Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Riflessioni TeosoficheRiflessioni Teosofiche

di Patrizia Moschin Calvi  - indice articoli

 

“Lo Straniero”

Il viaggio del Salvatore gnostico nel “Canto della Perla”

A cura di Leonardo Sola

Gennaio 2013

 

Canto della Perla è il titolo dato dai traduttori moderni al Canto dell’Apostolo Giuda Tommaso (prigioniero) nella terra degli indiani, un racconto in versi in siriaco (in greco, in versioni successive) inserito negli Atti di Tommaso (ai fogli 108% 113) un apocrifo gnostico del III secolo d.C.. Secondo Luigi Moraldi (Apocrifi del Nuovo Testamento II-Torino 1971), il “Canto” è “cronologicamente anteriore e non ha alcuna reale connessione con gli Atti”. Proponiamo una versione, nata dal confronto di varie traduzioni e versioni, priva di rigide divisioni metriche, in ciò seguendo, in parte, la lezione di Hans Jonas (Lo Gnosticismo, Torino 1991). Il “Canto della Perla” è un racconto di salvezza di particolare bellezza: evoca stati d’animo, emozioni, “situazioni” della vita dell’anima e immagini del Salvatore gnostico nel suo viaggio di discesa nelle parti infinitesime della “materia”, straniero nel mondo della generazione e dell’illusione, fino ad assimilarsi agli elementi e agli esseri più oscuri e negativi. Lo scopo di questo “farsi prigioniero”, di divenire totalmente “carne e sangue” di tutti gli esseri “impuri”, è quello di liberare “la Luce Spirituale” sepolta profondamente nella loro psiche, di liberare la Verità, la Vita, Se Stesso, dalla “prigione” della forma e dall’illusione della separazione, fino alla loro reintegrazione nella Totalità del Mondo Spirituale o Pleroma. Ciò si realizza attraverso il Richiamo della Parola o Gnosi, quella Conoscenza che attua la “conversione”, illuminando ad ogni passo il loro cammino. Il “Canto”, pur essendo stato redatto dall’Anonimo Autore in un linguaggio semplice, si articola in molte immagini, allegorie e simboli che sarebbe necessario analizzare in modo approfondito. Impossibile a farsi per evidenti ragioni di spazio, ci è parso utile evidenziare le parole e sottolineare le frasi che contengono un senso gnostico fondamentale, riportando in calce l’equivalenza, in questo contesto, della parola con le idee gnostiche corrispondenti. In altri contesti la medesima parola può racchiudere idee diverse, secondo il polisenso del linguaggio simbolico proprio degli antichi Autori gnostici. Sostituendo l’idea alla parola simbolica, appare il senso spirituale del Canto ed emerge anche la profondità del pensiero gnostico, riguardo al Salvatore e all’”Opera di Salvezza”.

 

   Leonardo Sola

 

 

“Il Canto della Perla”

 

Quando ero ancora fanciullo
e dimoravo nella Casa di mio Padre,
dilettandomi della ricchezza e dello splendore
di Coloro che mi avevano allevato,
i miei Genitori dall’Oriente, dalla nostra Patria,
mi inviarono (all’Occidente) con tutte le provviste per il viaggio,
attinte in abbondanza dalle ricchezze della nostra Casa.
Mi prepararono un carico pesante, eppur per me leggero,
affinchè lo potessi sostenere da solo, formato dai Cinque Elementi:
oro di Bethel-Ellayè,
argento della grande Gadak,
diamante che spezza il ferro in mille frammenti,
rubini dall’India e
agate di Beth Cashan.

 

Mi tolsero la scintillante Veste di Gloria
che nel loro amore per me avevano filato
e il Mantello di Porpora tessuto e adattato
in modo perfetto alla mia forma e alla mia statura.
Fecero con me un Patto e lo incisero nel mio Cuore
(con parole di fuoco) affinchè mai più potessi dimenticarlo:
Quando sarai disceso in Egitto e avrai riportato
la Perla Unica che giace in mezzo al mare,
circondata dal Serpente sibilante,
di nuovo indosserai la tua Veste di Gloria
e la ricoprirai ancora col Purpureo Manto
- entrambi fonte di gioia per te –
e, con tuo Fratello, a Noi il più prossimo in dignità,
sarai erede nel nostro Regno.

