Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

TESTI per riflettere   Indice

 

TESTO ALL'ESAME DEL SENATO

ISTITUZIONE SPERIMENTALE del SERVIZIO di PSICOLOGIA SCOLASTICA

contributo al testo del dr. Ciro Aurigemma: Il disagio esistenziale, i giovani e la psicologia scolastica.

 

Art.1 (Istituzione sperimentale e finalità del Servizio di psicologia scolastica) 
1. Le Regioni a statuto ordinario, nell'ambito del territorio di loro competenza, possono istituire il Servizio di psicologia scolastica per un triennio in forma sperimentale. 
2. Le Regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e di Bolzano regolano la materia di cui alla presente legge nel rispetto dei relativi statuti e delle rispettive norme dì attuazione. 
3. Scopo del Servizio di psicologia scolastica, quale supporto all'attività delle singole istituzioni scolastiche e delle famiglie è di contribuire al miglioramento della vita scolastica sostenendo lo sviluppo armonico dell'alunno, operando per la prevenzione del disagio sociale e relazionale. 

 

Art.2 (Criteri per l'organizzazione del Servizio di psicologia scolastica) 
1. L'organizzazione del Servizio di psicologia scolastica dovrà prevedere il ricorso all'opera di strutture specializzate o di singoli professionisti, comunque iscritti all'ordine professionale, anche mediante apposite convenzioni stipulate ai sensi della normativa vigente, al fine di far fronte con continuità a tutte le esigenze rilevate. 
2. Le istituzioni scolastiche, nell'ambito della loro autonomia didattica, organizzativa, di ricerca e sperimentazione, possono avvalersi dei Servizi di psicologia scolastica, al fine di predisporre i progetti di intervento, basandoli sulla valutazione complessiva dei problemi rilevati. 
3. Quale contributo statale per la sperimentazione del Servizio di psicologia scolastica è autorizzato lo stanziamento di lire 8 miliardi annui per ciascuno degli anni 2002, 2003 e 2004, da ripartirsi fra le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano nella fase della Tabella A allegata alla presente legge. 

 

Art.3 (Compiti ed attività del Servizio di psicologia scolastica) 
1. Le attività svolte dal Servizio di psicologia scolastica comprendono: a) attività di consulenza e sostegno ai docenti, agli alunni e ai loro genitori sia in forma collegiale che individuale. Gli interventi di consulenza individuale agli alunni sono effettuati di Dorma con il consenso dei genitori; 
b) partecipazione alla progettazione ed alla valutazione di iniziative, sperimentazioni e ricerche che riguardano l'organizzazione del servizio scolastico nel suo complesso o nei suoi settori organici; 
c) promozione di attività di formazione per gli operatori scolastici;
d) attività di orientamento e collegamento per e con i genitori finalizzata alla promozione e al coordinamento delle attività di orientamento scolastico e professionale, promozione di studi sui fenomeni di abbandono e insuccesso scolastico, promozione di un clima collaborativo all'interno della scuola e fra la scuola e la famiglia. 
2. E' compito del Servizio di psicologia scolastica: 
a) operare in collegamento con altri servizi territoriali, fatte salve le rispettive competenze; 
b) redigere relazioni sulle esigenze individuate e sugli interventi attuati e curare la raccolta e il mantenimento di specifica documentazione sugli interventi effettuati e sui risultati raggiunti. 

 

Art.4 (Sperimentazione del Servizio di psicologia scolastica)
1. Il Ministro dell'Istruzione, dell'università e della ricerca, sentita la Conferenza Stato-Regioni, coordina e assicura il monito raggio della sperimentazione per la durata di tre anni scolastici, a decorrere dalla data di entrata in vigore dalla presente legge, in vista della realizzazione di almeno un Servizio di psicologia scolastica permanente in ogni regione o provincia autonoma.
2. Per i compiti di cui al comma 1 è istituito, con Decreto del Ministro dell'Istruzione, dell' Università e dalla Ricerca, un comitato tecnico- scientifico composto da: 
a) due professori universita1i, di cui uno di psicologia ed uno di pedagogia, con comprovate competenze in campo psico-socio-educativo designati dalla consulta dei presidi delle rispettive facoltà; 
b) da due psicologi designati dal Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Psicologi; 
c) da due psicologi designati dalle associazioni scientifiche accreditate nel campo psico-socio-educativo;
d) da quattro delegati degli Ordini degli Psicologi Regionali, designati dal Consiglio Nazionale dell'Ordine, tra coloro che hanno maturato esperienza Del campo psico-socio-educativo e che siano rappresentativi delle diverse componenti scolastiche.
3. Ai componenti del Comitato compete quale forma di compenso un'indennità di presenza per seduta.
4. Al termine del triennio di sperimentazione è indetta dal Ministero dell'Istruzione, dell'università e della ricerca, una Conferenza Nazionale per la valutazione dei risultati e per i conseguenti provvedimenti. Gli esiti della sperimentazione e le valutazioni emerse nella Conferenza Nazionale costituiscono oggetto di una relazione al Parlamento.

 

Art. 5
(Copertura finanziaria)
1. Agli oneri relativi alla sperimentazione di coi all'articolo 2 determinati in lire 8 miliardi annui per ciascuno degli anni 2002, 2003 e 2004 nonché agli oneri per il funzionamento del comitato tecnico scientifico, di cui all'articolo 4, comma 2, determinati in lire 30 milioni per ciascuno degli anni 2002, 2003 e 2004 si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2002-2004, nell'ambito dell'unità previsionale di base di parte corrente "Fondo speciale" dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2002, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero dell'Istruzione, dell'università e della ricerca.
2. Il Ministero dell'economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

 

Indice Testi per Riflettere

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...