Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Riflessioni sulla Psicologia TranspersonaleRiflessioni sulla Psicologia Transpersonale

di Diego Pignatelli Spinazzola     indice articoli

 

Allucinazioni o stati alterati di coscienza.
Un viaggio nei NOSC (non-ordinary states of consciousness)
.

 

Le allucinazioni a spettro olotropico (Grof 2000), sono tutto ciò che non rientra nell'esame convenzionale della realtà.

Le "allucinazioni" hanno una loro particolare genesi e sviluppo spontaneo negli Stati Non Ordinari di Coscienza (non-ordinary states of consciousness - NOSCs).

Per la psichiatria accademica convenzionale sei in uno stato di allucinazione sei hai uno stato alterato di coscienza (d'ASC = altered states of consciousness).

Per una visione più ampia la psicologia transpersonale invece ritiene che gli stati alterati o non ordinari di coscienza abbiano un valore euristico e potenzialmente terapeutico e trasformativo (Grof 1989, 2000, 2010).

Fare un viaggio temporaneo in uno stato alterato di coscienza è ciò a cui si prefigge la psicologia transpersonale, la ricerca sciamanica e la ricerca sull'LSD oltre alle terapie esperienziali che sembrano avere tutt'altre vedute per quanto riguarda i NOSC, questi regni "altri" della coscienza che sono "immaginali" ma ontologicamente veri.

Mentre la psichiatria convenzionale tende a invalidare e ad abortire uno stato alterato di coscienza con tutti i mezzi di intervento a disposizione: eliminazione del sintomo e riduzione dello stesso attraverso accanicamento sistematico farmacologico, per individui la cui natura olotropica riflette uno stato nonordinario di coscienza, uscire da un NOSC potrebbe essere pericoloso ed addirittura rischioso.

In qualche modo la gestalt in atto non viene incoraggiata ad emergere spontaneamente ed il processo rimane irrisolto ed incompleto. Il non portare a compimento il viaggio potrebbe avere esiti stagnanti all'innesto di energie psico-somatiche intrappolate a livello fisico emotivo e spirituale.

La psicologia transpersonale ritiene che il NOSC (non-ordinary states of consciousness) sia altamente benefico per il potenziale trasformativo del soggetto, che esplorerebbe così altri livelli oltre all'ego/corpo, oltre alla realtà oggettiva spazio-temporale disponibile nel normale stato ordinario di coscienza. Lo spostamento di una tale comprensione della realtà richiederebbe una revisione radicale dell'attuale paradigma scientifico che non ritiene di esplorare altri frameworks alternativi ad esso quali le anomalous experiences, le esperienze pre-morte (Near Death Experiences), le esperienze fuori dal proprio corpo (Out of the body experiences) e quindi ritenute allucinatorie come le esperienze di out of the body indotte da ketamina, le veridical OBE nei soggetti non vedenti (Ring, Valarino 1989, Ring, Cooper 1989) e tutte quelle esperienze definite "olotropiche" in cui i NOSC ed i viaggi visionari in altre realtà trovano la massima interpretazione fenomenologica (Grof, 2000).

Entrare in un d'AsC od in un NOSC (non-ordinary states of consciousness) significa sganciarsi dai criteri convenzionalistici della società che teme di confrontarsi con un esperienza alquanto numinosa per usare un termine di Rudolf Otto riproposto da C. G. Jung. (Jung 1934/1954).

A questa dimensione numinosa appartengono regni celestiali ed altri domini della psiche governati da una sacra esperienza mistica e religiosa (Jung 1934, Grof 2000).

E' a seconda della variazione culturale e del contesto sociale in cui ci troviamo che potremmo definire ed individuare l'esperienza del NOSC. Entrati nell'esperienza di stato non ordinario quello che per me può essere alterato per un altra persona potrebbe essere usuale. Potrebbe essere quindi uno stato normale di coscienza. Faccio un esempio: in alcune tribù aborigene è più che normale mangiare escrementi dell'altro o praticare la poligamia o come nei riti degli Yoghi, è più che normale mantenere un certo stato di coscienza alterato ed in espansione. Per questo potremmo mai dare a questi riti la denominazione di stati alterati di coscienza? Solo il contesto culturale, l'istituzione e la forma particolare religiosa lo stabiliscono.

