Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Riflessioni sull'Ottava di Michele Proclamato

Riflessioni sull'Ottava

di Michele Proclamatoindice articoli

 

Mente o Apollo   febbraio 2011

 

Mente o ApolloL’uomo di Dio

Ho scritto un libro su Giordano Bruno “L’Uomo di DIO”. Dovrei quindi con molta facilità scrivere o sintetizzare in poche righe la vera motivazione che di LUI mi ha costretto ad occuparmi. Ma sono ormai mesi che rinvio questo appuntamento, continuo infatti a sentirmi a disagio quando devo farlo. Vorrei infatti passare al cuore del mio comprendere grazie al suo sapere, tralasciando ogni passaggio intermedio, ogni aspetto conoscitivo da me utilizzato come un trampolino verso quell’ultimo salto diretto verso un mondo, quello di Giordano Bruno, di cui oggi, a pochi mesi dall’uscita del mio libro, mi sento tremendamente orfano. Mi dico, “Ma chi se ne frega di tutti, se non vogliono dedicare qualche attimo della loro vita alla comprensione di un essere che di umano aveva poco e tanto”, aggiungo, “Non ho nessuna voglia di ricominciare a spiegare il come e il perché del mio avvicinarmi al mondo dei sigilli bruniani.” In fondo, chiosando, penso che il libro ormai c’è, quindi perché dovrei nuovamente “soffrire” nell’inutile tentativo di chiarirvi e ri-chiarirmi ciò che ho “scoperto” attraverso la sua Ars Memorandi. Poi osservo il sigillo da LUI definito Mente o Apollo e mi rendo conto che forse è il caso di mettere al corrente più persone possibili di un fatto certo, un fatto che vorrebbe il Nolano grandissimo conoscitore di un realtà, per noi oggi, invisibile ma essenziale, in quanto riguardante tutto e tutti. Si perché di Lui moltissimo si è detto e scritto ma sostanzialmente nulla si è deciso sul suo vero essere, sul suo vero sapere, sulla sua vera missione. Davvero, ancora oggi se si lasciasse fare agli “esperti” avremmo del nolano una camaleontica interpretazione che lo vorrebbe, forse, filosofo, cabalista, un fenomeno da baraccone, un metafisico sopraffino, uno precursore del mondo scientifico, un eretico, un epigono del mondo egizio, un mago, ecc ecc. Sostanzialmente chiunque si sia avvicinato al Nolano ha trovato nella sua opera aspetti sempre nuovi e antesignani. Io che simbolista ora so essere, e che forse potrei inutilmente fregiarmi del titolo di esoterista posso o potrei dire che l’essere in questione camaleontico era nel suo sapere, come nel suo esprimerlo per un unico e fondamentale motivo che richiederebbe comunque una spiegazione tremendamente lunga, cosa che mi farebbe ricadere nella mia non voglia di dire. Ma essendo d’uopo una conclusione, quanto una spiegazione, potrei completamente riassumere il tutto sconcertando i leggenti dicendo che semplicemente Giordano Bruno poteva occuparsi e pronunciarsi su tutto, non per la sua enorme mole di nozioni incredibilmente stipate nella sua mente attraverso un’arte oggi da noi solo parzialmente capita, ma soprattutto perché LUI fu forse l’ultimo vero continuatore di un sapere che ormai da anni definisco dell’Ottava. A questo punto voi, constatando, come queste prime righe a nulla sono servite per chiarirvi e chiarire qualcosa di più sull’enigma Giordano Bruno, forse vorrete abbandonare il mio scritto visto