Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali


Vecchio 22-12-2007, 08.56.51   #1
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
L'italia,la mafia e gli interessi

Non so negli altri Paesi come vadano le cose,ma da noi in Italia da anni c'è una situazione che non va assolutamente bene.Guardate questa intervista del grande Giuseppe Fava,del 1983:

http://it.youtube.com/watch?v=jAogBSvaSyU
dany83 is offline  
Vecchio 22-12-2007, 10.58.59   #2
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: L'italia,la mafia e gli interessi

Citazione:
Originalmente inviato da dany83
Non so negli altri Paesi come vadano le cose,ma da noi in Italia da anni c'è una situazione che non va assolutamente bene.Guardate questa intervista del grande Giuseppe Fava,del 1983:

http://it.youtube.com/watch?v=jAogBSvaSyU

fanno impressione le sue parole a 25 anni di distanza!!..sembrerebbe appunto far quadrato con la situazione attuale,ora e' davanti agli occhi di tutti,di come funziona il sistema politico-economico e se prima le cose potevano essere bene o male nascoste,ora tutto avviene alla luce del sole e manco importa piu di tanto,tra l'altro l'etica nel frattempo si e' completamente rovesciata e i risultati pratici ce lo dimostrano..basta pensare alle ultime leggi,quella sull'impunita o l'impossibilita delle condanne dei politici e la nullita del nostro voto..tutto cio e' talmente radicato che sembrerebbe davvero non esserci spiragli per cambiare questo stato di cose...forse,ma questa e' solo una mia banale opinione..quando tutto questo sistema risultera "saturo",implodera su se stesso e questa e' l'unica speranza che ci rimane!..d'altronde a me sembra che i segnali di questa implosione,che non soltanto riguardano l'italia stanno verificandosi uno dietro l'altro in questi ultimissimi anni e a velocita esponenziale..
acquario69 is offline  
Vecchio 22-12-2007, 18.14.35   #3
dany83
Ospite abituale
 
Data registrazione: 18-09-2006
Messaggi: 618
Riferimento: L'italia,la mafia e gli interessi

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
fanno impressione le sue parole a 25 anni di distanza!!..sembrerebbe appunto far quadrato con la situazione attuale,ora e' davanti agli occhi di tutti,di come funziona il sistema politico-economico e se prima le cose potevano essere bene o male nascoste,ora tutto avviene alla luce del sole e manco importa piu di tanto,tra l'altro l'etica nel frattempo si e' completamente rovesciata e i risultati pratici ce lo dimostrano..basta pensare alle ultime leggi,quella sull'impunita o l'impossibilita delle condanne dei politici e la nullita del nostro voto..tutto cio e' talmente radicato che sembrerebbe davvero non esserci spiragli per cambiare questo stato di cose...forse,ma questa e' solo una mia banale opinione..quando tutto questo sistema risultera "saturo",implodera su se stesso e questa e' l'unica speranza che ci rimane!..d'altronde a me sembra che i segnali di questa implosione,che non soltanto riguardano l'italia stanno verificandosi uno dietro l'altro in questi ultimissimi anni e a velocita esponenziale..


concordo ovviamente...la soluzione qual'è?secondo me fare come dice Beppe Grillo,cacciare tutti i politici!!
dany83 is offline  
Vecchio 23-12-2007, 06.25.56   #4
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: L'italia,la mafia e gli interessi

Citazione:
Originalmente inviato da dany83
concordo ovviamente...la soluzione qual'è?secondo me fare come dice Beppe Grillo,cacciare tutti i politici!!

adesso come ci fa ben notare beppe grillo http://www.beppegrillo.it/ stiamo attraversando una nuova fase..secondo me verra poi chiamata terza repubblica che sara' peggio della seconda e ancor di piu della prima..ora stanno posizionando le pedine di questo nuovo monopoli che sta venendo fuori.
cacciare fuori i politici..quando poi tutto il sistema e' cosi intersecato da esserne coinvolti tutti alla fine..in fondo chi l'ha sostenuto e intramato se non la gente stessa che si affiliava ai potenti per ottenere qualcosa in cambio..un voto una raccomandazione ecc ecc..anni e anni di questa mentalita non poteva che finire cosi!
alla rivoluzione(se mai l'italiano ne fosse mai capace) ci si arriva solo con la fame!...magari per questo e' solo questione di tempi,visto che fra poco troppi faranno la fame in questo paese!
acquario69 is offline  
Vecchio 23-12-2007, 10.51.53   #5
donella
Ospite abituale
 
Data registrazione: 30-06-2007
Messaggi: 710
Riferimento: L'italia,la mafia e gli interessi

