Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

TESTI Canzoni - Classici in lingua francese - Indice

Testi canzoni originali con traduzione in italiano di Ermanno Tassi

 

Padam, Padam - Edith Piaf

Di: Norbert Glanzberg, Henri Contet

 

Testo della canzone (lingua originale)

 

Padam, Padam

 

Cet air qui m'obsede jour et nuit
Cet air n'est pas né d'aujourd'hui
Il vient d'aussi loin que je viens
Trainé par cent mille musiciens

 

Un jour cet air me rendra folle
Cent fois j'ai voulu dire pourquoi
Mais il m'a coupé la parole
Il parle toujours avant moi
Et sa voix couvre ma voix

 

Padam, padam, padam
Il arrive en courant derrière moi
Padam, padam, padam
Il me fait le coup du souviens-toi
Padam, padam, padam

 

C'est un air qui me montre du doigt
Et je traine après moi comme une drole d'erreur
Cet air qui sait tout par coeur

 

Il dit, "Rappelle-toi tes amours
Rappelle-toi puisque c'est ton tour
'y a pas d'raison pour qu'tu n'pleures pas
Avec tes souvenirs sur les bras"

 

Et moi je revois ceux qui restent
Mes vingt ans font battre tambour(1)
Je vois s'entrebattre des gestes
Toute la comedie des amours
Sur cet air qui va toujours

 

Padam, padam, padam
Des "Je t'aime" de quatorze-Juillet
Padam, padam, padam
Des "Toujours" qu'on achete au rabais

 

Padam, padam, padam
Des Veux-tu en voilà par paquets
Et tout a pour tomber juste au coin d'la rue
Sur l'air qui m'a reconnue

 

Ecoutez le chahut qu'il me fait
Comme si tout mon passé defilait
Faut garder du chagrin pour après
J'en ai tout un solfège sur cet air qui bat
Qui bat comme un coeur de bois.



Testo della canzone (Traduzione in italiano)
Traduzione a cura di Ermanno Tassi

 


Padm, Padam

 

Questo motivo mi tormenta giorno e notte
Questo motivo non è nato oggi
Proviene da molto lontano
Trascinato da mille musicisti

 

Un giorno questo motivo mi farà diventere pazza
Cento volte ho voluto dire il perché
Ma lui m’ha stroncato la parola
Lui parla sempre prima di me
E la sua voce copre la mia

 

Padam, padam, padam
Arriva di corsa alla mie spalle
Padam, Padam, Padam
Mi fa rivivere il passato
Padam, padam, padam

 

E’ un motivo che mi punta il dito
Ed io lo trascino dietro me come uno strano errore
Questo motivo che sa tutto a memoria

 

Dice:” Ricordati i tuoi amori
Ricordati perché è il tuo turno
Non c’è nessun motivo perché tu non pianga
Con i tuoi ricordi in grembo”

 

Ed  io rivedo ciò che resta
Dei miei vent’anni si sparge la notizia
Vedo scambiarsi dei cenni
Tutta la commedia degli amori
Sopra questo motivo che non s’arresta

 

Padam, padam, padam
I “Ti amo” del quattordici  luglio
Padam, padam, padam
I “Sempre” acquistati a prezzi stracciati

 

Padam, padam, padam
I “Vuoi tu”  eccone a iosa
E tutto per poi cadere all’angolo della via
Sul motivoche mi ha riconosciuta

 

Ascoltate il chiasso che mi fa
Come se mi passasse davanti tutto il mio passato
Bisogna conservare il dolore per il dopo
Io ho tutto un solfeggio sul motivo che batte
Che batte come un cuore di legno.

 

NOTE
1) Battre (le) tambour = diffondere una notizia

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...