Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

salute alimentazione naturale

Salute e alimentazione naturale

Del dott. Giacomo Bo   indice articoli

  

 

I colori della salute

Giugno 2007

 

Nella scelta di un cibo i sensi giocano sempre un ruolo fondamentale; basti pensare al gusto, al sapore di un alimento, per renderci conto di quanto diamo importanza alle nostre percezioni.

 

Da migliaia di anni gli animali imparano a riconoscere un alimento salutare dal suo gusto, dall’odore, dai suoi colori e forme e così via, e salvo rare eccezioni, non sbagliano mai.
Purtroppo oggi, con le sofisticazioni industriali, molto spesso le nostre percezioni vengono tratte in inganno, perché un alimento che accende il gusto, che profuma intensamente, che ha colori appariscenti… non è detto che sia sano. Anzi, sembrerebbe che le cose che piacciono di più siano anche quelle che fanno più male, come ad esempio lo zucchero, la cioccolata, le bevande e in generale i cibi molto elaborati.

 

Vorremmo ora soffermarci su uno di questi sensi che di solito gioca un ruolo secondario, soprattutto nei confronti dei cibi più naturali. Stiamo parlando dell’elemento visivo. Finora, non abbiamo mai prestato molta attenzione al colore degli alimenti, ritenendo questo un elemento superficiale e di poco conto. Per noi, il fatto che le carote fossero arancioni, i pomodori rossi e i piselli verdi non voleva dir nulla.

 

Invece, studi moderni hanno scoperto che i pigmenti che colorano la frutta e la verdura, non hanno solo una funzione visiva, ma producono effetti benefici su tutto l’organismo. Questi pigmenti - denominati fitonutrienti – comprendono molte sostanze dai nomi finora sconosciuti, come flavonoidi, fenoli, terpeni, fitati, isotiocianati, indoli e tutti svolgono funzioni importanti per la salute del corpo.
L’elemento forse più curioso è che in base al loro colore svolgono azioni diverse, per cui possiamo studiare questi colori e vederne le principali azioni benefiche.

 

Rosso: tutte le verdure e la frutta di colore rosso svolgono azioni protettive nei confronti del cuore, rafforzano la memoria e proteggono le vie urinarie. Stiamo quindi parlando di pomodori, peperoni, ciliegie, fragole, angurie, ribes, lamponi ecc. Ad esempio, proprio il pomodoro, quando ben maturo, contiene un fitonutriente, il licopene, un potente antiossidante che mantiene sane le cellule e previene certe forme di tumore, riduce le infiammazioni vascolari e protegge il cuore.

 

Giallo-arancio: tutte le verdure e la frutta di questo colore, come le albicocche, le pesche gialle, le carote, i peperoni, il mais, il melone, l’ananas, le arance le zucche, i manghi, i kiwi gialli, le papaie ecc. rinforzano gli occhi, il cuore e in generale tutto il sistema immunitario, grazie anche ad alte presenze di vitamine C e di un fitonutriente che è un precursore della vitamina A.

 

Verde: L’azione protettiva di insalate, zucchine, asparagi, piselli, rucola, basilico, mele verdi, avocado, broccoli, cavoli cappuccio ecc. si concentra sulle ossa, i denti e gli occhi; inoltre proprio questi fitonutrienti che danno il colore verde aiutano a ridurre lo stress e l’affaticamento, oltre che a prevenire numerose forme di tumore.

 

Bianco: a questa categoria appartengono le cipolle, l’aglio, lo scalogno, i cavolfiori, i finocchi, le pesche bianche ecc; i loro fitonutrienti favoriscono una corretta assimilazione dei grassi contenuti negli alimenti e quindi aiutano a combattere il colesterolo.

 

Violetto: le melanzane, i fichi, l’uva, le prugne, le more, i mirtilli contengono numerosi fitonutrienti, tra cui le anticianine e i fenoli, che proteggono le vie urinarie e hanno azione anti-invecchiamento nei confronti della pelle, della perdita di memoria, oltre che azione preventiva nei confronti di alcuni tumori.

 

Ancora una volta, la scienza medica conferma quanto la natura ci suggerisce da tempo: è nella verdura e nella frutta che troviamo insospettabili virtù preventive e curative.
Una bella insalata mista, con tante verdure, non è perciò solo più un piacere degli occhi, con tutti quegli stupendi colori, ma anche un toccasana per la salute del corpo e della mente.
L’indicazione quindi di inserire nei propri pasti abbondanti dosi di frutta e ortaggi – soprattutto se consumati crudi – non può che essere accolta con favore, con l’unica avvertenza che mentre la verdura può essere consumata con qualsiasi altro alimento, la frutta andrebbe mangiata lontano dai pasti – oppure come pasto vero e proprio – perché abbinata ad altri cibi tende a fermentare, rovinando la digestione e perdendo tutte le sue grandi proprietà.

 

Un’ultima osservazione riguarda il fatto che oggi ci stupiamo molto del fatto che frutta e verdura – ignorate fino a qualche anno fa – contengano così tanti fattori benefici per la salute, e non riusciamo a collegare che la maggior parte delle malattie moderne è apparsa in concomitanza con la scomparsa dalle nostre tavole proprio della frutta e degli ortaggi, sostituiti con cibi più “gustosi” e appariscenti, ma anche privi di principi nutritivi.
Prima che comparissero i supermercati, la gente comprava al mercato paesano, dove – come è possibile osservare ancora oggi – la maggior parte della merce esposta consiste proprio in frutta e verdura. Nei supermercati è facile invece notare che la superficie dedicata ad essi è molto ridotta rispetto ad esempio a quella dedicata ai biscotti o alla pasta.

 

dott. Giacomo Bo

 

Altri articoli dedicati alla salute e alimentazione naturale

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...