il, già nullo, effetto creato dalla mole enciclopedica di “cose” dedicate alla comprensione del pensiero del suddetto quasi partenopeo. Ma per salvarmi nella storica zona Cesarini, potrei affannosamente aggiungere: “aspettate un secondo, solo un secondo, perché qualcosa di sostanzialmente nuovo il sottoscritto crede e spera di poterla dire”. E per dirla potrei utilizzare una scienza semiufficiale che molto probabilmente non è contemplata dagli estimatori del sapere del Nolano. Ma tant’è, e per parlare di Giordano Bruno quindi, per la prima  volta, ricorrerò alla Cimatica. Adesso, disorientandovi, vi direi che esiste da tempo una disciplina che ha fatto delle forme nascenti dalla strutturazione della materia attraverso il suono, il cuore di un ricerca giunta a conclusioni veramente eclatanti. Oggi infatti presumiamo, come il suono o un suono o più suoni siano i veri responsabili dell’aggregazione delle CONFORMAZIONI presenti in natura. Fondamentalmente, e a livello scientifico, sappiamo inoltre come tutto nell’Universo sia frutto del suono, motivo per cui una controversa Teoria delle Stringhe, multidimensionale, da tempo vorrebbe arrogarsi il vanto di essere TEORIA di un TUTTO che sostanzialmente non conosciamo ancora come essere veramente fatto. Ricordandovi comunque che di Bruno vi sto parlando aggiungerei che negli anni settanta, sulla scia di una lunga serie di esperimenti iniziati con il Chandly alla fine dell’Ottocento, proseguiti e portati a compimento attraverso il Jenny nel 1969, il professore statunitense Buckminster Fuller mise a punto per i suoi studenti un semplice esperimento per il quale  vorrei, ora, tutta la vostra attenzione: “Gonfiato un palloncino di plastica, questi veniva immerso in un liquido piuttosto denso e colorato, quindi posto all’interno di un luogo dove veniva esposto ad una frequenza sonora ben precisa. In questo modo il professore, padre delle cupole geodetiche, a lui è stata intitolata inoltre la molecola del Fullerene, mostrava ai suoi alunni come il “povero” nell’intento di sfuggire ad uno scoppio sicuro, dovuto alle intense vibrazioni, permetteva alle stesse di creare sulla sua superficie colorata un intricato reticolo geometrico. Tutto ciò avveniva prima attraverso il  concretizzarsi di punti che in brevissimo tempo venivano uniti da rette e cerchi dalle caratteristiche auree. Sostanzialmente il suono veniva canalizzato “sulla superficie dello sferico sventurato” in luoghi di bassa pressione caratterizzati da un fitto sistema geometrico tipicamente platonico, creando così un effettivo equilibrio vibrazionale che permetteva allo stesso di …non esplodere. Vero era che in questo modo il professor Buckminster  poteva dimostrare come il suono potesse manifestare le sue capacità aggreganti di tipo geometrico. In modo immediato i suoi studenti potevano quindi assistere alla nascita, in diretta, di un sistema poliedrico conosciuto da millenni da qualsiasi civiltà terrestre oggi ritenuto ancora stupidamente …esoterico. Ora vorrei ritornare indirettamente al Nolano . Indirettamente  perché per capire veramente la motivazione di  tutta la sua opera sarà necessario dedicare dello spazio all’opera di Aristocle o come veniva più comunemente chiamato… Platone.

