Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Sutra del LotoRiflessioni sul Sutra del Loto

di Rev. Nisshin   indice articoli

 

Passato e presente

Febbraio 2012

 

Buddha Sutra del LotoTutti noi abbiamo un passato.

Alcuni di noi respirano nel presente, ma vivono nel passato e ciò è in contrasto con il messaggio del Buddha, che ci esorta invece a considerare solo il ‘qui e ora’.

 

La maggior parte di coloro che si avvicinano al Buddhismo ha alle spalle toccanti o drammatiche esperienze personali. Solo una minima parte arriva al Buddhismo per altri motivi. Nonostante questo però tutti tendiamo a vivere nel passato e il nostro presente è vincolato dalle nostre esperienze passate. Verrebbe allora da chiedersi: ‘Ma allora quand’è che il nostro passato diventa passato? Se il passato guida il presente, allora non è passato, ma è presente.’ Alla luce di questo, quale risposta diamo a questa domanda?

 

Fatti i dovuti calcoli risulta che noi non viviamo mai il presente: in ogni frangente della nostra vita volgiamo la testa indietro o avanti e, a seconda di ciò che vediamo, agiamo. Non pensare al futuro ci appare incoscienza e non basarci sul nostro passato ci appare pazzesco, o pazzia. In effetti non considerare né il passato né il futuro a priori, può apparire effettivamente così, ma il punto è l’importanza che noi diamo sia al passato che al futuro. Nella realtà conosciamo soltanto il passato e questo ci porta a pensare che tutto dipenda da noi, dalle nostre capacità, dalla nostra razionalità, dal nostro ‘grado evolutivo’. Ma allora se siamo convinti di questo, perché ci siamo avvicinati al Buddhismo, e soprattutto perché ci siamo avvicinati ad una religione? Domanda questa a cui è complicato rispondere.

 

Quale senso ha tutto questo? Quale senso ha il nostro comportamento abituale? Quanto la nostra pratica del buddhismo si limita all’invocazione delle parole del Buddha e alle preghiere? Nella nostra vita nel mondo quanto c’è della parola del Buddha? Qual è il nostro atteggiamento nei confronti di tutto ciò che ci circonda? Questo che sto facendo rispecchia in qualche modo l’insegnamento del Buddha o è frutto soltanto delle mie aspirazioni o delle mie esperienze passate? Quanto ci interessa davvero stare bene e cosa siamo disposti a dare di noi stessi per questa causa? Queste sono domande che ognuno di noi dovrebbe porsi, specialmente in quei momenti in cui ci rendiamo conto che siamo forse troppo indulgenti con noi stessi. Dovremmo essere coscienti quindi che spesso tendiamo a praticare più una nostra religione  anziché il buddhismo.

 

In ogni frangente della vita dovremmo chiederci: ‘Cosa farebbe il Buddha al mio posto?’

 

Certamente il Buddha viveva in un’epoca diversa dalla nostra e lo sappiamo bene, ma sappiamo anche che il suo insegnamento ha colpito e colpisce tuttora milioni di persone sul nostro pianeta! Conosciamo bene l’attualità del messaggio del Buddha ed è per questo che abbiamo deciso di seguirla, ma la seguiamo veramente? Quanto ci sforziamo di seguirla? Quanto tendiamo a manipolarla fino a plasmarla alla nostra vita? Questo dovrebbe farci riflettere.

Il passato ci serve per comprendere il presente, non per viverlo al nostro posto. Il futuro allo stesso modo è qualcosa di troppo incerto per poterci basare le nostre esistenze.

 

Il buddhismo ci insegna che per arrivare alla meta non bisogna preoccuparsi della meta stessa, ma di ogni singolo passo che intercorre fra noi e la meta, fra noi e il nostro obiettivo. Per fare un esempio si potrebbe dire che se noi camminando, considerassimo soltanto ciò che è di fronte a noi, ad una distanza di 4-5 metri, potremmo incorrere nello spiacevole inconveniente di inciampare in qualcosa posto ad una distanza inferiore! Per questo, per arrivare dove abbiamo deciso di andare, dobbiamo preoccuparci di ogni singolo passo, di dove mettiamo i piedi. Allo stesso modo per conquistare la nostra serenità dobbiamo preoccuparci di ogni singolo momento, e di ogni singolo giorno che compone la nostra vita. In questo modo avremo davvero la certezza che non abbiamo perso la direzione nel corso del tempo. Se noi ci preoccupiamo di seguire solo la direzione finiremo per inciampare in qualcosa di molto più vicino a noi: il nostro ego, la nostra inadeguatezza, la nostra debolezza e cose di questo genere.

 

Alla guida di un Sangha vengono sempre poste molte domande, si potrebbe anche dire che viene fatta richiesta di molte risposte.

Nella meditazione di oggi ho voluto portare delle domande anche io, delle domande che ritengo ci si debba porre per non perdere il contatto con la realtà. Siamo tutti ben predisposti alla critica e questa nostra particolare caratteristica spesso si trasferisce anche nei confronti dell’insegnamento del Buddha, considerandolo a volte obsoleto, arrivando a pensare anche che le nostre preghiere non siano ascoltate da nessuno. Siamo come dei malati che criticano la cura data dal dottore senza averla mai provata. Questo può far sorridere, ma pensate a quanto c’è di vero in questo.

