Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Riflessioni sul Gioco dell'EroeRiflessioni sul Gioco dell'Eroe

di Gianluca Magi   indice articoli

 

EMPATIA.
Piccolo esercizio pratico per coltivarla (verso gli altri e verso se stessi)

Gennaio 2013

 

 

Uno dei flagelli dello psichismo umano è la tendenza a non volersi immedesimare nei panni degli altri.

Ne conseguono incomprensioni, sofferenze, accuse, torti.

In una parola: disagio.

Quando esprimo un giudizio su qualcuno, conoscono realmente la situazione in cui egli si trova?

 

Prima di giudicare, criticare o puntare il dito, potrei fare questo piccolo esercizio:

 

chiudo gli occhi per qualche istante, respiro ed espiro profondamente e, con l’immaginazione, cerco di calarmi nei suoi panni, nella sua situazione.

Se fossi nei suoi panni mi comporterei come si sta comportando questa persona?

Mi comporterei diversamente?

Direi così?

Direi un’altra cosa?…

Se l’esercizio di “immedesimarmi nei panni dell’altro” è rivolto verso una persona che mi è antipatica, uggiosa o insopportabile, l’esercizio vale il doppio (a volte, il triplo).

Svolgendo l’esercizio quotidianamente acquisirò grandi forze, tra le quali:

pazienza, tranquillità, indulgenza, presenza mentale, tenerezza, capacità di osservazione e comunicazione, generosità.

Non sarò l’unico beneficiario di questi doni.

Ma anche le altre persone ne beneficeranno.

Posso starne certo.

Ma che fare se proprio non ce la faccio a svolgere questo esercizio?

Se proprio non riesco a cogliere la realtà dell’altro?

Se l’impulso del giudizio si fa irresistibile?

Me lo chiedo, poiché è bene non essere critico, intollerante e biasimevole neppure verso me stesso per non essere subito riuscito a trattenermi dall’impulso della critica.

Sarà in mio potere allora fare quest’altro esercizio:

 

giudicare le azioni che la persona ha compiuto e non la persona per le sue azioni.

Dirò: «Hai commesso una sciocchezza» e non «Sei uno sciocco».

«Hai detto una bugia» e non «Sei un bugiardo».

«Sono stato vulnerabile alla tua azione, alle tue parole» e non «Mi hai ferito».

«Forse non mi sono spiegato bene» e non «Allora non capisci!».

«Credo di non aver compreso quello che mi hai detto» e non «Mi hai spiegato male»…

Se critico una persona per le sue azioni, non solo la limito separandola dal Tutto, ma la marchio a fuoco con il sigillo della maledizione.

E così facendo la inviterò, inconsapevolmente, a continuare a fare altrettanto:

 

se t’imprimo il marchio dello sciocco, non ti offro alternative e ti convinco, a forza di ripeterlo, che sei uno sciocco; quindi, paradossalmente, ti legittimo ad essere uno sciocco.

Se t’imprimo il marchio del bugiardo, ti legittimo ad essere un bugiardo. Ti renderò realmente un bugiardo, poiché quella rappresentazione di te come bugiardo, s'imprime in te come una specie di perverso ideale e ti svilupperai in tal senso. È il potere della suggestione.

Ma se giudico solo l’azione che hai compiuto, ti lascio la strada aperta al perfezionamento e alla libertà, perché sai che sei aperto a una gamma infinita di azioni.

(Chi è genitore, please, ponderi adeguatamente tutto ciò nei riguardi del proprio figlio. Il figlio, e l’intera esistenza, gliene saranno eternamente grati).

 

 

Corollario:

IL LAMENTO DELL'INFELICE

 

Le persone infelici giudicano continuamente gli altri, criticano gli altri, si lamentano delle loro azioni, del loro modo di svolgerle.

Giungono a calunniarli con modi subdoli, a screditarli, a denigrarli, a infamarli.

Gli infelici si lamentano degli altri e così facendo li accusano.


«Alles Klagen ist Anklagen».

«Ogni lamentela è un’accusa».

O, più liberamente, se preferisci:

«Chi si lamenta accusa».

Così ricordava l’adagio di Goethe, ripreso da Nietzsche e rimbalzato così in Freud.

 

Perché gli infelici si lamentano degli altri e così facendo accusano?

Perché così facendo s’illudono di allentare le tensioni del proprio malessere personale o fallimento esistenziale.

Ma così facendo, in realtà, stanno sempre più caricando le proprie tensioni, come una molla interna…

Com’è difficile – proprio perché così facile – gettare uno sguardo dentro di sé…

 

   Gianluca Magi

 

Vis nulla :: Visio tota ::  Spiritus indicat
(Nessuno sforzo, ma chiara visione di ciò voglio ottenere secondo le indicazioni dello spirito)

 

 

Gianluca Magi tiene Workshop del “Gioco dell’Eroe” in varie città italiane. Elenco aggiornato dei corsi e seminari su www.giocodelleroe.it



Altri articoli di Gianluca Magi su: Il Gioco dell'Eroe

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...