 

Lasciai dunque l’Oriente, iniziando a scendere
lungo un sentiero periglioso e difficile
accompagnato dai due Custodi Reali.
- troppo giovane ero per un simile viaggio!
Oltrepassai i confini di Mainshan
ove tutti i mercanti d’Oriente s’incontrano,
raggiunsi la terra di Babel e attraversai le mura di Sarburg,
discesi infine in Egitto: qui i miei custodi mi lasciarono solo.
Mi diressi deciso dal Serpente e sostai presso la sua dimora
in attesa che si riposasse e che prendesse sonno,
per tentare di sottrargli la Perla.
Quando fui unico e solo, rimanendo in disparte,
divenni Straniero per gli abitanti di quel luogo.
Vidi laggiù un orientale, uno della mia stessa razza,
un giovane nobile, libero, bello e gentile, figlio di “Coloro che sono Unti”.
Egli si avvicinò e si unì a me, ed io lo accolsi con fiducia,
ne feci il mio intimo amico e gli raccontai della mia missione.
Fu lui che mi mise in guardia contro gli Egizi,
contro quelli che sono in comunione con gli impuri. (*)
Indossai perciò il loro abito affinchè di me non sospettassero
- poiché ero giunto Straniero, e non svegliassero il Serpente
eccitandolo contro di me.
Ma essi, in qualche modo, si accorsero che non ero della loro patria:
con l’astuzia cercarono di rendersi a me graditi,
mescolando l’inganno in una bevanda che mi fecero bere
e per cibo mi diedero la loro (stessa) carne.
Dimenticai così che ero Figlio di Re e mi posi al servizio del loro re.
Dimenticai la Perla per la quale ero stato mandato dai miei Genitori.
Oppresso dal cibo greve di cui mi nutrivano, caddi in un profondo sonno.
Di tutto quello che mi accadeva,
i miei Genitori presero coscienza
e per me molto si afflissero.
Nel nostro Regno fu emanato un proclama
affinchè Tutti si presentassero alle nostre Porte.
I Re e i Principi dei Parti e i Nobili d’Oriente
tutti insieme riuniti scrissero un piano per soccorrermi
e per non lasciarmi per sempre prigioniero in Egitto.
Mi inviarono una Lettera, firmata da tutti i Dignitari.
Così essa cantava:

 

“Dal Padre tuo, (dal) Re dei Re, e da Tua Madre, Signora dell’Oriente
da tuo Fratello (Gemello), nostro prossimo in rango, a te nostro Figlio
che sei Prigioniero in Egitto, Salute!”
Orsù, destati e sorgi dal tuo sonno,
intendi le parole della nostra Missiva!
Ricordati che sei Figlio di Re!
Vedi la schiavitù a cui sei sottomesso e chi ti ha asservito!
Fissa l’attenzione sulla Perla per la quale fosti inviato in Egitto!
Ricordati della tua Veste di Gloria e del tuo spledido Mantello Purpureo:
di nuovo potrai indossarli e con entrambi adornarti.
Che il tuo Nome possa essere letto nel Libro degli Eroi
e che tu possa divenire con tuo Fratello, nostro Delegato,
erede del Nostro Regno.

 

Quale un Messaggero, la Lettera che il Re sigillò con la sua mano destra,
contro i malvagi, i figli di Babel e i demoni ribelli di Sarburg,
si levò in forma di Aquila, il Re di tutti gli Uccelli,
e volò fino a scendere presso di me e a divenire Parola completa.
Fui svegliato dal suono della Sua Voce e uscii dal mio sonno:
La presi, La baciai, ruppi il sigillo e cominciai a leggerLa:
conformi a quanto era stato scritto da mio Padre nel mio Cuore, erano le Parole della Lettera.
(Come in un lampo di luce) improvviso mi ricordai che Padre e Madre erano Re,
che io ero Figlio di Re e che la mia Anima, nata libera,
aspirava ad essere di nuovo simile a Loro.
Mi ricordai della Perla per la quale ero stato inviato in Egitto
e incominciai ad incantare il terribile Serpente sibilante.
Lo indussi al sonno, lo cullai nel suo assopimento, invocando su di lui
Il Nome di mio Padre, il Nome del nostro Secondo, mio Fratello,
e quello di mia Madre, la Regina dell’Oriente.
Colsi la Perla e indietro mi volsi per tornare a Casa da mio Padre.
Mi sfilai la sordida veste impura e la gettai abbandonata nella loro terra.
Subito presi la Via del Ritorno, orientandomi verso la Luce della nostra Casa, l’Oriente.