 

Reminescenza e ancora reminescenza

Alcuni secoli prima di Cristo una diatriba filosofica dai toni piuttosto accesi stava consumando il mondo del sapere ellenico. In questa intervenne “spalle larghe” da cui il suo soprannome Platone, il quale mal sopportando la posizione degli Eristi, che volevano l’uomo perfettamente incapace di perseguire e riconoscere il sapere, esordì attraverso una sua teoria, non del tutto nuova, devo dire, secondo la quale, non solo l’uomo era capace di perseguire il sapere ma soprattutto era in grado di “ricordarlo”. In pratica secondo il grande pensatore, l’uomo doveva porre al centro di tutti i suoi sforzi mentali assolutamente quello di acquisire sapere attraverso un percorso mentale innato in tutti noi, un percorso che vedeva nell’intuito e l’immaginazione il modo, il metodo principe per ricordare …DIO. Cos’era DIO all’epoca di Aristocle? Dio era IDEE era archetipi. A cosa servivano gli archetipi? Semplicemente a… creare. Chi creava? La Natura. Quindi ogni forma, qualsiasi, profilo, sagoma, struttura, formato, utilizzato dalla stessa non era altro che l’interpretazione di un pensiero perfetto, immobile eterno voluto da un essere divino. In tale contesto psichico, l’uomo, vi chiederete come potesse ricordare.. ..credo.  Sempre Platone verrebbe in vostro aiuto dicendo che l’Anima umana alla morte della parte fisica viene addotta in un luogo meraviglioso definito dai greci Iperuranio, il nostro paradiso, in cui di tutto fa e farebbe per rivedere Dio, o meglio le sue IDEE. Tutto ciò in condizioni non esattamente favorevoli, in quanto, sempre l’anima umana, in questo tragitto intermedio assumerebbe la forma di una Biga trainata da due cavalli, uno bianco e uno nero. Quello bianco senza titubanza porterà l’anima umana nei pressi della divinità massima, mentre quello nero molti problemi ci darà e ci da in quanto totalmente propensa al suo ritorno sulla Terra. Dall’esito di questa diatriba equestre dipenderà il tempo di esposizione, nostro, agli Archetipi. Quindi reincarnati, perché di questo stiamo parlando, ogni uomo, attraverso i sensi, soprattutto la vista, potrà avere più o meno la possibilità di ricordare la perfezione divina, fonte di ogni sapere, osservando semplicemente la …Natura. Era quindi il ricordare …fondamentale e di questo Bruno si occupava.
Questi, inoltre  erano i motivi per cui  il mondo per Giordano Bruno era trino in quanto fatto da IDEE, destinate a diventare Vestigia delle stesse in Natura, ed infine Ombre nella mente umana dopo l’osservazione delle vestigia presenti in Natura. A questo punto Lui che di memoria si era infervorato fin dall’adolescenza grazie a Pietro il Ravennate, si raccomandava con i suoi ipotetici lettori dicendo che fondamentale era attraverso le Ombre, fare il percorso inverso per poter ritornare nuovamente, questa volta in vita e scientemente, a Dio,  poiché “Chi non intende uno non intende nulla”. Quindi attribuiva a tale percorso 4 passaggi mentali  caratterizzati dai sensi, l’immaginazione, la razionalità ed infine la memoria. Come il tutto doveva avvenire? In questo modo. L’uomo attraverso i sensi acquisiva una forma appartenente alla realtà, un albero per esempio (tanto vorrei parlarvi della teoria della vista di Leucippo). Quindi attraverso l’Immaginazione tale immagine doveva essere elaborata secondo i canoni più estremi. Questo per un motivo sostanziale, a SUO dire. Infatti nel momento in cui la Ragione esaminava le immagini essa molto più propensa era a sposare qualcosa di estremamente bello o brutto rispetto a qualcosa di terribilmente mediocre. In base a tale metodo infine interveniva la memoria a stipare il tutto il luoghi mnemonici ben precisi, classico era l’esempio di più stanze appartenenti ad una casa mentale costituita da più piani a seconda del numero delle immagini da ricordare. Allo stesso modo era possibile trasformare dei concetti, che so, appartenenti ad un discorso, in immagini affinché il tutto diventasse semplicemente più facile …da ricordare. E sapete perché? L’uomo senza accorgersene pensa attraverso il susseguirsi velocissimo di …immagini. Esatto, proiettiamo nella nostra mente costantemente dei film, non sempre graditi. Tutto ciò era chiaro per Bruno e per i maggiori pensatori che lo dividevano dal grande Platone, non è affatto palese per noi oggi. Ma perché LUI voleva per l’uomo un enorme bacino mentale di immagini? Perché voleva come primo passaggio, nell’uomo molta memoria formale? Per un motivo semplicissimo. Attraverso il maggior numero di immagini fantastiche era possibile per la mente umana fare passaggi analogici, capaci di trasportare lo stesso verso processi mentali sempre più raffinati di cui l’estremo, il più altisonante, il più augurabile e blasonato era proprio quello basato sul puro ed assoluto intuito. E cos’era in tale contesto mnemonico l’intuito? Semplicemente il risveglio, inteso come la possibilità, questa volta dell’anima umana di RICORDARE nientedimeno che gli Archetipi. Ma Lui per primo puntualizzava che “L’opra di intelligenza, sempre era, opra immobile”, in quanto voleva sia che questi processi mentali intuitivi si consumassero in luoghi preposti al completo estraniarsi dal fardello del vivere quotidiano, sia che l’uomo prendesse coscienza che gli stessi non potevano che coincidere con l’archetipica ed  eterna immobilità del simbolo. Definiva infatti il simbolo il linguaggio di Dio, ma soprattutto certi simboli, SIGILLI. Intuire attraverso i Sigilli voleva dire per LUI ricordare DIO. Erano quindi due le memorie perseguite dal Nolano, una mortale, ed una …immortale. Semplicemente egli rivoleva dare a tutti gli uomini in grado di farlo “Abbastanza ali per tornare nel mondo della perfezione, al mondo della LUCE”.