Sono così lontane le pratiche sciamaniche, riti di passaggio che favorivano l'aprirsi di un NOSC, che oggi si verrebbe indotti a riguardare i manuali di criterio clinico diagnostico DS-M IV, per non temere di ricadere in questi tribalismi primitivi. Ma verrebbe da chiedere perchè l'attuale scienziato di turno cerchi la chiave sotto il lampione più sicuro, in una zona fuori rischio e sotto controllo? Non ritenendo di vederla nella zona buia dove realmente è? Eppure questo è l'attuale status cofusionale in cui si trova la scienza. E' il solito dilemma epistemologico e divario tra materia e coscienza entrambi appartenenti alla dimensione liminale come fenomeno psicoide.

L'antropologia è andata ancora più avanti e con essa la ricerca sciamanica. Michael Harner, un illustre antropologo americano definisce il paradigma e l'attuale visione della medicina: visione cognicentrica, cioè superiore la natura. Lo stato cognicentrico si ritiene razzialmente superiore.

Oltre a questi c'è un altro stato che domina la comprensione scientifica della realtà: la malattia pragmacentrica. Per la medicina e la psichiatria non c'è alcun rispetto per gli stati non ordinari di coscienza. Ecco perchè questa visione si definisce pragmacentrica. Perchè non tiene conto di questi stati. Questi due difetti, queste due malattie che ci propina la società occidentale, rilevano tutta l'insensibilità per gli stati alterati di coscienza che vengono relegati a visioni allucinatorie anzicchè essere supportati ed incoraggiati nonchè canalizzati, i NOSC non si potranno mai proporre quali sono, cioè stati spontanei di coscienza ricollegabili ad un principio creativo della psiche che in essi produce nuove energie transpersonali e spirituali. Da questa nuova comprensione della realtà psichica ne conviene che i NOSC debbano essere importanti canalizzatori di esperienze collettive, transpersonali, karmiche e filogenetiche ancestrali dell'intera razza umana e riconducibili all'esperienza ultima visionaria del singolo.

 

      Diego Pignatelli Spinazzola

 

Altri articoli di Diego Pignatelli Spinazzola


Bibliografia

Grof S. & Grof C. , The Stormy Search for the Self, New York Perigee Books, 2000.

Grof S. , Realms of Human Unconscious, New York Viking, 1975

Grof S. & Grof C. , Beyond Death, Thames and Hudson, London, 1980

Grof S. , The Adventure of Self Discovery, State University of New York Press, Albany NY, 1988

Grof S. & Grof C. , Spiritual Emergency: When Personal Transformation becomes a Crisis (New Consciousness Reader), Los Angeles, J. P. Tarcher, 1989

Grof, S. 1975. Realms of the Human Unconscious: Observations from LSD Research. New York: Viking Press.

Grof, S. 1980. LSD Psychotherapy. Pomona, CA: Hunter House.

Grof, S. 1985. Beyond the Brain: Birth, Death, and Transcendence in Psychotherapy. Albany, N. Y: State University New York Press.

Grof, S. 1988. The Adventure of Self-Discovery. Albany, N. Y. : StateUniversity New York Press 244

Grof S. , Zina Bennett H. , Holotropic mind, Harper Collins MAPS, San Francisco, 1992

Grof S. , The Cosmic Game: Exploration of the Frontiers of Human Consciousness, SUNY Press, Albany (New York), 1998

Grof S. , Psychology of the Future. Lesson from Modern Consciousness Research, by Stanislav Grof, SUNY Press, Albany (New York), 2000

Grof S. & Grof C. , The Stormy Search for the Self, New York Perigee/Tarcher Los Angeles, Ca Putnam Publications 2000

Bateson., G. Verso un ecologia della mente., Adelphi Milano 1984.

Bateson., G.  Mente e Natura. Adelphi Milano 1984.

Jung, C. G. 1956. Symbols and Transformation. Collected Works, vol. 5, Bollingen Series XX, Princeton, N. J. : Princeton University Press.

Jung, C. G. 1959. The Archetypes and the Collective Unconscious. Collected Works, vol. 9, 1. Bollingen Series XX, Princeton, N. J. : Princeton University Press.