 

Imparare a praticare gli Insegnamenti del Buddha nella nostra vita, questa è la nostra meta, che tendiamo però a perdere di vista ogni volta che ci alziamo dall’altare e cominciamo a vivere. L’invocazione delle parole del Buddha, dei mantra e delle nostre preghiere recano in sé innumerevoli meriti - come ci viene descritto dal Buddha nel Sutra del Loto. Ma nel Sutra si dice anche di vivere secondo i suoi insegnamenti, secondo gli insegnamenti racchiusi nel Sutra stesso senza interpretazioni personali o adattamenti, perché soltanto allora potremmo asserire di praticare gli insegnamenti del Buddha. Potremmo quindi dire di aver fatto la nostra cura e di essere sotto cura del Buddha.

Il Sutra del Loto è realmente una guida per la nostra vita di tutti i giorni, ma fin quando non comprendiamo davvero quale sia l'atteggiamento giusto per studiare ogni singolo capitolo, studiare non ci porterà a nessun risultato. Ogni volta che leggiamo un capitolo del Sutra del Loto, dovremmo fare bene attenzione anche alle singole parole usate, perché dietro spesso si nascondano i vari “segreti”. Chiediamoci cosa ci vuole dire il Buddha con questo Insegnamento. Chiediamoci cosa possiamo fare noi per vivere quel determinato Insegnamento e sopra ad ogni cosa, cosa possiamo fare per portare questo Insegnamento alle persone che ci circondano. Il più grande errore è quello di considerare solo la meta senza tenere in considerazione il modo con cui ci arriviamo. Bisogna essere disposti a sacrificare la meta se questa ci porta ad accettare compromessi di ordine morale. Praticare il Sutra del Loto è praticare l'umiltà giorno per giorno, è chiedersi se si è davvero umili, se si è stati umili. Il Sutra del loto non è distante dalla nostra vita e la nostra comprensione dello stesso è subordinata a quanto noi lo consideriamo vicino a noi. Incontro spesso persone che si vogliono avvicinare al percorso che noi di Hokke Shoshu percorriamo e spesso sono persone che hanno praticato il Sutra del Loto soltanto davanti ai loro altari, ma raramente si incontrano persone che lo hanno praticato nella loro vita. Persone che da molti anni, dieci, venti e più anni hanno studiato il Sutra del Loto come libro, ma il Sutra non è un libro, rappresenta la voce santa del Buddha e finché noi non comprendiamo questo sarà e resterà solo come un fumetto! Spesso quando si ha la fortuna di accorgersi di questo, nasce in noi il desiderio di ricominciare, e ci sentiamo sereni, ma dopo poco scatta la presunzione e allora tendiamo a considerare tutto alla luce di ciò che sappiamo o crediamo di sapere. Questo non è ricominciare, ma solo percorrere una strada parallela a quella che abbiamo percorso per tanti, troppi anni. Sono davvero poche le persone che realmente incominciano, che realmente sono disposte a mettersi nelle mani di una guida, probabilmente perché a loro volta lo sono stati anche loro, ma la strada che indicavano era sbagliata e anche se hanno ricominciato da capo continuano, sbagliando, a sentirsi ancora guide e questo gli impedisce di crescere, di raggiungere ciò che davvero desiderano: la serenità. Incontro spesso persone così, e mi fa male riconoscere che basterebbe che si accorgessero di questo maligno errore, per voltare davvero pagina e godere dei benefici della fede. Non riuscire a comprendere però come dicevamo, non è e non deve essere una colpa. Il compito di una guida non è altro che quello di indicare l'inghippo, ma indicarlo è difficile, perché dentro ad ognuno di noi l'orgoglio danza come le foglie d'autunno ed è difficile fermare la musica, specie quando si è fra quelli che si è guidato. Allora ci vuole amore, per ascoltare, fiducia in chi ci parla e si deve pregare davvero con il cuore per riuscire a sedersi e ascoltare anche quando l'entusiasmo dei primi giorni tende ad affievolirsi, perché è difficile ammettere di aver sbagliato, specie quando non si comprende che lo si è fatto in buona fede. Ecco, dove dovremmo prendere la forza, dalla nostra buona fede, allora comprenderemmo che tutto non è perso, che la nostra esperienza ci servirà, che tutto ciò che dicevamo, che insegnavamo se messo nella giusta ottica può essere davvero di grande aiuto alle persone. Questo davvero dovremmo comprendere, e il Sutra del Loto ci parla di tutto questo. I discepoli presenti alla grande adunanza anche loro credevano di aver compreso, anche loro erano guide, ma il Buddha li ha guidati ad una nuova comprensione. Quando il Buddha ha incominciato a predicare il Sutra del Loto tutti coloro che credevano di aver capito e che non ci fosse più nulla da capire, o che non sono riusciti a comprendere ciò che dicevamo prima, si sono alzati e hanno lasciato l'assemblea. Ora sta a noi decidere a quale gruppo appartenere.

Abbiate cura di voi.

 

Rev. Nisshin

 

Altri articoli sul Sutra del Loto

Libro Sutra del LotoMyo Edizioni è lieta di presentare la versione in lingua corrente del "Sutra del Loto".
Per la stesura di questa pubblicazione si è scelto di usare un linguaggio semplice, più comprensibile e immediato, pur mantenendo inalterata l'originalità degli insegnamenti. La presente versione del Sutra del Loto è dedicata a tutti i credenti e studiosi di questo meraviglioso Sutra. Le versioni del Sutra del Loto presenti attualmente in commercio, risultano di difficile comprensione per noi lettori occidentali, per via di un linguaggio tipico di questo genere di pubblicazioni, ricco di ripetizioni e ridondanze. La presente versione più fresca e attuale aiuta anche il lettore meno esperto ad entrare nel profondo della narrazione.
Per maggiori informazioni Il Sutra del Loto

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...