Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

 

I vestiti nuovi dell'Imperatore (Il Re è nudo)

C'era una volta (e solo una) molti molti anni fa, così tanti che il passaggio del tempo non era neppure iniziato, un Re che amava così tanto i vestiti nuovi che spendeva in essi tutto quello che aveva.
Possedeva un abito diverso per ogni ora della giornata, per ogni giorno della settimana, e per ogni settimana dell'anno..
Niente importava per Lui, eccetto i Suoi vestiti; eppure non trovava soddisfazione neppure nello splendore di tutto quel guardaroba. Tutte le volte che il Suo sarto veniva al Palazzo, Egli gli chiedeva continuamente qualcosa di nuovo.
Alla fine il sarto era sull'orlo della disperazione; non riusciva a trovare più nulla di nuovo, ed il brutto è che era l'unico sarto in tutto il Regno.
Così pensò e pensò, e riuscì finalmente a ordire un piano. Disse al Re di aver inventato un nuovo tessuto che non solo cambiava colore e forma ogni momento, trasformandosi sempre in un nuovo abito, ma rivelava anche coloro che erano stolti, ignoranti, stupidi, o tutti e tre, in virtù di una sua magnifica proprietà. ad uno stupido, il tessuto sarebbe stato invisibile, mentre ad un saggio sarebbe apparso in continuo cambiamento e splendidamente bello.
"Che formidabili abiti!" pensò il Re tra Sé. naturalmente tra Sé. sempre tra Sé. "Solo indossandoli riuscirò a distinguere i saggi dai pazzi".
Subito commissionò al sarto i nuovi vestiti. Le settimane passarono, e questi abiti non arrivavano; e non c'è da meravigliarsi, poiché non c'era niente da spedire. Il sarto non aveva intenzione di cucire nulla; intendeva far recapitare al Re "un bel nulla", dopo aver lasciato passare un adeguato periodo di tempo per convincere il Re che i vestiti, come Gli aveva spiegato a lungo e con un linguaggio eccessivamente tecnico, avrebbero previsto ogni possibile circostanza con raffinato dettaglio e che erano molto difficili da produrre.
Finalmente il pacco con l'abbigliamento invisibile arrivò ed il Re lo aprì eccitato, solo per scoprire che Egli non riusciva a vedere proprio nulla..
Ma non desiderando apparire stolto, ignorante o stupido, o tutti e tre, fece finta d'indossare i nuovi vestiti ed uscì tra la gente del Suo Regno.
E pensate anche solo per un momento che i suoi sudditi volesse rischiare la testa accennando alla Sua nudità? Neppure per sogno! Nessuno lo fece! .Fin quando un bambino disse, un po' troppo forte, mentre il Re stava passando in processione:

 

"Ehi, guardate! Il Re è nudo!"

 

Un frastornante silenzio si sparse tra la folla assemblata per assistere alla processione del Re e dei Sui Ministri mentre il riverbero delle parole del bambino si spandeva per la piazza.
"Guarda cos'hai fatto!" gemette il Re al sarto, "Tutti pensano che Io sia uno stupido che se ne va in giro nudo!"
"Sciocchezze, Vostra Maestà," temporeggiava i sarto, "l'abito fa l'uomo, ma il Re fa lo stile. Non videro tutti il vostro vestito arcobaleno cangiante, non appena usciste dal Palazzo? Solo i bambini sono incapaci di vederlo. È naturale, sono ignoranti. Come potrebbero sapere? Non hanno la capacità sociale di nascondere la loro stoltezza".
"Sentite cosa dobbiamo fare," propose il sarto, "insegnerò a tutti i bambini a vedere i Vostri vestiti nuovi; fin quando non imparano, semplicemente ignorate cos'hanno da dire su di Voi".
Il Re pensò che si trattava di un ottimo piano e dette al sarto il nuovo compito di insegnare a tutti i bambini a vedere i Suoi vestiti nuovi.
Passò un po' di tempo, ma per insegnar loro a vedere dei vestiti invisibili, anzi di fatto inestistenti, ed anche a crederci nonostante i loro stessi sensi e la loro intuizione, il sarto dovette ricorrere, con i bambini, a metodi molto forti di magnetismo animale, detti "ipnosi".
Questi metodi erano così potenti che, mentre i bambini si immergevano nell'allucinazione dei vestiti del Re, la loro visione del mondo realè si affievoliva e quando raggiungevano l'età adulta, sebbene potessero adesso vedere gli abiti nuovi del Re, erano però incapaci di vedere lo stesso Re, eccetto che in qualcuno dei più stravaganti spot commerciali di bibite gassate su una tv via cavo.
Quando il Re si lamentò con il sarto riguardo a questo inconveniente, quest'ultimo rispose: "Beh, cosa volete di più? Di cosa avete più piacere? Volete che essi siano capaci di vedere i Vostri vestiti, o Voi? Non potete avere entrambe le cose, lo sapete".
Il Re non lo sapeva, ma s'immaginò che il sarto ne sapesse di più di Lui. Poteva sempre tornare ad indossare i vecchi abiti ma essi, a confronto con questo infinitamente mutevole abito arcobaleno cangiante, non parevano più adeguati.
"Che ne pensate di questo?" chiese il sarto, "Insegnerò a tutti i bambini a vedere il vestito, ma insegnerò anche a pochi di essi (non alla maggioranza della popolazione, poiché c'è bisogno di loro per sostenere il Regno, ma agli stupidi, a coloro che sono in ogni caso inutili agli scopi generali della vita, come gli sciamani, i mistici ed altri "procaccia-guai") a vedervi. Naturalmente, dovete capire che quando imparano a vedere Voi e non i Vostri vestiti, Voi apparirete loro nudo..." aggiunse in un tono leggermente di scusa.
"Ne vale la pena" acconsentì il Re. E così, ad alcuni stupidi del Regno (diversi, disadattati, e quelli che, per qualche scherzo della sfortuna, non si accontentavano delle allucinazioni) fu insegnato a vedere il Re e a dimenticarsi dei vestiti.
E da quel giorno fino ad oggi, il sarto non è stato più così indaffarato.
E le nuove idee per i nuovi abiti del Re?
Ormai, chi se ne frega più?

 

Altra versione:

I vestiti nuovi dell'Imperatore di Hans Christian Andersen

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...