Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

simbologia

Riflessioni sulla Simbologia

di Sebastiano B. Brocchi    indice articoli

 

Il Sacrificio del Leone.
Dalla psicologia del profondo alle Cronache di Narnia

Giugno 2008

pagina 2/2 - pagina precedente

 

In molti miti antichi, in luogo del leone che sacrifica sé stesso, troviamo il tema del sacrificio-abbattimento del leone da parte dell’eroe che con esso ha precedentemente combattuto, dalla mesopotamica “Epopea di Gilgamesh” (che combatte i leoni),  al libro ebraico dei “Giudici” (in cui Sansone, investito dello Spirito del Signore, «squarciò il leone come si squarcia un capretto») alle elleniche fatiche di Ercole (il quale è noto per aver ucciso il leone nemeo).

Miti in cui l’affrontare il leone e vincerlo può essere letto come prova di forza da parte dell’eroe, ma anche come vittoria sulla forza bestiale da parte della forza intellettiva-spirituale(l’uomo interiore che vince l’animale interiore).

Gilgamesh combatte i leoniSansone uccide il leoneErcole combatte il leone nemeo

Ma è forse nell’iconografia alchemica che il sacrificio del leone assume con maggiore precisione le sembianze descritte da Lewis: l’animale abbattuto a scopo magico-rituale su un altare di pietra.

In Alchimia il leone è simbolo dell’Oro o dello Zolfo, sostanze che nei testi ermetici sono termini metaforici, usati per indicare l’Io.

 

Il leone sacrificato sull'altare - da un manoscritto alchemicoSacrificare il leone significava immolare l’Ego inferiore, ricettacolo della superbia (lo troviamo in questa veste anche nel Canto I della “Divina Commedia”) e dell’illusione dell’individualità, che ci impedisce di scorgere il continuum coscienziale che ci lega alla Causa. Immolare il Leone-Zolfo-Ego sulla tavola di pietra che rappresenta la Pietra Filosofale, ossia il punto sorgivo della Consapevolezza in cui muore l'Io per incontrare la totalità.

E come l’Aslan de “Le Cronache di Narnia”, anche il leone alchemico resuscitava dopo la morte, spesso in forma di leone alato, ad indicare lo Zolfo purificato, simbolo dell’Io divino ritrovato nel nucleo profondo di noi stessi. E qui si giocava sulla comune origine dei termini “Zolfo” (Teon) e “Dio” (Teos).

Leone e leone alato, fra l’altro, divengono rispettivamente, nello splendido libro di Christian Jacq, “Le Voyage Initiatique”, il ventiseiesimo e il trentunesimo grado della via di saggezza tracciata dai simboli della Cattedrale di Metz.

 

 

Eccoci, credo, ben più vicini all’archetipo di quanto non fossimo all’inizio. Spero che i sentieri interpretativi imboccati in questo articolo possano gettare nuova luce sull’insieme dell’opera di C. Lewis, dimostrando che proprio come nella storia di Narnia, dietro i giacconi appesi non finisce l’armadio guardaroba, ma si aprono magici orizzonti tutti da esplorare...

 

Sebastiano B. Brocchi

 

pagina 2/2
pagina precedente

 

Altri articoli di Sebastiano B. Brocchi

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...