Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

 

L'essere della coscienza e la coscienza dell'essere

 

Se fosse vero che dopo la morte si finisce completamente nel nulla, allora è nulla anche la nostra vita presente. Ciò è conseguente ad un presupposto importante: essere e coscienza coesistono e si compenetrano.

La legge di complessità e coscienza di Teilhard de Chardin sostiene che dal punto di vista fenomenico più la materia si complessifica e più accresce la coscienza. Da qui si può dedurre che l’essere è in relazione alla complessificazione, quindi al grado di coscienza.

(Dio è somma Coscienza perché è l’Essere primo che dona l’essere a chi vuole).

Nella nostra vita la tendenza naturale è la coscientizzazione attraverso l’esperienza: l’uomo raggiunge un certo grado di consapevolezza qualitativamente superiore ai vegetali ed agli animali. Sa di sapere e sa di dover morire. Tutto ciò che esiste può essere da ognuno di noi percepito in base al nostro grado di consapevolezza. Quindi, noi ci immergiamo maggiormente nell’Essere quando ne abbiamo coscienza. Durante la vita esperimentiamo diversi livelli di coscienza che vanno dal sonno all’autocoscienza dinamica.

Se io osservo quell’albero, egli “esiste” in quanto interagisce con la mia coscienza. Esisteva anche prima della mia consapevolezza, ma se non interagisce con alcuna coscienza è come se non esistesse. Ora, realisticamente, lo vedo, lo posso toccare e lo posso rivedere dopo un certo periodo. In realtà esiste solo se ne ho la consapevolezza sensoriale e mentale.

Se dovessi allontanarmi dall’albero, continuerei a rielaborare l’idea che ho captato dell’albero stesso... ma non sarei più sicuro della sua esistenza. Potrei ritornare sul posto dov’era radicato e non trovarlo più perché è stato tolto e bruciato. Tutto ciò che percepisco rientra nella mia coscienza ed in quell’istante per me esiste davvero.

Se, come affermano molti, con la morte non c’è più nulla di noi, nemmeno la nostra coscienza, allora davvero dovrei pensare che anche ora che vivo, in effetti non esisto. C’è chi sostiene l’ipotesi che noi in effetti non moriamo e che ogni istante è eterno, (Emanuele Severino), per cui il momento cruciale è l’eternità costruita dalla nostra stessa vita terrena.

Ma se non esisteremo non avremo nemmeno coscienza di essere esistiti, il che equivale a nullificare ogni istante della vita terrena.

Praticamente, secondo i sostenitori del nihilismo post-mortem, noi “viventi” coscientizziamo il nulla perché ha senso solo ciò di cui abbiamo coscienza...

Ma il nulla non può essere coscientizzato...

Da qui si dovrebbero trarre le debite conclusioni.



Pier Angelo Piai
Cividale del Friuli (UD) -
dicembre 2010

 

Indice raccolta
Verso l'uomo integrale
di Pier Angelo Piai

 

Report sul 21° secolo. John Ethan Titor 2 dal futuro Pier Angelo PiaiReport sul 21° secolo. John Ethan Titor 2 dal futuro di Pier Angelo Piai - Mjm Editore - 2009
"Attraverso un fantascientifico viaggio nel tempo, l’autore del libro, Pier Angelo Piai, desidera sensibilizzare il lettore a prendere coscienza del nostro comune modo di pensare ed agire, noi del 21° secolo che ci vantiamo di essere progrediti.
In che cosa consiste, allora, la vera evoluzione della specie umana?
Quando l’uomo potrà diventare davvero integrale?
Report cerca di dare alcune risposte ai moltissimi interrogativi che emergono in queste pagine scritte attraverso riflessioni e considerazioni sociologiche, antropologiche e filosofiche".

 

In sintesi il messaggio fondamentale che l'autore vorrebbe trasmettere attraverso questo libro:

 

Progresso ed etica sono in continua evoluzione, ma se non diventano complementari portano all'implosione strutturale della società privata di tutti i valori umani che in migliaia di anni di storia, tra sofferenze e gioie, sono stati tramandati alle generazioni successive.
Emerge così il profilo dell'uomo integrale del 24° secolo, molto comune ed apprezzato .
Un uomo che utilizza le tecnologie più sofisticate per la promozione umana, per la scoperta della pura Verità, per la salvaguardia del Pianeta, per la riscoperta dell'attività più inconscia della mente, per la contemplazione dell'esistenza stessa, per la solidarietà e la creatività finalizzata al miglioramento della qualità della vita di ogni essere umano presente e futuro.

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter

Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...