Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Arte
Arte - Commenti, recensioni, raccolte di...
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Riflessioni sull'Arte
Vecchio 20-09-2005, 16.47.48   #1
Angelina
Ospite
 
Data registrazione: 01-08-2005
Messaggi: 7
Voglio più informazioni sulla mafia...

Ciao a tutti,
quest'anno, per la prima volta sono stata in Sicilia.
Terra e gente fantastica.

Ora voglio in tutti i modi informarmi al meglio del fenomeno mafia, come é nato, cosa possiamo fare del nostro per sconfiggerla, ecc...

Sapete mica consigliarmi qualche libro da leggere che può rispondere al meglio alle mie curiosità?

Grazie
Angelina is offline  
Vecchio 20-09-2005, 23.51.26   #2
oizirbaf
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 11-01-2005
Messaggi: 168
Bibliografia generale: http://scuole.monet.modena.it/ipcorni/mafia/schede.htm

Bibliografia su Peppino Impastato: http://www.peppinoimpastato.com/bibliografia.htm


Alcune introduzioni online al tema:
1) http://www.homolaicus.com/storia/con...afia/mafia.htm

2) http://www.romacivica.net/anpiroma/l...blicamafia.htm

... poi la strada per approfondire la troverai da te.

... perche' è dura lottare in Sicilia contro la mafia? Perchè spezzare il muro di omerta' che la protegge (anche con settori del mondo economico e politico) puo' costare molto caro non solo a chi lotta contro di essa ma anche a tutti i suoi familiari. La mafia colpisce anche i tuoi affetti piu' cari e a volte il coraggio personale non basta!

Auguri Angelina!
oizirbaf is offline  
Vecchio 21-09-2005, 14.55.03   #3
Vapensiero
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 14-04-2005
Messaggi: 195
riferimento:

<....il fenomeno mafia come è nato...>

Nel 2001 mi trovavo in ospedale per delle ricerche. La stanza aveva due letti, e il mio vicino era un anziano di 89 anni che proveniva dalla Sicilia, da una di quelle zone dove hanno preso a sassate la stauta di Falcone e Borzallino (tanto per intenderci).

Dopo qualche giorno di vita in comune, e dopo che più e più volte lo avevo aiutato a scendere e salire sul letto, presa un pò di confidenza gli feci la tua stessa domanda: "come è nato il fenomeno mafia?"

Lui mi raccontò una storia infinita, e a me rimane un pò difficile sintetizzarla, ma ci proverò lo stesso.

In Sicilia, come in altri paesi d'Italia, tutti gli abitanti. conoscendosi e fidandosi, lasciavano le chiavi di casa inserite nella toppa-serratura- della porta senza nessun problema di sfiducia.

Con tutto ciò ogni tanto vi erano dei litigi o delle prepotenze, tra gli abitanti, per i più svariti motivi; a quel punto, non essendoci in quei paesi nessuna presenza dello stato, chi si sentiva più debole chiedeva l'aiuto del tenutario o di qualche figura che, per un motivo o l'altro, era più rappresentativa; e questo avveniva da tempo infinito.

Questa figura, dall'alto della sua autorità, bene o male riusciva a derimere le controversie riportando la pace tra i contendenti, che accettavano qualsiasi verdetto venisse deciso.

Con il passar degli anni le figure predominanti continuavano ad aumentare la loro importanza nella società d'appartenenza, e questa importanza veniva trasmessa da padre in figlio.

Ma se in un primo momento veniva svolta un opera di vero e proprio surrogato di giustizia, in un secondo momento il "giudice" incominciò a fare favori, non più tanto giusti. Ovvero s'incominciava a dare ragione a chi ragione non l'aveva.

Naturalmente, chiunque avesse ricevuto questi favori ingiustamente, alla fine si sentiva obbligato nei confronti del "giudice", e allora qualsiasi cosa gli venisse richiesta, per sdebitarsi, lui la eseguiva.

Da quella doppia ingiustizia: la mancanza dello stato e dal torto subito, ecco che, mano a mano, si è andato sviluppando il concetto di farsi giustizia da se; e siccome nella conta delle dita due sono più di uno, aggregarsi per essere più forti è stato un tutt'uno.

E quando si ha una organizzazione per fare giustizia, alla fine è degenerata anche per tutto quello che conosciamo.

Da tutto questo racconto una cosa mi è stata chiara: che il mancato funzionamento della giustizia, è la prima piaga che porta alla morte una società.

Ultima modifica di Vapensiero : 21-09-2005 alle ore 14.59.14.
Vapensiero is offline  
Vecchio 21-09-2005, 16.16.44   #4
klara
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-06-2005
Messaggi: 455
mafia

...sara' vero che prima della seconda guerra la mafia in Italia fu quasi sconfitta e successivamente fu riportata a galla perche' ne hanno fatto uso gli americani durante la guerra di liberazione?...e' proprio cosi'?..qualcuno di voi ne sa' qualcosa?