Jung, C. G. 1960. A Review of the Complex Theory. Collected Works, vol. 8, Bollingen Series XX. Princeton: Princeton University Press. Rank.,O , The Trauma of Birth. Hartcourt Brace,New York 1929.

Krippner, S., & Villoldo, A. (1986). The realms of healing (3rd ed.).  Berkeley, CA:  Celestial Arts

Krippner, S., & Welch, P.  (1992).  Spiritual dimensions of healing: From native shamanism to contemporary health care. New York:  Irvington.

Krippner, S. & Feinstein D. The Mythic Path, Energy Psychology Press 2006 Santa Rosa CA.

Lukoff, D., Lu, F., Turner, R. (1992). Toward a more culturally sensitive DSM-IV: Psychoreligious and psychospiritual problems. Journal of Nervous and Mental Disease, 180(11),

Bohm D. , The holographic paradigm, Shambhala Publ. , Colorado.

Bohm D. , Unfolding meaning, Ark, London, 1987.

Bohm D. , Universo mente materia, Red, Como, 1996.

Bohm D. , Wholeness and the implicate order, Ark, London, 1983

Bohm D. e Peat F. D. , Science, order and creativity, Bantam Books, New York, 1987

Campbell. J , L'eroe dai mille volti,Feltrinelli Milano 1984.

Campbell J.,  The Way of Animal Powers, Harper and Row,New York 1984.

Campbell, J, Miti per vivere, REd edizioni;Como 1990.

Capra F. Il punto di svolta. Scienza, società e cultura emergente. Milano, Feltrinelli, 1982.

Capra F. Il tao della fisica, Milano, Adelphi, 1982.

Capra F. Verso una nuova saggezza. Milano, Feltrinelli, 1988.

Krippner & Faith, : Exotic dreams: A cross-cultural survay, Dreaming  11-2001,p.73,82 in Extraordinary Dreams., Krippner, Bogzaran, Carvalho SUNY press 2002)

Krippner, S. (1982). Holonomy and parapsychology. In K. Wilber (Ed. ), The holographic paradigm and other paradoxes: Exploring the leading edge of science (pp. 124-125). Boulder, CO: Shambhala.

Laszlo, E. (1993). The creative cosmos. Edinburgh, Scotland: Floris Books.

Laszlo, E. (1995). The interconnected universe: Conceptual foundations of transdisciplinary unified theory. London: World Scientific.

Laszlo, E. (2004). Science and the Akashic field: An integral theory of everything. Rochester, VT: Inner Traditions. 160

McTaggart, L. (2002). The field: The quest for the secret force of the universe. New York: Quill/HarperCollins.

Pignatelli D.,The Awakening of Intelligence:toward a new Psychology of Being., Universe Bloomington NY 2010.

Pribram H. K. Plans and the Structure of Behavior (with George Miller and Eugene Galanter) 1960

Pribram, H. K. , Languages of the Brain 1971

Ring, K & Cooper, S.  Mindsight: Near-death and out-of-body experiences in the blind (II ed.) iUniverse Bloomington Indiana (First edition published 1999).

Tarnas R. , Cosmos and Psyche: Intimations of a New World View, by Richard Tarnas, Penguin Group 2006.

Tart T. C. Stati di Coscienza, Astrolabio Ubaldini 1977.

Wilber K. , The Spectrum of Consciousness, Quest Wheaton, 1977

Wilber K. , Up from Eden, Doubleday/Anchor, New York, 1981

Wilber K. , A Social God, Mc Graw-Hill, New York, 1982

Wilber K. , The Holographic Paradigm and other paradoxes, Shambhala, Boston, 1982.

Wilber K. , Engler J. , Brown D. P. , , The Transformation of Consciousness, conventional and contemplative perspective on development (Shambhala Boston and London) 1986 Shambhala Publications Inc.

Wilber K. The Atman project: A transpersonal view of human development. Wheaton, Ill. : The Theosophical Publishing House 1980. 245

Wilber K. , A Brief History of Everything, Shambhala Publications, 2000

Wilber K. , Integral Psychology, Shambhala Publications, 2000

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...