Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

TESTI Canzoni - Indice

 

Sad Eyed Lady Of The Lowlands - Bob Dylan

Di Bob Dylan
Dall'album: Blonde on Blonde - Columbia Records, 1966


With your mercury mouth in the missionary times
And your eyes like smoke and your prayers like rhymes
And your silver cross, and your voice like chimes
Oh, who among them do they think could bury you?
With your pockets well protected at last
And your streetcar visions which you place on the grass
And your flesh like silk, and your face like glass
Who among them do they think could carry you?
Sad-eyed lady of the lowlands
Where the sad-eyed prophet says that no man comes
My warehouse eyes, my Arabian drums
Should I leave them by your gate
Or, sad-eyed lady, should I wait?

 

With your sheets like metal and your belt like lace
And your deck of cards missing the jack and the ace
And your basement clothes and your hollow face
Who among them can think he could outguess you?
With your silhouette when the sunlight dims
Into your eyes where the moonlight swims
And your matchbook songs and your gypsy hymns
Who among them would try to impress you?
Sad-eyed lady of the lowlands
Where the sad-eyed prophet says that no man comes
My warehouse eyes, my Arabian drums
Should I leave them by your gate
Or, sad-eyed lady, should I wait?

 

The kings of Tyrus with their convict list
Are waiting in line for their geranium kiss
And you wouldn’t know it would happen like this
But who among them really wants just to kiss you?
With your childhood flames on your midnight rug
And your Spanish manners and your mother’s drugs
And your cowboy mouth and your curfew plugs
Who among them do you think could resist you?
Sad-eyed lady of the lowlands
Where the sad-eyed prophet says that no man comes
My warehouse eyes, my Arabian drums
Should I leave them by your gate
Or, sad-eyed lady, should I wait?

 

Oh, the farmers and the businessmen, they all did decide
To show you the dead angels that they used to hide
But why did they pick you to sympathize with their side?
Oh, how could they ever mistake you?
They wished you’d accepted the blame for the farm
But with the sea at your feet and the phony false alarm
And with the child of a hoodlum wrapped up in your arms
How could they ever, ever persuade you?
Sad-eyed lady of the lowlands
Where the sad-eyed prophet says that no man comes
My warehouse eyes, my Arabian drums
Should I leave them by your gate
Or, sad-eyed lady, should I wait?

 

With your sheet-metal memory of Cannery Row
And your magazine-husband who one day just had to go
And your gentleness now, which you just can’t help but show
Who among them do you think would employ you?
Now you stand with your thief, you’re on his parole
With your holy medallion which your fingertips fold
And your saintlike face and your ghostlike soul
Oh, who among them do you think could destroy you?
Sad-eyed lady of the lowlands
Where the sad-eyed prophet says that no man comes
My warehouse eyes, my Arabian drums
Should I leave them by your gate
Or, sad-eyed lady, should I wait?

 




Con la tua bocca di mercurio nei momenti di maggior impegno(2)
e i tuoi occhi come fumo e le tue orazioni come rime
la tua croce d’argento e la tua voce come rintocchi di campane
chi mai pensano potrebbe seppellirti?
con le tue tasche al fine ben protette
e le tue fantasie di tram che poni sull’erba
e la tua carne come seta e il tuo viso come vetro
Chi si potrebbe far venire per portarti via?
signora delle pianure dagli occhi mesti
dove i poeti dagli occhi mesti affermano che non c’è in vista nessuno
i miei occhi da magazzino(3) e i miei tamburi arabi
li depongo presso il tuo  cancello
oppure dovrei aspettare signora delle pianure dagli occhi mesti?

 

Con le tue lenzuola metalliche e la cinta di merletto
ed il mazzo di carte senza il fante e l’asso
i vestiti da cantina e il tuo viso scavato
chi in mezzo a loro potrebbe pensare di essere più furbo di te?
con la tua silhouette al calare della luce solare
nei tuoi occhi dove nuota il chiaro di luna
e le canzoni sulle bustine di fiammiferi(4) e gl’inni gitani
chi tra di loro potrebbe tentare di far colpo su di te?
signora delle pianure dagli occhi mesti
dove i poeti dagli occhi mesti affermano che non c’è in vista nessuno
i miei occhi da magazzino e i miei tamburi arabi
li depongo presso il tuo  cancello
oppure dovrei aspettare signora delle pianure dagli occhi mesti?

