Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 20-01-2008, 15.17.18   #1
Eretiko
Ospite abituale
 
Data registrazione: 11-10-2007
Messaggi: 663
Il Papa, la libertà, la RAI

Oggi il TG1 delle 13.30 ha aperto con un servizio di 6 minuti sul papa. Non male, visto che mediamente il capo di stato del vaticano occupa, nei TG della RAI, più spazio del capo di stato italiano. Questo tanto per ribadire il concetto che in italia c'è chi vuole addirittura togliere la parola al pontefice (ma il vaticano non ha i suoi mezzi di informazione per comunicare ai fedeli cattaolici ?).
Lasciamo perdere il triste spettacolo di Borghezio a p.zza San Pietro (ma una volta la lega non ce l'aveva su con roma ladrona e papalina?), soprassediamo sulla solfa ormai stantia delle presunte radici cristiane dell'Italia, non curiamoci del trionfante cardinal Ruini che ha chiesto ed ottenuto il tifo di stadio per una soliderietà al papa (di cui non capisco il senso e la necessità), ma quel che non capisco (e me la prendo con me stesso) è il motivo per il quale dovrei continuare a pagare il canone RAI. Perchè i miei soldi vengono spesi dal servizio pubblico per dedicare 6 minuti al papa (del quale al sottoscritto non interessa nulla), il quale spesso e volentieri oltretrutto opera contro quello stesso stato (di cui io sono cittadino) che si dimostra così generoso nei confronti del vaticano ?
Eretiko is offline  
Vecchio 20-01-2008, 16.25.48   #2
Mr. Bean
eternità incarnata
 
L'avatar di Mr. Bean
 
Data registrazione: 23-01-2005
Messaggi: 2,566
Riferimento: Il Papa, la libertà, la RAI

Allora dovremmo chiederci, perché tutto questo calcio in Rai, così come la presenza di quei "pavoni" di politici, secondo i quali è sempre l'avversario a sbagliare. Ancora, perché i Tg ci bombardano le orecchie e gli occhi con disgrazie continue? Insomma, di motivi per non pagare il canone ce ne sarebbero, soprattutto in considerazione degli spot pubblicitari della Rai (di tutto, di più...non vogliamo farti assomigliare alla televisione, vogliamo una televisione che assomigli a te...ecc....). Paradossalmente, proprio coloro che volevano tappare la bocca al Papa, hanno ricevuto una reazione contraria molto più forte. Hanno ottenuto l'effetto contrario. Se soltanto fossero stati tranquilli....
Mr. Bean is offline  
Vecchio 20-01-2008, 17.04.09   #3
klee
Ospite abituale
 
L'avatar di klee
 
Data registrazione: 04-01-2005
Messaggi: 0
Riferimento: Il Papa, la libertà, la RAI

Concordo le parole scritte da Mr.Bean

Hanno avuto una risposta tutto al contrario..il Papa non è mai stato amato e rispettato come oggi..

"Prima di sparare e meglio pensare" no?

Penso che ognuno di noi è libero di ascoltare quello che desidera..
penso che ognuno è abbastanza maturo (cosa significa essere maturi?)
per sapere dire di no a certe influenze negative
penso che abbiamo abbastanza problemi materiali in Italia lasciamo
vivere tranquille

le ANIME

Non si va a cercare Guerra nella Guerra

"Per un applauso sincero abbiamo bisogno della mano destra e di quella sinistra.."


ciao clelia
klee is offline  
Vecchio 20-01-2008, 23.42.40   #4
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Il Papa, la libertà, la RAI

Salve! solo una precisazione, nessuno negava la possibilità al papa di parlare, era stato educatamente avvertito che la sua presenza sarebbe stata contestata come lo è stata quella di Veltroni , Musssi e probabilmente qualcun'altro... è stato costruito un caso sul nulla; i "contestatori" avrebbero rumoreggiato e probabilmente sarebbero stati messi a tacere dalla "maggioranza" ; se si è temuto sulla sua incolumità allora non dovrebbero farlo affacciare nemmeno dalla sua finestra... claudio
fallible is offline  
Vecchio 21-01-2008, 09.47.37   #5
Vito87
Ospite
 
L'avatar di Vito87
 
Data registrazione: 29-10-2007
Messaggi: 39
Riferimento: Il Papa, la libertà, la RAI