 

Dinnanzi a me, sul mio cammino, trovai la Lettera
e come mi aveva ridestato con la Sua Voce,
ora mi guidava con la Sua Luce. Essa che dimora nel Palazzo,
con la sua Forma irradiava la Sua Luce dinnanzi a me,
con la Sua Voce mi incoraggiava ad accelerare il passo
e con il Suo Amore (in alto) mi traeva.
Proseguii ripassando da Sarburg e, lasciando Babel sulla sinistra,
giunsi alla grande Mainshan, crocevia dei commerci, in riva al Mare.

 

La splendida Veste di Gloria che mi era stata tolta
e il Purpureo Manto di cui era stata ricoperta,
mi fu inviata incontro dai miei Genitori
per mezzo dei loro fedeli Tesorieri, Ramtha e Rekem.
Avevo dimenticato la Sua Forma Splendente
avendo lasciato la Casa del Padre fin da fanciullo!
Non appena La ricevetti, mentre La rimiravo
mi parve che diventasse uno specchio di me stesso:
osservandola con attenzione, mi vidi tutto intero in Lei e Lei tutta intera in me.
Eravamo distinti eppure avevamo un’unica sembianza
Eravamo due eppure Uno, avendo la stessa Forma.
Nello stesso modo osservai i Tesorieri che me l’avevano portata:
erano due ma in un’unica sembianza, poiché su di loro
era stato tracciato il Medesimo, Unico, Sigillo del Re,
dalle stesse mani di Colui che per loro mezzo mi restituì fiducia
e ricchezza (spirituale) e la mia Veste ricamata, adorna di splendidi colori,
d’oro e di berilli, di rubini e di agate, di sardonii dalle tinte diverse.
Nella Sua casa era stata lavorata da mani esperte, con fermagli di diamante
erano unite tutte le giunture e dappertutto su di Lei era ricamata e dipinta
l’Immagine del Re dei Re e come pietre di zaffiro rilucevano le sue tinte.

 

E vidi anche pulsare in tutto il Suo Essere le Energie della Gnosi.
Mi accorsi che stava per parlare: udii il suono dei canti che intonava
a bassa voce discendendo verso di me:
“Sono io che ho operato nelle azioni di Colui
per il quale sono stata educata nella Casa di mio Padre
ed ho conosciuto in Me Stessa che la mia statura
cresceva in proporzione al suo lavoro”.

 

Con il Suo muoversi regale tutta a me si offerse
e dalle mani di Coloro che La portavano
si affrettò affinchè potessi prenderla:
l’Amore mi spingeva a correre, ad andarLe incontro fino ad accoglierLa:
verso di Lei mi protesi, La presi, mi avvolsi nei suoi colori
e completamente mi coprii col Manto Regale dalle tinte sfavillanti.

 

L’indossai e salii alle Porte della Salvezza e dell’Adorazione.
Chinai il capo adorando lo Splendore del Padre Mio che me l’aveva inviata.
Avevo adempiuto ai suoi comandi ed Egli mantenne la sua Promessa.
Alla sua Porta mi unii ai suoi Principi, e il Padre mi accolse con gioia
e fui con Lui nel suo Regno; e tutti i Suoi Servitori Lo adoravano
cantando in coro, come canne d’organo, la Sua Promessa:
con Lui sarei andato anche alla Porta del Re dei Re
e con la Mia Perla sarei apparso assieme a Lui, al Suo cospetto.

 


Altre Riflessioni Teosofiche

 

 