Citazione:
Originalmente inviato da acquario69
fanno impressione le sue parole a 25 anni di distanza!!..sembrerebbe appunto far quadrato con la situazione attuale,ora e' davanti agli occhi di tutti,di come funziona il sistema politico-economico e se prima le cose potevano essere bene o male nascoste,ora tutto avviene alla luce del sole e manco importa piu di tanto,tra l'altro l'etica nel frattempo si e' completamente rovesciata e i risultati pratici ce lo dimostrano..basta pensare alle ultime leggi,quella sull'impunita o l'impossibilita delle condanne dei politici e la nullita del nostro voto..tutto cio e' talmente radicato che sembrerebbe davvero non esserci spiragli per cambiare questo stato di cose...forse,ma questa e' solo una mia banale opinione..quando tutto questo sistema risultera "saturo",implodera su se stesso e questa e' l'unica speranza che ci rimane!..d'altronde a me sembra che i segnali di questa implosione,che non soltanto riguardano l'italia stanno verificandosi uno dietro l'altro in questi ultimissimi anni e a velocita esponenziale..

Concordo sulla tua visione globale, pur non credendo che l'etica si sia "rovesciata" , ma che si stia invece assistendo alla (raccapricciante ma) positivissima slatentizzazione della miseria etica realmente e da sempre sottesa alla facciata etica da parata. E proprio nel compimento di questo processo di slatentizzazione io vedrei quella "saturazione" che anch'io guardo come unica speranza.
Con grande ruolo della religione, come avviene in tutte le cose "che contano".

Rischiando consapevolmente di apparire sommaria per ovvie esigenze di sintesi, io ricorderei che il sistema mafioso, oltre che essere fiancheggiato dalla gerarchia ecclesiastica, oltre ad aver trovato anche politicamente sotto lo scudo crociato il proprio Laboratorio Elettivo, ha tranquillamente prosperato - di suo - grazie all'aver preso in prestito da Santa Romana Chiesa... parentela, linguaggio, struttura gerarchico/verticistica, impianto dogmatico,e - soprattutto direi - capitalizzazione dell'ignoranza che molto facilmente diventa obbedienza.

Qui mi soffermo perchè quel che vorrei sottolineare è ovvio ma troppo basilare per darlo per ovvio : qualunque chiesa o setta.... non ha alcuna reale necessità, per esistere e prosperare, che il proprio "papa" o i propri "ministri di rango più alto" credano realmente in qualunque forma di trascendenza! Per prosperare le è sufficiente che a "credere ed obbedire" esista una larga base... di ingenui portatori d'acqua obbedienti e totalmente ossequienti alle indicazioni dal vertice.

Ecco: a me sembra di poter leggere che l'unica reale differenza tra 50 anni fa ed oggi sia che, a parità di vertici (quelli veri, quelli di cui parla Fava) sostanzialmente e da sempre più miscredenti e ingordi di qualunque peggior scomunicato (uguali quelli di oggi a quelli di 50 anni fa).... in 50 anni sia gradualmente cambiata la base e solo la base.... in un processo continuo e inarrestabile che vede erodersi l'onnipotenza dei vertici ....in misura direttamente proporzionale allo stemperarsi dell'ignoranza.
In un processo in cui l'affrancamento dall'ignoranza è automatico e proporzionale affrancamento dall'obbedienza, e l'affrancamento dall'obbedienza... capovolge la piramide (non l'etica - che quella resta! solo e sempre più difficilmente simulabile!)! E la capovolge per ragioni "fisiche" : dimunisce esponenzialmente il numero dei gregari disposti ad esser tali.... e aumenta il numero di coloro che aspirano al vertice.

Essendo tanti e azzuffandosi di continuo... era praticamente inevitabile dare nell'occhio. Nell'occhio del "popolo" che.... da miniera resa immobile e passiva, a propria volta, da ignoranza e fede..... a distanza di soli cinquant'anni non è più nè tanto ignorante nè tanto fedele.

Che succede a questo "popolo" quando ha la percezione (affatto mistica) della piramide ormai sbilanciata che porta sulle spalle da sempre senza saperlo?

Qualcuno vuol demolirla (ma non si sa come), qualcun altro la prende a modello, la trova "utile" e cerca a propria volta di lasciarla sulle spalle di altri per tentare la propria scalata al vertice.

