Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Cultura e Società
Cultura e Società - Problematiche sociali, culture diverse.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Culturali e Sociali
Vecchio 24-12-2003, 15.01.20   #1
Giuliano
Ospite abituale
 
Data registrazione: 14-12-2003
Messaggi: 270
Spunto per riflessione natalizia

Da "superclan" di G. Chiesa M. Villari (Feltrinelli)


I ricchi, arricchendosi, non sono diventati più generosi e nemmeno più saggi. L’aiuto dei paesi ricchi ai paesi poveri è diminuito, non è aumentato. È passato dallo 0,35% del loro Pil (all’inizio degli anni novanta) allo 0,22% dell’anno 2000. Il Segretario generale dell’Onu, Kofi Annan, alla vigilia di Johannesburg, denunciava due drammatici punti irrisolti: l’assenza di una strategia politica internazionale per affrontare, tutti insieme, la sfida della povertà sul pianeta; e l’evidenza delle minacce derivanti simultaneamente dai ritmi di produzione e di consumo, insostenibili dall’ambiente naturale.
La situazione odierna è peggiore rispetto a quella prevista a Rio de Janeiro: i trend negativi che erano stati individuati sono oggi in gran parte più gravi e nessuna delle tendenze attuali induce a una qualche forma di ottimismo. Ad aggravare il quadro non è soltanto il tempo perduto. Il fatto saliente è che la crisi economica ormai investe, una dopo l’altra, tutte le economie ricche, cioè l’economia mondiale nel suo complesso. L’ottimismo è finito. La ripresa è immersa nelle nebbie di un futuro incerto e nessuno sa dire nemmeno se sia ancora prevedibile. Il grande esercito degli esegeti del capitalismo senza regole e freni, naturalmente, continua a preconizzare il ritorno della mano invisibile del mercato, ma l’unica freccia nelle loro capaci faretre è il poverissimo argomento che non c’è nient’altro, nessuna ipotesi, nessuna teoria, nessun sistema alternativo: non c’è che da sperare nella Provvidenza. Evidentemente, anche la mano invisibile di Adam Smith è stata impedita dalla mancanza di regole e di freni.
Questo dovrebbe essere il tempo del risveglio. Ma è come se l’umanità ricca, inclusa quella che non è precisamente ricca ma si trova a vivere nelle società ricche (cioè quasi tutti quelli che stanno leggendo queste righe), faccia una gran fatica a risvegliarsi da un bel sogno. Questa è una delle illusioni che impedisce a molti di trarre le necessarie conclusioni. Molti altri (l’immensa maggioranza della gente di tutti i paesi) non possono neppure porsi il problema perché, privati delle necessarie fonti d’informazione, non sono consapevoli che è il mondo intero ad andare in rovina, che è il nostro futuro comune a essere minacciato".
Giuliano is offline  
Vecchio 25-12-2003, 22.45.42   #2
dana
Ospite abituale
 
L'avatar di dana
 
Data registrazione: 18-10-2003
Messaggi: 0
Re: Spunto per riflessione natalizia

Il problema della povertà sul pianeta e della crisi economica mondiale non avrà soluzione, ma non perchè mancano i mezzi per risolverlo, ma LA VOLONTA'. Il nostro stile di vita occidentale non durerà ancora molto. Siamo di fronte a guerre fatte per motivi geopolitici ed economici: noi Paesi sviluppati e benestanti non possiamo permetterci di cambiare il nostro stile di vita ed i nostri consumi (soprattutto energetici) e siamo pronti a difenderli fino ad attaccare i poveri del mondo che invece insidiano questo nostro benessere. Sappiamo che se vogliamo sconfiggere il terrorismo, le dittature e le minacce per la pace mondiale, bisogna prima fare i conti con le ingiustizie sociali e le enormi disuguaglianze economiche che ci sono tra i nostri paesi ricchi e i paesi poveri (l’80% della popolazione mondiale). E sappiamo che questo vuol dire cambiare in qualche modo i nostri stili di vita, perché l’eventualità che 6 miliardi di persone vivano come noi non è assolutamente sostenibile. Non ci sono assolutamente risorse per tutti! Immaginiamo solo se avessero tutti il numero di automobili pro-capite che abbiamo noi: non ci sarebbe benzina per tutti. Grande è il disagio in questa società benestante e consumista che usa e considera le persone meno degli oggetti e che arriva al punto di usare le bombe per difendere il proprio benessere economico.
dana is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it