 

L’impossibile  diventa possibile

Molto, molto sinteticamente tutto ciò che il Nolano scrisse sulla memoria e volle insegnare si basava su tali dettami. Vi chiederete se ciò era ed è possibile per l’uomo, ebbene vi capisco, e vi dico: “Si è a volte possibile” l’uomo è in grado di intuire e quindi ricordare un sistema archetipico appartenente alla creazione. E’ successo a me e come è successo a me, a molti sta succedendo e nei millenni si è ripetuto. Come tutto ciò può avvenire? Bruno spiega anche questo. Attraverso quattro Rectores per la precisione: Il numero, l’arte, l’amore, e la magia. Io osservando un Rosone 5 anni fa contemplai tre dei Rectores bruniani e immediatamente scattò in me quell’impulso, mai sopito da allora, che oggi mi ha permesso di ri-scoprire una legge universale, quella dell’Ottava, che per millenni gli umani hanno usato in ogni campo dello scibile e che oggi non riconoscono nonostante sia  contemplata nei campi di grano di tutto il mondo. Era quindi attraverso il ripercorrere il meccanismi mentali di DIO, possibile anche per l’uomo, “andare con, attraverso, e se le esigenze lo richiedevano, contro la natura”. Insomma Bruno attraverso l’Ars memorandi, quella immortale, in ultima analisi poneva le basi conoscitive di un  uomo in grado di diventare uno sciamano. E tutto ciò era  contemplato nel suo sapere in quanto tutto perfettamente, in quel triplice mondo di cui si fregiava di essere l’ultimo e vero rappresentante, tutto dicevo, era vivo, intelligente, simmetrico, frattale e specchio, in una infinita sequenza analogica necessaria a giustificare ogni meccanismo mentale di tipo analogico messo in atto dall’Uomo. Panpsichismo e immanentismo divino erano quindi norma nel SUO universo tanto da definire egli stesso gli astri “Animali” in quanto dotati di “Anima”, spesso eticamente superiore a quella umana. In tale contesto era quindi impossibile  negargli la presenza degli DEI negli affari umani, in quanto un Dio destinato a diventare TUTTO  secondo il corrispondente livello animico, chiaramente non poteva che rispettare passaggi divisionali in cui ai primi posti non potevano che essere presenti gli DEI. Chiaramente tutto ciò oggi è inverosimile per noi …o no. Siete sicuri, che, per esempio in amore, nella nostra, nella vostra vita tutto sia spiegabile con estrema sicurezza. Siete sicuri che qualcosa molto simile alle armi di Cupido, non abbia interagito nel nostro destino per far si che nasca …il caso? Davvero pensiamo di poter fare a meno della forza animica di un intero gruppo stellare per poter giustificare in noi umani determinate caratteristiche caratteriali? Davvero ancora possiamo permetterci di pensare che la Terra non abbia un intelligenza in grado di dialogare con un intero sistema solare? Veramente pensate ancora che la materia ovunque e comunque essa sia non abbia anima? Fatti vostri, io con Bruno molto mi son chiarito sulla creazione, soprattutto ho imparato un giochetto appartenente sempre al mondo greco, ma da lui sapientemente utilizzato quando era il momento di insegnare ….chi e come si crea.

 