,klara
klara is offline  
Vecchio 21-09-2005, 21.14.10   #5
oizirbaf
Ospite abituale
 
 
Data registrazione: 11-01-2005
Messaggi: 168
Re: mafia

Citazione:
Messaggio originale inviato da klara
...sara' vero che prima della seconda guerra la mafia in Italia fu quasi sconfitta e successivamente fu riportata a galla perche' ne hanno fatto uso gli americani durante la guerra di liberazione?...e' proprio cosi'?..qualcuno di voi ne sa' qualcosa?

,klara

"... la CIA contattò alcuni importanti boss mafiosi italo-americani in carcere negli Stati Uniti, e gli offrì un patto: la libertà in cambio di un appoggio al momento dello sbarco. Fu ciò che avvenne: alla fine della guerra molti mafiosi americani furono liberati ed espulsi dagli Stati Uniti come "indesiderabili", con il tacito accordo che sarebbero tornati in Italia. I casi più noti riguardarono i boss Lucky Luciano e Vito Genovese, il quale prestò addirittura servizio per il quartier generale alleato di Nola". (vedi al sito di romacica.net. "LO SBARCO IN SICILIA")
oizirbaf is offline  
Vecchio 21-09-2005, 21.26.58   #6
Vapensiero
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 14-04-2005
Messaggi: 195
Per Klara.

La mafia ha subito delle clamorose sconfitte durante il fascismo, perchè il Duce voleva dimostrare la sua efficienza; infatti si vantava anche che i treni in Italia arrivavano sempre in orario; qualcuno ha affermato che per fare quello bastava che diventasse un capostazione e non un dittatore.

In ogni modo, per tornare alla tua richiesta, è vero che la mafia è stata utlizzata dagli americani nell'ultima guerra, ma proprio perché ormai aveva ripreso vigore, perché nel passato durante i tempi duri aveva trasferito il suo potenziale proprio in America, in Sicilia operava in silenzio.

In ogni caso, dopo la seconda guerra mondiale, si afferma che la sua potenza è stata alimentata dalla politica della democrazia cristiana, che l'ha usata per fare incetta di voti.
Nel tempo, questa tradizione si è talmente radicata che ancora oggi i partiti discendenti dalla stessa, sono sempre forti; ma nessuno vuole dire il perché........

Un abbraccio Klara. Vapensiero.
Stavo per scrivere un'altra cosa.
Vapensiero is offline  
Vecchio 21-09-2005, 23.56.20   #7
klara
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-06-2005
Messaggi: 455
oiziry e vap

...ho letto, grazie...una "piccola" fregatura comunque...
..vap..mica volevo dire che ci vuole un duce per sconfigerla..eh..




,klara
klara is offline  
Vecchio 22-09-2005, 14.04.15   #8
Vapensiero
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 14-04-2005
Messaggi: 195
riferimento: Klara.

<...sarà vero che prima della seconda guerra mondiale la mafia in Italia era stata quasi sconfitta ecc. ecc....>

Mi sembra d'averti risposto in modo esaustivo, poichè prima della seconda guerra mondiale in Italia vi era il fascismo, ed è stato sotto questo regime che la mafia ha ricevuto duri colpi (dal famoso Prefetto di ferro, di cui non ricordo il nome), tanto da sentire la necessità di trasferire in massa, i suoi metodi ed affari in America.

Per essere più precisi la mafia non ha mai smesso i suoi traffici ed i suoi affari, li ha soltato spostati in base alle esigenze contingenti.
L'aiuto dato agli americani durante lo sbarco in Sicilia è stato solo un piccolo episodio insignificante, che ha portato a quegli accordi cui ha accennato Oirzibaf, ma, secondo me, non al suo rafforzamento né, tantomeno, alla sua legittimazione.

Per ultimo, non ho affermato che per sconfiggerla ci vorrebbe una dittatura, ma sono sicuro che più giustizia per tutti, nel tempo, la soffocherebbe, non potendo più attingere al mercato della disperazione umana.
Vapensiero is offline  
Vecchio 22-09-2005, 15.04.23   #9
klara
Ospite abituale
 
Data registrazione: 06-06-2005
Messaggi: 455
Citazione:
[i]

Per ultimo, non ho affermato che per sconfiggerla ci vorrebbe una dittatura, ma sono sicuro che più giustizia per tutti, nel tempo, la soffocherebbe, non potendo più attingere al mercato della disperazione umana.
[/b]

..lo so che non l'hai affermato,e neppure io ponendo la domanda..era una domanda centrata piu' sul fatto se questo episodio poteva darle man forte nel suo reinsediamento..tutto qui...

,klara
klara is offline  
Vecchio 05-10-2005, 17.01.49   #10
Angelina
Ospite
 
Data registrazione: 01-08-2005
Messaggi: 7
Grazie a tutti

Mi sono informata decentemente dopo avere letto il libro
"Cosa nostra"

Link:

http://www.laterza.it/libri/scheda_l...n=88420727 37


Grazie mille delle risposte (mi rendo conto che vi sto ringraziando un pò in ritardo)
Angelina is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it