Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Riflessioni sulle scienze

Riflessioni sulle Scienze

di Alberto Viotto    indice articoli

 

La semplicità per una vita migliore

Luglio 2014

  • Quanto costa telefonare?

  • La lotta tra marketing e clienti

  • Il caso del costo di ricarica

  • La domanda e l’offerta

 

Quanto costa telefonare?

Quanto costa un minuto di telefonata da un cellulare? A vedere le offerte delle compagnie telefoniche, circa 1 centesimo di euro (ad esempio la Wind propone l’optional Noi Tutti Extra, 1 € al mese per 100 minuti di chiamate verso qualsiasi operatore, la Telecom l’offerta “minuti Extra”, 5 euro al mese per 400 minuti di chiamate). Se però si telefona senza avere attivato una di queste offerte, o si sfora il tetto previsto, il prezzo è ben diverso. Con Wind, ad esempio, la tariffa “normale” è di 18 centesimi di euro al minuto.

Il prezzo varia di diciotto volte se si telefona senza particolari accorgimenti! Questo fa parte di una strategia più generale, che tende a mantenere i clienti più attenti che potrebbero passare alla concorrenza, facendoli pagare relativamente poco, e d’altra parte cerca di fare i massimi profitti con i clienti disattenti, che non hanno tempo di scegliere con cura.

 

La lotta tra marketing e clienti

La maggioranza delle persone sta abbastanza attenta, cerca una tariffa adeguata e controlla spesso la propria situazione, quante telefonate e quanti messaggi ha effettuato e quanto manca al raggiungimento della soglia, a volte rinunciando a chiamare per non superarla. D’altra parte l’azienda ha svolto studi approfonditi per elaborare i suoi piani tariffari non lineari, si deve sobbarcare dei costi amministrativi aggiuntivi per gestirli, ha dovuto investire in pubblicità.

Perché si deve perdere tanto tempo? Tutto questo lavorio porta qualche beneficio, qualche aumento della ricchezza globale? No, è solo lavoro inutile, una  perdita di tempo per tutti. Se le tariffe fossero più semplici, con un prezzo uniforme per le chiamate, ci sarebbe un beneficio generale. Detratti i costi del marketing, probabilmente si pagherebbe per ogni minuto di conversazione poco di più di quanto si paga adesso con la tariffa più conveniente. L’azienda farebbe gli stessi guadagni, gli utenti farebbero le stesse telefonate e si sarebbero evitate tante attività inutili.

 

Il caso del costo di ricarica

Fino al marzo del 2007 la maggior parte degli operatori di telefonia mobile imponeva un “costo di ricarica” ogni volta che si pagava in anticipo per le telefonate. Il costo era di due-tre euro, relativamente poco in percentuale per chi ricaricava cifre elevate ma una notevole penalizzazione per chi ricaricava cinque o dieci euro per volta, come spesso facevano i ragazzini o i consumatori più deboli. Inutile dire che per le compagnie telefoniche l’effettivo costo di gestione della ricarica era molto più basso, per cui questo balzello rappresentava a tutti gli effetti una componente della tariffa.

Nel marzo del 2007 il cosiddetto “Decreto Bersani” impedì alle compagnie telefoniche questa pratica(1). La norma era molto positiva, ma non perché così si abbassasse il costo globale delle telefonate, come assurdamente pensavano le unioni dei consumatori: ovviamente gli operatori telefonici aumentarono le tariffe per coprire l’incasso che era venuto a mancare. Il vero beneficio era che si rendevano più semplici e lineari le tariffe, senza costi nascosti che gli utenti tendevano a sottovalutare.

 

La domanda e l’offerta

Il prezzo globale di un bene o servizio non può essere imposto dallo Stato, ma è determinato dalla legge della domanda e dell’offerta. Se si impedisce di fare pagare per una certa componente del prezzo, è inevitabile che le altre componenti aumentino. La norma semplicemente imponeva di suddividere il prezzo globale in modo più equo e più semplice.

Ogni azienda deve poter fare i prezzi che vuole, se sono più bassi avrà più clienti e più ricavi ma meno margini. Se c’è concorrenza questo meccanismo funziona molto bene. Il punto è che i prezzi dovrebbero essere semplici ed uguali per ogni cliente.

Nelle attuali tariffe ci sono complicazioni inaudite, piani tariffari poco convenienti ma abbinati ad offerte mirabolanti, che ad esempio raddoppiano il valore della ricarica (ma con costi delle telefonate doppi), rilevanti agevolazioni per chi proviene da un altro operatore, l’’autoricarica” o cose del genere. Questo assurdo gioco non dovrebbe essere permesso, come si è vietata la pratica di addebitare gli inesistenti costi di ricarica.

 

   Alberto Viotto

 

Se qualche lettore trovasse questo articolo interessante o ne volesse discutere, all'autore farebbe piacere ricevere delle e-mail all'indirizzo: alberto_viotto@hotmail.com


Altri articoli di Alberto Viotto

NOTE

1) www.repubblica.it/2007/03/sezioni/economia/tariffe-cellulari

 

Alberto Viotto offre gratuitamente due suoi Ebook:

 

Come ti fregano
Analisi dei meccanismi del marketing ed altri trucchi

 

"Da mattina a sera, sui giornali, sulle televisioni, sul web,  siamo sommersi da messaggi pubblicitari che sembrano pensati per un pubblico di semideficienti. Naturalmente il circo del marketing ha un costo, che ricade sull’ambiente ma anche su di noi, costretti a pagare di più i prodotti che ci servono (circa 400€ in più in media su ogni auto nuova).
Di chi la colpa? Ahimè, è nostra, perché compriamo i prodotti pubblicizzati; se la pubblicità non facesse aumentare le vendite i produttori smetterebbero di  tormentarci. Un rapido esame dei meccanismi del marketing ci può aiutare ad immunizzarci."

Achille e la tartaruga e altri paradossi

 

"Una nuova e più elegante soluzione al paradosso più famoso. Altri celebri enigmi (il sorite, il cretese mentitore, il gatto quantistico, la stanza cinese) affrontati da un punto di vista non convenzionale".

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...