Concordo con quanto scritto da Fallible..., tutti si sono mossi per niente, solo per pubblicità. Nessuno ha mai vietato al Papa di parlare, solo gli si era detto che avrebbe avuto degli oppositori durante la sua visita. Mi sembra una cosa molto..., banale. Eppure tutti, Papa compreso, parlano che alcune persone non hanno voluto il Pontefice all'università..., evidentemente è molto facile mutare quello che poche persone dicono o pensano.
Per il discorso Canone Rai, ne parlavo appunto poco tempo fa con mio padre, chiedendogli da cosa nasce questa tassa. Lui mi ha spiegato che il televisore viene "registrato" al momento dell'acquisto, e che se poi non paghi il canone, ti fa visita la SIFER (credo si scriva così), pignorandoti qualcosa per un valore di € determinato. Comunque mi chiedo, se tanti si lamentano, perchè non smettiamo tutti di pagarlo, credo che anche solo partendo da una protesta dal forum, ci si possa riuscire, passando parola a tutte le persone.
Come altre piccole "tasse ingiuste" (canone rai, telecom...), la gente potrebbe risparmiare centinaia di €, che poi comunque spenderebbe in altra maniera, sicuramente in modo più felice, senza le lamentele che tanto sentono, si spera, i politici.
Vito87 is offline  
Vecchio 21-01-2008, 15.18.21   #6
webmaster
Ivo Nardi
 
L'avatar di webmaster
 
Data registrazione: 10-01-2002
Messaggi: 957
Riferimento: Il Papa, la libertà, la RAI

A proposito di abbonamento Rai vi ricordo che:
"Chiunque detenga uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione dei programmi televisivi deve per legge R.D.L.21/02/1938 n.246 pagare il canone di abbonamento TV. Trattandosi di un'imposta sul possesso o sulla detenzione dell'apparecchio, il canone deve essere pagato indipendentemente dall'uso del televisore o dalla scelta delle emittenti televisive".
webmaster is offline  
Vecchio 21-01-2008, 15.32.31   #7
nexus6
like nonsoche in rain...
 
L'avatar di nexus6
 
Data registrazione: 22-09-2005
Messaggi: 1,770
Riferimento: Il Papa, la libertà, la RAI

Citazione:
Originalmente inviato da webmaster
A proposito di abbonamento Rai vi ricordo che:
"Chiunque detenga uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione dei programmi televisivi deve per legge R.D.L.21/02/1938 n.246 pagare il canone di abbonamento TV. Trattandosi di un'imposta sul possesso o sulla detenzione dell'apparecchio, il canone deve essere pagato indipendentemente dall'uso del televisore o dalla scelta delle emittenti televisive".
Sapevo di questa legge... ma, mi chiedo: anche un semplice pc è "adattabile" facilmente alla ricezione dei programmi televisivi, in potenza adattabile con una semplice scheda, dunque la norma riguarda di fatto chiunque possegga un pc. La mia situazione è che non posseggo tv, né la schedina che mi consente di vedere la tv sul pc, dunque perché mai dovrei pagare il canone tv? Perché non ipocritamente mutare la norma in una tassa sull'informazione? Ovvero sulla possibilità di connettersi con la realtà e l'ambiente che ci circonda, con i mezzi che ci ha fornito la tecnologia? La situazione muterà ed il botto sarà fragoroso...

Non vi dico quale sia la mia decisione riguardo, dunque, al suddetto canone, perché non si può dire... ... se uno si va a spulciare il codice penale è reato pure questo...

Direi però ad Eretiko che è atto morale e di coscienza nelle proprie azioni pratiche come nel proprio intimo non aderire a leggi che si ritengono palesemente ingiuste. Ciò distingue un uomo da un terminale ipnotizzato.

nexus6 is offline  
Vecchio 24-01-2008, 14.48.32   #8
TOP SEGRET
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 09-11-2006
Messaggi: 2
Riferimento: Il Papa, la libertà, la RAI

Beh.. I ragazzi intervistati dai vari tg.. Non la pensano come voi. E' stata più che una normale contestazione.. In ogni caso mi sembra poi quasi stupido solo contare i minuti che il papa occupa nei tg.. Sono solo sei minuti.. E anche meno.. Non ho mai visto fin ora un tg che tratta del papa per 6 minuti prima dei fatti accaduti. Riguardo il confronto del papa col capo dello stato dico che è un accostamento forzato. Se il papa parla di più del capo dello stato, certamente questi avrà molto più spazio nel tg! Mi sembra ovvio! In ultima analisi, ricordiamoci che l'informazione è al servizio degli italiani. Gli italiani sono anche cattolici oltre che di sinistra o di destra o di quello che volete! Ergo i tg devono cercar di rispondere alle esigenze di tutti anche per una questione di audience.

Morale della favola: Non facciamoci prendere dai discorsi inutili di partito preso! Non sono salutari per un sano, costruttivo, pacifico confronto di idee e di ideologie! Ciao a tutti!
TOP SEGRET is offline  
Vecchio 02-02-2008, 17.35.33   #9
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Riferimento: Il Papa, la libertà, la RAI

Purtroppo è una cosa che ho notato anch'io negli ultimi tempi. Ogni giorno, o quasi, minuti e minuti da parte di tutti i tg dedicati a quel che pensa, dice, penserà, gradirà, farà il papa. Ha surclassato i politici, persino Berlusconi che per un certo periodo sembrava sparito da tutte le emittenti, esclusa quella di Emilio.