NOTA
(*)
Passo poco chiaro nell’originale. Viene anche letto con soggetto e complemento invertiti: “Fu io che lo misi in guardia contro gli Egizi” (cfr. L. Moraldi, op. cit.). Più corretta è la lettura qui riportata, ipotizzata anche da H. Jonas (op. cit.), in quanto giustifica gli eventi immediatamente successivi e rende il senso “gnostico” del simbolo: il giovane è nobile, libero, bello e gentile, “figlio di coloro che sono unti”, cioè un discepolo dei Sacerdoti “puri”, quelli dei Misteri Interiori, Custodi del “Tempio Spirituale” e della Verità, di fatto contrapposti a “coloro che sono impuri”, servitori e custodi nella “Casa del Serpente”, che vivono nell’Illusione e tengono “prigioniera” la Perla, la Verità. E’ tipica nella gnosi di matrice iranica, nei risvolti madei e, in ultimo, particolarmente accentuata, in quelli manichei, la contrapposizione cosmico-antropogonica tra “Lo Spirito della Luce” e “Lo Spirito della Tenebra”, e tra la “Chiesa Spirituale e quella “materiale”. La contrapposizione tra Sacerdoti “puri” ed “impuri” si ritrova anche negli scritti Esseni della comunità di Qumran e perfino in San Paolo che distingue “i Perfetti” dagli “Arconti di questo mondo” (I Corinzi, cap. II, vss. 6-8) in relazione alla Sapienza Spirituale o Gnosi e alla distinzione tra esoterico ed essoterico.

 

GLOSSARIO:

Simboli e idee equivalenti: fanciullo = Salvatore, Jesus Patibilis, Salvatore-che-salva-Se stesso, Anima umana.
Casa del Padre = Pleroma, totalità dello Spirito, Sfera Divina.
Viaggio = vita del Salvatore-Anima nel ciclo discendente della generazione e in quello ascendente della rigenerazione.
Carico pesante eppur leggero = doti spirituali necessarie al viaggio.
Pietre preziose e loro colori = le Energie Spirituali nei loro diversi aspetti e funzioni.
Diamante che frantuma il ferro = Luce del Nous o Intelletto Spirituale.
Patto = impegno a compiere l’Opera di Salvezza e di Redenzione: restaurazione della Verità e liberazione dell’Anima dall’illusione della separatività, ricomposizione dell’Unità Divina.
Perla = Verità-Spirito, scintilla spirituale racchiusa nell’anima psichica.
Mare = sfera psichica dell’anima.
Serpente = demiurgo gnostico, creatore dell’illusione, contraffattore della Verità.
Egitto = mondo più basso della creazione demiurgica, “materia”.
Egizi = le sue forze oscure, sacerdoti “impuri”.
Sonno = perdita del ricordo della dimensione spirituale dell’Anima.
Padre (Re)-Figlio (Delegato)-Madre (Regina) = la Tri-Unità Divina.
Figlio = gemello del Salvatore-Anima, suo aspetto spirituale, Cristo-Logos.
Re dei Re = l’UNO.
Prìncipi e Dignitari = gli Eoni, tutti gli aspetti e le funzioni dell’Uno.
Il Consesso = comunione degli Eoni, Chiesa Spirituale.
La Lettera = Grazia Divina, Gnosi del Cristo, la Sua Voce, la Sua Parola, la Sua Luce, “fattore del risveglio interiore”.
Veste di Gloria e Mantello Purporeo = “abito” di Luce e di Fuoco, del Cristo-Logos-Gesù, dimensione Pleromatica dell’anima, Unità Pleromatica, Gnosi che in Essa si muove e ristabilisce l’Unità nell’anima.
Giunture della Veste e fermagli di diamante = le “coppie” di Eoni, inseparabili, indistruttibili.


Letteratura teosofica (Edizioni Teosofiche Italiane)
Edizioni Teosofiche ItalianeLa letteratura teosofica, ricca di spunti e di riflessioni, può molto aiutare il Lettore nel suo percorso spirituale, fornendogli nuove conoscenze, entusiasmanti prospettive ed una visione tollerante e non dogmatica.

La Teosofia (sapienza divina) infatti non è un insieme di regole o dogmi e neppure una religione o una filosofia; è piuttosto una via alla consapevolezza interiore che si basa essenzialmente sul metodo dell’osservazione (che conduce alla dimensione meditativa) e sulla maieutica (che è strettamente connessa alla ricerca della verità). Proprio per questo i testi teosofici sono in grado di parlare alla ragione dell’essere umano, ma anche al suo cuore. Obiettivo delle Edizioni Teosofiche Italiane (Casa Editrice ufficiale della Società Teosofica Italiana) è oggi quello di mettere a disposizione dei lettori una serie di opere qualificate; guardando poi al futuro numerose saranno le novità editoriali, vuoi per la ristampa di opere esaurite vuoi per la pubblicazione di numerose novità.

Per conoscere l'intero catalogo vai a: www.eti-edizioni.it

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...