Forse (ma questa è solo una mia idea) nel lungo periodo rende miglior servizio il secondo tipo: se tutti facessimo così.... per le ragioni fisiche di cui sopra.... forse finalmente sta piramide si rovescerebbe rovinosamente e per sempre: tutti che scaricano il proprio peso sulle spalle di qualcun altro e si inerpicano per il vertice..... fin quando finiscono le spalle. Tutti con cisterne pronte per immagazzinare tutta l'acqua del pianeta.... e nessuno più disponibile a portarla!
Forse solo così, ridotti tutti col culo per terra e ridotti alla sete, si avrebbe lo stimolo giusto per elaborare un'etica nuova, che fondi sul presupposto (rivelatosi) della sostanziale identità fra bisogni e aspettative DI TUTTI, piuttosto che, come l'attuale, fondarsi sul coltivato presupposto che sia buono e giusto che ALCUNI realizzino in terra il proprio paradiso, alla faccia e sulle spalle di tanti e tanti altri tenuti buoni con la camicia di forza dell'ignoranza e la flebo di "più soffri oggi e più ti conquisti il paradiso di domani (chissa dove, come come, chissa quale)."

E potremmo essere su questa strada.
La variabile indipendente è sempre la capacità d'adattamento italiana.
E quando rifletto su questo.... vagheggio che un altro orrore alternativo potrebbe essere funzionale (con dolore, sempre con dolore, purtoppo) al più rapido ribatamento di tutto. Mi spiego.

Ci vorrebbe uno che all'improvviso la facesse così sporca in termini d'Arroganza pura e ostentazione del "Me Ne Frego" da disvelarsi traumaticamente come Orco Assoluto in Assoluto e ormai incotrastato Delirio di Onnipotenza. Forse, finalmente, si incazzerebbero tutti gli italiani meno quindici favorite del'Orco (non importa il sesso: sempre favorite sono!)
E forse abbiamo pronto anche quello!

Vedi Acquario che le speranze ci sono?
Due strade accidentatissime, ma porterebbero entrambe, sia pure con dolore, ad una meta di belle speranze, come tutte le strade che incrementano la Consapevolezza.

donella is offline  
Vecchio 23-12-2007, 13.10.18   #6
acquario69
Moderatore
 
L'avatar di acquario69
 
Data registrazione: 10-04-2006
Messaggi: 1,444
Riferimento: L'italia,la mafia e gli interessi

Citazione:
Originalmente inviato da donella
Concordo sulla tua visione globale, pur non credendo che l'etica si sia "rovesciata" , ma che si stia invece assistendo alla (raccapricciante ma) positivissima slatentizzazione della miseria etica realmente e da sempre sottesa alla facciata etica da parata. E proprio nel compimento di questo processo di slatentizzazione io vedrei quella "saturazione" che anch'io guardo come unica speranza.
Con grande ruolo della religione, come avviene in tutte le cose "che contano".

Rischiando consapevolmente di apparire sommaria per ovvie esigenze di sintesi, io ricorderei che il sistema mafioso, oltre che essere fiancheggiato dalla gerarchia ecclesiastica, oltre ad aver trovato anche politicamente sotto lo scudo crociato il proprio Laboratorio Elettivo, ha tranquillamente prosperato - di suo - grazie all'aver preso in prestito da Santa Romana Chiesa... parentela, linguaggio, struttura gerarchico/verticistica, impianto dogmatico,e - soprattutto direi - capitalizzazione dell'ignoranza che molto facilmente diventa obbedienza.

Qui mi soffermo perchè quel che vorrei sottolineare è ovvio ma troppo basilare per darlo per ovvio : qualunque chiesa o setta.... non ha alcuna reale necessità, per esistere e prosperare, che il proprio "papa" o i propri "ministri di rango più alto" credano realmente in qualunque forma di trascendenza! Per prosperare le è sufficiente che a "credere ed obbedire" esista una larga base... di ingenui portatori d'acqua obbedienti e totalmente ossequienti alle indicazioni dal vertice.

Ecco: a me sembra di poter leggere che l'unica reale differenza tra 50 anni fa ed oggi sia che, a parità di vertici (quelli veri, quelli di cui parla Fava) sostanzialmente e da sempre più miscredenti e ingordi di qualunque peggior scomunicato (uguali quelli di oggi a quelli di 50 anni fa).... in 50 anni sia gradualmente cambiata la base e solo la base.... in un processo continuo e inarrestabile che vede erodersi l'onnipotenza dei vertici ....in misura direttamente proporzionale allo stemperarsi dell'ignoranza.
In un processo in cui l'affrancamento dall'ignoranza è automatico e proporzionale affrancamento dall'obbedienza, e l'affrancamento dall'obbedienza... capovolge la piramide (non l'etica - che quella resta! solo e sempre più difficilmente simulabile!)! E la capovolge per ragioni "fisiche" : dimunisce esponenzialmente il numero dei gregari disposti ad esser tali.... e aumenta il numero di coloro che aspirano al vertice.

Essendo tanti e azzuffandosi di continuo... era praticamente inevitabile dare nell'occhio. Nell'occhio del "popolo" che.... da miniera resa immobile e passiva, a propria volta, da ignoranza e fede..... a distanza di soli cinquant'anni non è più nè tanto ignorante nè tanto fedele.

