !

"Esiste una passione per la comprensione proprio come esiste una passione per la musica;
è una passione molto comune nei bambini, ma che poi la maggior parte degli adulti perde."
gyta is offline  
Vecchio 21-05-2006, 17.27.23   #53
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,131
Re: Re: Da cosa è generata la depressione?

Citazione:
Messaggio originale inviato da gyta

"Depressione" come "incapacità" di rielaborare il dolore!!
Sintetico.. ma dice proprio tutto!


O, come si sta discutendo qui comprendere le cause del dolore....o perlomeno di quello che ci autopropiniamo senza saperlo.
__________________

«Ti benedico, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli.
Sì, o Padre, perché così è piaciuto a te.
[...]
Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò.
Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime.
Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero».


Matteo 11,25-30.




Yam is offline  
Vecchio 12-06-2006, 20.10.09   #54
Ospite abituale
 
Data registrazione: 23-11-2005
Messaggi: 213
La depressione, nella classificazione medica, rientra nei disturbi dell'umore. L'umore può essere stabile oppure può variare lievemente, anche nel corso di una stessa giornata, perché influenzato positivamente o negativamente dall'ambiente esterno e dalle situazioni incontrate. Quando però il tono dell'umore è marcatamente rivolto verso il “basso” si entra nel campo della patologia, si parla cioè di depressione come vera e propria malattia, e non come stato d'animo passeggero. Con il termine depressione, in realtà, non ci si riferisce ad una patologia univoca ma a una serie di disturbi, distinti tra loro, che presentano però alcune caratteristiche comuni. I sintomi generalmente presenti (ma non tutti insieme) nelle varie forme depressive sono:
disturbi del sonno con insonnia o ipersonnia
scarso appetito e perdita di peso o, al contrario, incremento dell'appetito e del peso corporeo
perdita d'interesse per le attività quotidiane
incapacità di provare piacere (anedonia)
modificazione del desiderio e delle abitudini sessuali
diversa percezione della stima di sé con autosvalutazione e sensi di colpa
mancanza di energia e affaticamento eccessivo
difficoltà di concentrazione
mancanza di volontà, apatia
tendenza a isolarsi dalla società e dalla famiglia
Una classificazione clinica precisa è necessaria perché il medico possa formulare una diagnosi corretta e stabilire, di conseguenza, la terapia più appropriata.
Depressione maggiore
È caratterizzata dalla presenza quotidiana, per almeno 2 settimane consecutive, di umore depresso, accompagnata da 4 o più dei sintomi descritti sopra. Nella depressione maggiore compaiono anche agitazione o rallentamento psicomotorio, ricorrenti pensieri di morte fino all'ideazione suicida. Questa è la forma più grave e invalidante di depressione perché compromette notevolmente la vita sociale e lavorativa, i sintomi inoltre oscillano nel corso della giornata con peggioramento nelle prime ore del mattino. Si presenta con esordio acuto in genere intorno ai 40 anni, ma può comparire ad ogni età e colpisce le donne 2 volte più degli uomini. è probabilmente dovuta ad alterazioni biochimiche a livello cerebrale, cioè a carenza di uno o più dei seguenti neurotrasmettitori: noradrenalina, dopamina, serotonina. In molti casi di depressione maggiore esiste una chiara predisposizione familiare, la malattia, infatti, colpisce frequentemente i parenti di primo grado di soggetti che ne sono già affetti. Naturalmente si diagnostica il disturbo depressivo come maggiore quando si può escludere che i sintomi siano dovuti agli effetti di farmaci, di altre sostanze o ad altre patologie concomitanti (sindrome organica dell'umore). Analogamente, una fase depressiva transitoria (depressione reattiva) è giustificata e fisiologica in presenza di un lutto o di un evento particolarmente traumatico, ma si risolve spontaneamente entro un paio di mesi.
Distimia
È la più frequente tra le depressioni minori, cioè tutti quegli episodi depressivi meno gravi, caratterizzati da minore compromissione delle relazioni sociali e dell'attività lavorativa.
La distimia si presenta con disturbi lievi ma con andamento cronico; si diagnostica quando sono presenti almeno due dei sintomi classici e si protraggono già da uno o due anni. La diagnosi così tardiva è dovuta proprio alla cronicità della malattia: il paziente, all'inizio, si convince quasi che il disagio quotidiano sia parte integrante del suo carattere da sempre. La distimia esordisce spesso in maniera subdola e insidiosa già durante la fanciullezza o l'adolescenza, ma viene diagnosticata solo più avanti negli anni. Si riscontra maggiormente nella fascia d'età dai 18 ai 45 anni e prevale nelle donne. Tipico della distimia, non grave di per sé, è il presentarsi associata ad altre psicopatologie come la depressione maggiore, l'ansia, l'abuso di sostanze, i disturbi alimentari, i disturbi di personalità.
Le cause
Molte sono le teorie, sviluppatesi negli anni, che tentano di dare una spiegazione all'insorgere dei disturbi depressivi, nessuna in realtà ha centrato l'obiettivo ma quelle confermate da evidenze scientifiche sono tra loro complementari. Ciò significa che in ognuna di queste ipotesi c'è un po' di verità, che tutte insieme contribuiscono a delineare i meccanismi coinvolti nella depressione senza però risolvere l'enigma primario: perché viene questa malattia?
A metà degli anni '70, si sviluppò la cosiddetta teoria monoaminergica che individuava due classi di depressioni a seconda del neurotrasmettitore che sarebbe stato carente a livello del sistema nervoso centrale, depressioni da deficit di serotonina e da deficit di noradrenalina. Questa ipotesi fu presto affiancata anche dal suo opposto: ci sono, infatti, evidenze che l'iperattività degli stessi neurotrasmettitori può coesistere con uno stato depressivo.
L'ipotesi genetica sull'ereditarietà della malattia, confermata da studi su gemelli omozigoti, è ad oggi sfumata verso un concetto di familiarità, come spiegato nella depressione maggiore e qui di seguito.
La teoria più recente spiega l'insorgere della depressione sulla base dell'interazione di tre fattori: vulnerabilità personale, eventi stressanti e scarse abilità sociali. Ipotizza quindi che alcune persone abbiano una predisposizione congenita (deficit di neurotrasmettitori, alterazioni ormonali) che le rende più vulnerabili nel caso di scontro con eventi negativi di perdita (lutto, divorzio, separazioni). La mancanza, o il basso grado, di abilità sociali del soggetto nell'affrontare adeguatamente l'evento stressante determina la comparsa di disturbi dell'umore più o meno seri.
__________________
borderline65
borderline65 is offline  
Arrow Condividi questa discussione:       

 


Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata
Modalità visualizzazione

Regole di scrittura
Tu non puoi inserire nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare files
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Disattivato
Pingbacks are Disattivato
Refbacks are Disattivato

Puoi aggiungere le ultime novità di Riflessioni.it e le ultime discussioni del forum sul tuo sito o sul tuo blog, per informazioni
Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 16.15.55.

vBulletin Copyright ©2000-2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Content Relevant URLs by VBSEO
Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 - Copyright ©2002-2014