Ma torniamo al canone Rai, purtroppo l'appiattimento nazionale non si limita alle emittenti private (fino ad oggi qualcosa la fa solo La7) ma si è estesa anche alla Rai. Roba da gettare il televisore nella spazzatura o tenerlo come soprammobile.

La mia libertà la esprimo semplicemente premendo un tasto, compare il papa: cambio, compare l'omicidio del momento: cambio, compare il politico: cambio.

Un giorno non sono riuscita a vedere un telegiornale su nessuna emittente perchè erano tutti monotematici, parlavano tutti della stessa cosa e per quasi tutto il tg. Voltastomaco.

A qualcuno, anima candida e pura, sfugge la dura realtà che il vaticano vuole non solo dire la sua, proteggere i suoi pupilli, farsi quanta più pubblicità possibile per accaparrarsi nuove anime e nuove menti, ma ora pretende (e i politici in campo sono pronti ad assecondarlo in tutto e per tutto) di dettare le leggi, di legiferare in prima persona e avere il voto favorevole all'unanimità.

Guai a chi osa contestarlo, mette il broncio e ne fa un caso mondiale, non nazionale, MONDIALE. Fa l'offeso e la vittima, mentre gli altri coloro che hanno osato esprimere un parere vengono messi alla gogna, con grande entusiasmo e calore e contentezza dei cattolici osservanti, praticanti, ubbidienti.

Spero che questa fase passi presto, che venga eletto un parlamento LAICO, vaticanoindipendente, mafiaindipendente, condannatiindipendenti, e che il papa venga fatto passare ad un tg solo quando se ne va in vacanza, solo quando va all'estero, solo in casi eccezionali e non come prassi ordinaria. Come era sana abitudine fare con i papi che hanno preceduto questo qui.

E anche la CEI , opinioni e giudizi dovrebbe esprimerli principalmente attraverso radio maria e non ad un tg pubblico, quasi ogni sera

La religione dovrebbe essere un fatto personale, intimo, riservato e non una manifestazione pubblica ricorrente.

Di quel che ha detto e fatto Gesù ai cristiani cattolici non è rimasto proprio nulla, fanno tutto esattamente e meticolosamente il contrario di quel che è scritto nel vangelo.
Fra non molto dirò, a chi me lo chiederà, di essere seguace di Gesù cominciando a provare serio imbarazzo nel definirmi cristiana, potrebbe dare adito a pessime interpretazioni.

Molti cristiani sono una gravissima offesa alla memoria di Cristo.

Lo so che Dio perdona tutto, ma potrebbe perdere la pazienza. A dire il vero credo l'abbia già persa visto la fine che stiamo facendo
Mary is offline  
Vecchio 03-02-2008, 12.08.10   #10
Archer
Ospite abituale
 
Data registrazione: 19-05-2004
Messaggi: 50
Riferimento: Il Papa, la libertà, la RAI

che gli italiani siano per la maggior parte cattolici è vero e dunque mi sembra normale che si dia spazio a ciò che dice il papa, per quanto da non cattolico la cosa mi irriti profondamente...
in effetti però anche molti cattolici si sono accorti benissimo che la potenza mediatica del papa sta superando troppi limiti, finchè era stato appena eletto e allora ogni volta che una piega del suo abito si spostava con grande emozione veniva riportato dai giornali, ma ora che son passati 2 anni e ad ogni angelus, ma non solo, come tante pecore ci dobbiamo sorbire anche al tg i sermoni del papa, per quanto interessanti e per quanto siamo pur sempre il suo "gregge", mi pare eccessivo...
che poi sia riuscito a convogliare su di se il plauso del mondo per il fatto della sapienza mi ha fatto vergognare di essere laico, se fosse venuto e avesse parlato si sarebbe fatto sfuggire sicuramente un riferimento anche minuscolo a qualcosa che lo avrebbe fatto mettere alla gogna dall'opinione internazionale, e invece no, ci siamo finiti noi...
e infine la rai... volenti o nolenti si deve pagare, se no, visto che c'è una legge andremmo incontro a sanzioni, è la tv di stato e al massiomo dovremmo cercare di migliorarla, non con pubblicità cretine (o con programmi cretini) ma con persone, solo che tutte quelle che approdano alla rai (da notare i cognomi sempre altisonanti e tutt'altro che ignoti) sono li solo per far soldi e imporre la loro visione del mondo... quindi a monte bisognerebbe depurare la rai e rifondarla s principi un po' più "centristi"
Archer is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it