Che succede a questo "popolo" quando ha la percezione (affatto mistica) della piramide ormai sbilanciata che porta sulle spalle da sempre senza saperlo?

Qualcuno vuol demolirla (ma non si sa come), qualcun altro la prende a modello, la trova "utile" e cerca a propria volta di lasciarla sulle spalle di altri per tentare la propria scalata al vertice.

Forse (ma questa è solo una mia idea) nel lungo periodo rende miglior servizio il secondo tipo: se tutti facessimo così.... per le ragioni fisiche di cui sopra.... forse finalmente sta piramide si rovescerebbe rovinosamente e per sempre: tutti che scaricano il proprio peso sulle spalle di qualcun altro e si inerpicano per il vertice..... fin quando finiscono le spalle. Tutti con cisterne pronte per immagazzinare tutta l'acqua del pianeta.... e nessuno più disponibile a portarla!
Forse solo così, ridotti tutti col culo per terra e ridotti alla sete, si avrebbe lo stimolo giusto per elaborare un'etica nuova, che fondi sul presupposto (rivelatosi) della sostanziale identità fra bisogni e aspettative DI TUTTI, piuttosto che, come l'attuale, fondarsi sul coltivato presupposto che sia buono e giusto che ALCUNI realizzino in terra il proprio paradiso, alla faccia e sulle spalle di tanti e tanti altri tenuti buoni con la camicia di forza dell'ignoranza e la flebo di "più soffri oggi e più ti conquisti il paradiso di domani (chissa dove, come come, chissa quale)."

E potremmo essere su questa strada.
La variabile indipendente è sempre la capacità d'adattamento italiana.
E quando rifletto su questo.... vagheggio che un altro orrore alternativo potrebbe essere funzionale (con dolore, sempre con dolore, purtoppo) al più rapido ribatamento di tutto. Mi spiego.

Ci vorrebbe uno che all'improvviso la facesse così sporca in termini d'Arroganza pura e ostentazione del "Me Ne Frego" da disvelarsi traumaticamente come Orco Assoluto in Assoluto e ormai incotrastato Delirio di Onnipotenza. Forse, finalmente, si incazzerebbero tutti gli italiani meno quindici favorite del'Orco (non importa il sesso: sempre favorite sono!)
E forse abbiamo pronto anche quello!

Vedi Acquario che le speranze ci sono?
Due strade accidentatissime, ma porterebbero entrambe, sia pure con dolore, ad una meta di belle speranze, come tutte le strade che incrementano la Consapevolezza.


Per etica riportandolo al discorso,intendo dire che I potenti non nascondono piu ai loro “sudditi” certi modelli comportamentali e di azione..la fanno sporca,troppo! e manco gli frega piu niente di simulare certe cose,anzi sembra appunto pure ragione di vanto”piu frego e piu alla fine vengo considerato come modello d’esempio” ed e’ questa l’etica rovesciata di cui parlo..tante’ che porto ad esempio le conseguenze che negli ultimi anni hanno maturato leggi (scandaloso solo definirle tali) per tutelare chi appunto si adopera per interessi personali..forse mi sbaglio ma non credo che fino a qualche decennio fa cera il terreno fertile a tanto,per agire cosi”indisturbati”..magari complice pure un bombardamento mediatico atto ad appiattire cultural-mente la massa adoperato negli ultimi venti anni.
Forse I nostri discorsi camminano su filoni paralleli ma su alcuni probabili fraintendimenti…se ho capito bene tu incentri la”piramide sociale” a livello di piramide e gerarchia religiosa e concordo con te che il popolo ha una sua percezione ormai affrancata da queste cose che pero sempre a mio modo di vedere e’ stata sostituita dalla religione del consumismo -il nuovo dio in terra- con I suoi simboli (di marketing) alla pari di quelli che erano I simboli religiosi per eccellenza,portati cioe a credere al "soffri oggi,per goderne un domani,ma non su questa terra!"…be oggi si potrebbe dire lo stesso: produci e consuma oggi e paghi a vita natural durante,I tuoi debiti e la tua..schiavitu!
Ma qui forse andiamo un po fuori tema..un po pero,non tanto!
E allora forse uno dei motivi per cui questo stato di cose,questo sistema sara’ saturo,potrebbe essere proprio nell’esempio da te riportato e anche conseguentemente al fatto che non potra perdurare,proprio per ragioni fisiologiche direi un dislivello simile,e qui non lo vedo solo come un problema italiano ma bensi globale…questa e’ appunto l’unica nostra speranza rimasta..ritrovarci col culo per terra,ma tutti stavolta nessuno escluso!
..la mia sensazione e’ che I presagi di questo crollo e di questa implosione ci siano gia tutti!

acquario69 is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it