La statuificazione

Oltre due millenni fa, quando i greci avevano qualcosa di complesso da spiegare e da non dimenticare, sapete che facevano …statuificavano. Per statuificazione si intende un processo mentale attraverso il quale un concetto di per sé complesso è possibile semplificarlo, pur mantenendo la sua oggettiva complessità, utilizzando per esempio, il mito. Un esempio per tutti.  Come posso garantire la comprensione di un fenomeno astronomico complesso come la Precessione degli Equinozi nel tempo e nelle future generazioni? Semplicemente dicendo che: “Mnemosine, dea della memoria, rifiutò Zeus, ma con lo stesso giacque, nelle mentite spoglie di un bellissimo pastorello, per 9 giorni e 9 notti” Chi avrà la curiosità di sapere quante ore ci sono in un simile arco di tempo capirà che 216 ore rappresentano un era precessionale di 2160 anni. Di conseguenza le nascenti 9 muse portatrici dei Talenti umani, figlie di una coppia precessionale, rappresenteranno numericamente qualcosa di molto più misterico e consistente in tale contesto all’apparenza solo mitologico. Questo è solo un piccolo esempio di come ciò che è difficile si può rendere facile, statuificando. Tornando a Bruno vorrei che ora osservaste con  attenzione l’unica immagine da me utilizzata per queste poche righe, da me come al solito sofferte. Vorrei quindi sapeste che Mente o Apollo come Lui lo chiamava, faceva parte di una trina di Sigilli considerati il massimo simbolico a livello ermetico. Ma a differenza di una miriade di altri sigilli completamente intuiti da Bruno ed utilizzati in alcune delle sue opere bibliografiche, cosa di cui mi sono occupato nel mio libro, in quanto ancora oggi completamente senza spiegazione, dicevo a differenza dei restanti sigilli, in questo caso si tratta di “segni” presenti sulla Terra da …sempre. Appartengono ad un sistema geometrico definito in ambito esoterico come “Geometria Sacra”. Nel caso specifico Bruno li utilizzava nella sua Ars proprio per riattivare in noi quella parte mnemonica, direi sacra, giacente in ogni essere vivente. Non credo sfugga inoltre la simbologia completamente dedicata al numero …OTTO. Ebbene credo sia chiaro come al suo interno vi siano delle lettere coincidenti con punti  ben precisi, punti uniti da rette e cerchi, in grado di creare un fitto sistema geometrico in un contesto ben preciso delineato e finito. Vorrei sapeste ora che quelle lettere altro non sono che iniziali di Dei  (A = Apollo B = Bacchus C = Charis D = Diana E = Erigone F = Fortuna G = Ganymedes H = Hermes I = Iovis M = Mars  N = Neptunus, ecc ecc. ), sulla cui presenza e opera così Bruno per la prima e l’unica volta che lo fece, si espresse:

 

APOLLO MOSSO DAL FURORE DI BACCO, COSTRUISCA I PRIMI FONDAMENTI DELLA DIVINA LUCE”,

 

facendo intuire che, per ottenere ciò, è necessario tracciare una linea AB, che va da Apollo a Bacco, poi seguitava aggiungendo che “Apollo circonda Bacco, il quale rimane fermo al centro.”
Continuava dicendo:

 

“Quindi, geometricamente, si crea un cerchio con al centro B (Bacco) e con raggio BA. La costruzione prevede che il movimento continui, mantenendo come centro A con raggio AB, da cui la nascita di due cerchi, con due punti di intersezione, il cui punto più basso viene occupato dalla lettera D - la venerabile Diana - mentre il più alto, con la lettera C, dalla soave Charis.
Di seguito, Bacco ruota intorno alle Grazie descrivendo una circonferenza e lo stesso fa Apollo intorno a Diana, si avranno così 2 raggi, CB e DA…”

e via dicendo.

 

Adesso tornate per un attimo alla descrizione dell’esperimento del Bukminster Fuller e capirete che ciò che Bruno sta descrivendo non è altro che un momento di Cimatica non materiale  ma Mentale. Il sigillo in questione era appunto definito mente in quanto rappresentante la MENTE DIVINA in piena evoluzione e LUI assolutamente voleva che mnemonicamente attraverso la statuificazione tutto fosse memorizzato poiché conscio dell’immenso potere, di quel sigillo ma soprattutto di quel simbolo in particolare. State guardando DIO, che pensando, si suddivide cimaticamente in DEI nello stesso modo in cui un suono costringe la materia a suddividersi o conformarsi geometricamente al suo impeto. State osservando la codifica mentale di un atto senziente divino a livello geometrico. E’ puro suono, destinato a diventare, uomo, colibrì, pianeta, erba,  galassia, virus, elettrone, stella, idrogeno, acqua, ma per prima cosa …DEI. Soprattutto coprite i vostri occhi poiché Apollo come dice il Nolano  “COSTRUISCE I PRIMI FONDAMENTI DELLA DIVINA LUCE”. Ora sapete che ogni processo mentale è un suono molto speciale poiché pura luce, come pura è la luce se risvegliata, della nostra anima, ecco perché per l’UOMO di DIO “La Luce contiene ogni conoscenza”, ecco perché la materia altro non è che un pensiero di luce destinato a diventare materia fra le nostre mani, (Palmieri docet). Si Bruno voleva risvegliare le nostre anime immortali attraverso la sua Ars solo per un motivo: risvegliare l’uomo per riconsegnargli il suo vero potere creativo, riposto assolutamente ed esclusivamente nella forza luminosa del suo …pensiero immortale.
Di più ora non mi va di dire.

 

Michele Proclamato

 

Su YouTube: IL SAPERE DELL'OTTAVA
Conferenza di Michele Proclamato

 

Altri articoli di Michele Proclamato

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...