Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Riflessioni sulla PsicosintesiRiflessioni sulla Psicosintesi

di Fabio Guidi     indice articoli

 

L'animo molteplice

Giugno 2010

 

L'animo moltepliceL’uomo non è un’unità, è diviso. Basta osservarsi nel corso di una nostra giornata tipica per riconoscere quante volte ci infiliamo e sfiliamo maschere sociali in modo da rispondere alle diverse situazioni e relazioni che la vita c’impone. Il nostro ‘io’ cambia incessantemente come i nostri pensieri, le nostre emozioni, i nostri desideri… In altre parole, siamo “uno, nessuno e centomila”, come intuisce all’improvviso e amaramente Vitangelo Moscarda, il protagonista dell’opera pirandelliana. Una scoperta davvero desolante.
Alcune semplici domande sono sufficienti per portare ad una luce inclemente questa molteplicità:
Innanzitutto, gli altri che cosa credono che tu sia? In che modo ti vedono e come reagiscono al tuo comportamento? Quante immagini di te si creano nella percezione degli altri?
E poi, che cosa vorrebbero che tu fossi? Quali aspettative hanno nei tuoi confronti? Quante pressioni subisci?
Infine, che cosa vuoi apparire agli altri? Qual è la maschera principale che esibisci di fronte agli altri? A quali modelli ti riferisci?
Che cosa sei, realmente, in questa ridda di immagini così diverse?
Insomma, la prima cosa da comprendere nel nostro cammino di conoscenza di sé è che l’uomo non è padrone di se stesso, perché è diviso interiormente. Se la sua parte cosciente sente, pensa e vuole certe cose, inconsciamente altre parti di sé lo guideranno in direzioni assai diverse, per non dire opposte. L’uomo, in realtà, è composto di molte parti, è un insieme di «sub-personalità», di alcune delle quali è sufficientemente cosciente, di altre del tutto inconsapevole, ignaro. Ognuna di queste subpersonalità è una ‘personalità in miniatura’, con caratteristiche specifiche:

 

- Sul piano dell’identità personale, comporta una identificazione parziale, con un ruolo, una funzione, una maschera, un gruppo sociale, un’ideologia, un’età della vita, e così via. Quando, ad esempio, m’identifico con l’affermazione “io sono un ingegnere”, il senso del mio ‘io’ si restringe fino ad escludere rigidamente ciò che non rientra in questa categoria. È facile cogliere le conseguenze negative di una identificazione di questo tipo in presenza di espressioni quali ‘italiano’ o ‘padano’, ‘cristiano’ o ‘islamico’, ‘bianco’ o ‘di colore’, ‘maschio’ o ‘femmina’, ‘romanista’ o ‘laziale’, eccetera. Insomma, un conto è essere italiano (che è un banale dato di fatto) e un altro è l’eccessiva identificazione con l’“italianità”, la quale, lungi dal costituire un ammirevole spirito patriottico, mi porta ad erigere steccati, muri di divisione con tutti coloro che italiani non sono, o non lo sono abbastanza.

 

- Sul piano comportamentale, ogni subpersonalità utilizza certe espressioni e una specifica gestualità, un determinato linguaggio e un particolare tono della voce, ma ci lega anche ad abitudini, desideri e impulsi più o meno improduttivi, o a veri e propri difetti. Quando in me prende il sopravvento la “subpersonalità dell’Aristocratico”, assumerò una postura improntata al contegno, l’espressione del mio volto sarà ostentatamente dignitosa, i miei gesti risulteranno misurati e affettati, userò un linguaggio ricercato e la mia voce avrà una sfumatura snob. Questa subpersonalità amerà vestirsi in un modo particolare, giocare a bridge, frequentare un certo club, e così via. Questo è solo un esempio, non è la descrizione di una subpersonalità tipica, ben inteso.

 

- Sul piano corporeo,invece, una subpersonalitàmanifesta un particolare stato fisico, imponendoci spesso certe somatizzazioni, spasmi, blocchi energetici e tensioni muscolari. All’interno della subpersonalità del “Militare”, ad esempio, potrò avvertire il mio corpo rigido e trattenuto, evidenziando tensioni in certe zone corporee e tendendo a bloccare il respiro in fase inspiratoria. È importante afferrare che questi atteggiamenti corporei non possono non influire sull’economia energetica dell’intero organismo, che poi si riflette sulla funzionalità di organi e apparati.

 

- Sul piano emotivo, ogni subpersonalità denuncia specifici stati d'animo, bisogni e aspettative, che frequentemente si traducono in reazioni coatte e conflitti fonti di sofferenza. Quando sono identificato con “la Vittima” sentirò un senso d’impotenza, più o meno rabbioso o rassegnato, sarò ipersensibile ad ogni ingiustizia, vera o presunta che sia, e reagirò isolandomi, o protestando vivacemente, o maturando sotterranei propositi di vendetta, eccetera. In altre parole, sarò dominato da uno stato emotivo di fondo, che colorerà qualsiasi situazione si presenti al momento.

 

- Sul piano mentale, infine, una subpersonalità difende particolari convinzioni, idee e opinioni, non di rado fissandoci in un’ottica angusta e in pregiudizi. Se m’identifico con la subpersonalità dell’Imprenditore, arriverò a sostenere fermamente che l’uomo è artefice del suo destino, che è solo una questione di iniziativa e capacità personale, che lo stato dovrebbe ridurre al minimo gli ostacoli all’esercizio della libertà imprenditoriale, anche sacrificando gli interessi collettivi, che le esigenze dei dipendenti sono esose e dimentiche di quante responsabilità deve farsi carico il datore di lavoro, e così via, all’infinito. Va da sé che una volta che subentri un’altra subpersonalità, ad esempio del Padre Comprensivo, potrò argomentare in maniera del tutto diversa.

 

In definitiva, ogni uomo è una molteplicità di parti, il suo nome è ‘legione’ (cfr. il Vangelo di Marco 5, 9 e parallelo); nello stesso tempo, possiede un repertorio limitato di subpersonalità, di ruoli, e al di fuori di questi ruoli si sente a disagio, nudo, spaesato. Ebbene, il Lavoro consiste proprio nello smantellare questi ruoli, un’opera che, tecnicamente, si definisce con l’espressione “lucidare l’Io”.


     Fabio Guidi

 

Altri articoli di Fabio Guidi

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...