 

I re di Tiro con  la lista dei condannati
attendono in fila il bacio di geranio
e tu  non sapevi  che sarebbe accaduto
ma chi tra di loro  vuole veramente baciarti soltanto?
con il tuo fervore infantile sul scendiletto di mezzanotte
e le maniere alla spagnola ed i farmaci di tua madre
con la tua bocca da cowboy e le candele da coprifuoco
chi fra loro potrebbe resisterti?
signora delle pianure dagli occhi mesti
dove i poeti dagli occhi mesti affermano che non c’è in vista nessuno
i miei occhi da magazzino e i miei tamburi arabi
li depongo presso il tuo  cancello
oppure dovrei aspettare signora delle pianure dagli occhi mesti?

 

I latifondisti e gli uomini d’affari tutti assieme decisero
di mostrati  dove sono gli angeli morti che prima nascondevano
Ma perché hanno scelto te per stare dalla loro parte?
come hanno potuto mai sbagliarsi su di te?
volevano che ti prendessi la colpa per il podere
ma con il mare ai tuoi piedi e con il falso allarme fittizio
e con il figlio di un giovinastro avvolto in grembo
come mai avrebbero potuto convincerti?
signora delle pianure dagli occhi mesti
dove i poeti dagli occhi mesti affermano che non c’è in vista nessuno
i miei occhi da magazzino e i miei tamburi arabi
li depongo presso il tuo  cancello
oppure dovrei aspettare signora delle pianure dagli occhi mesti?

 

Con i tuoi ricordi del metallo di Cannery Row(5)
e il tuo marito da rivista che un giorno ha proprio dovuto andarsene
e il tuo garbo di cui ora non puoi fare a meno
di mostrare, oh chi fra di loro pensi che ti adopererebbe?
adesso te ne stai col tuo ladro e sulla sua parola
con il tuo medaglione sacro che le punte delle dita ora avvolgono
ed il tuo viso di santa e la tua anima come spettro
chi fra loro avrebbe mai pensato di poterti distruggere?
Signora delle pianure dagli occhi mesti
dove i poeti dagli occhi mesti
affermano che non c’è in vista nessuno
i miei occhi da magazzino e i miei tamburi arabi
li depongo  presso il tuo cancello oppure dovrei
aspettare signora delle pianure dagli occhi mesti?

 

NOTE
1) Questo brano  pare che sia dedicato ad una delle mogli di Dylan, (Sara Lownds) contiene molti riferimenti forse incomprensibili per il lettore, quindi non ci soffermiamo e lasciamo ai lettori  libera interpretazione  del significato nascosto, c’è anche un riferimento presunto ad Ezechiele 28 a proposito dei re di Tiro.

2) Letteralmente tempi (momenti) del missionario, ma secondo me s’intendono dei momenti carichi di responsabilità, dove è richiesto un impegno maggiore, non essendo mai stata Sara una missionaria religiosa o laica che sia e tanto meno lo stesso Dylan. (Escludendo un riferimento erotico)
3) La traduzione letterale non mi convince, potrebbe significare che gli occhi vedono molte cose o nessuna (magazzino pieno o vuoto)
4) Spesso le canzoni vengono scritte dove capita, mentre c’è l’ispirazione, anche su una bustina di fiammiferi.

5) Un luogo dove si inscatolava il pesce, non ho tradotto la parola row (vicolo) perché la considero un tutt’uno con Cannery, quindi nome proprio di una strada che di solito non si traduce, come per es. Wall Street, Piccadilly Circus etc. (fa eccezione Sunset Boulevard, che è entrato ormai nella storia come Il Viale del Tramonto dal famoso film).

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...