Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 07-07-2003, 19.56.11   #1
Supercozza
Ospite
 
Data registrazione: 06-07-2003
Messaggi: 12
pensiero complesso

ciao ragazzi sono nuovo di qui!
un saluto festoso a tutti...

mi chiedevo se qualcuno conoscesse e avesse voglia di parlare
di pensiero complesso.

ho letto qualche libro di Edgar Morin e Ilya Prigogine
e mi intrigherebbe molto approfondire e condividere con altri riflessioni in questo ambito.

fatemi sapere se conoscete qualcosa in merito, e se avete consigli su libri da leggere!

io consiglio personalmente di leggere "introduzione al pensiero complesso" di Morin

ciao!
Supercozza is offline  
Vecchio 07-07-2003, 23.37.06   #2
caharun
Ospite
 
Data registrazione: 07-07-2003
Messaggi: 18
Di Prigogine conoscevo le scoperte in campo termodinamico e le relative riflessioi sul tempo. Questa altra sua speculazione mi è nuova, puoi darmi delucidazioni?
caharun is offline  
Vecchio 08-07-2003, 19.43.27   #3
Supercozza
Ospite
 
Data registrazione: 06-07-2003
Messaggi: 12
pensiero complesso

ritengo Prigogine uno dei pilastri della divulgazione del pensiero complesso in ambito scientifico ed epistemologico, non perchè studioso esplicito di questo, ma poichè ogni suo studio, in particolare, che palle lo ripeto, quello sulle strutture dissipative (ma anche sul tempo) è densamente impregnato di concetti complessi, che non si riducono a definizioni disgiuntive di una teoria specializzata che a nessuno interessa, ma che riconoscono la positività anche di teorie che non fanno parte dell'ambito scientifico.

c'è bisogno di nuove alleanze tra il mondo della natura e quello della storia degli uomini, per la congiunzione e la ricerca dei collegamenti del sapere umano.
Supercozza is offline  
Vecchio 09-07-2003, 00.34.34   #4
Claudio
Ciò che è, è!
 
L'avatar di Claudio
 
Data registrazione: 01-04-2002
Messaggi: 202
Quando parli di pensiero complesso...

...associo anche Gregory Bateson ("Mente e natura" o "Verso un ecologia della mente" entrambi ed. Adelphi) e Fritjof Capra ("il tao della fisica", "la rete della vita") e i grandi Mandelbrot (con la sua geometria dei frattali) e Ed Lorenz (metereologo, con la sua scoperta dell'attrattore strano). Il fatto è che il tema si allargherebbe con Bach, Godel ed Escher...
la complessità coinvolge tutto e tutti proprio per la sua stessa natura e definizione. Dimenticavo J. Lovelock con la sua teoria di Gaia, il pianeta-organismo vivente, dove tutte le forme di vita sono considerate parte di un'unico complesso organismo che si autoregola. Noi stessi siamo come "cellule" di Gaia. Così si giunge a comprendere che tutto l'insieme che comprende l'intero universo fa parte di un unico grande organismo vivente in cui ogni parte è in relazione con ogni altra...

Ma gli indiani lo sanno da millenni.
Siamo noi occidentali che ci arriviamo adesso con la nostra scienza.
Ciao

Ultima modifica di Claudio : 09-07-2003 alle ore 00.43.54.
Claudio is offline  
Vecchio 12-07-2003, 17.26.22   #5
Supercozza
Ospite
 
Data registrazione: 06-07-2003
Messaggi: 12
pensiero o realtà?

buono buono buono.

sono pienamente d'accordo su questo e gioisco a sentir presenza di altre persone sensibili a questo "movimento" o altro che sia qualunque nome lo definirebbe ma non lo comprenderebbe appieno.

mi sento un po' solo e se conosci qualche sito sul pensiero complesso o qualche intenso e intrigante forum sulla complessità, sarei lieto di poterne far parte.

naturalmente sono ancora pulcino in questa radura (...) e sto cercando di non venir schiacciato già dall'inizio dalla vastità dell'argomento, pur essendone consapevole.

vorrei forzare un attimo il discorso e comuque rischiare un po' con una proposta: per approfondire il concetto di complessità pur non definendolo secondo significati troppo rigidi e statici, potremmo fare qualche ragionamento non troppo rigoroso pure noi, se vi va... per stuzzicare la curiosità e svelare qualche piccolo dubbio... chiunque è benvenuto!

è un dubbio che mi fischia fess in testa in questo periodo...

posizione del problema: la complessità è propria della realtà stessa o verte principalmente sulla conoscenza che io uomo ho della realtà in questione?

il problema appena posto è autentico o riflette invece la posizione di qualche altro problema da questi nascosto?

a voi una possibile risposta...
Supercozza is offline  
Vecchio 09-09-2003, 18.49.06   #6
Mindcrawler
Studioso
 
L'avatar di Mindcrawler
 
Data registrazione: 08-09-2003
Messaggi: 25
C'è grossa crisi, stiamo andando sul difficile...
A me interessa, però mi astengo per mancanza del pezzo di lobo temporale che serve per fare questi discorsi...
Mindcrawler is offline  
Vecchio 09-09-2003, 18.57.23   #7
Mindcrawler
Studioso
 
L'avatar di Mindcrawler
 
Data registrazione: 08-09-2003
Messaggi: 25
Anzi, forse qualche fesseria la posso dire. Il cervello lavora secondo certi schemi, e non può andare oltre certi limiti nella comprensione della complessità. Penso che lo stesso concetto di complessità si sviluppi a monte di un inadeguato strumento di conoscenza. Che ho detto? Boh, sono proprio un epistemologo di m***a.
Mindcrawler is offline  
Vecchio 12-09-2003, 15.21.54   #8
simone rotondi
Ospite
 
Data registrazione: 12-09-2003
Messaggi: 3
complessita'

Credo che la complessita' possa riaccendere la sempiterna questione del realismo metafisico,mettendo in questione il primato del soggetto trascendentale nella conoscenza del reale.Infatti complessita' significa impredicibilita', cioe' "esuberanza" del reale rispetto ai nostri schemi concettuali. Il reale "sfugge" ad una comprensione meccanicistica, per riproporre la aristotelica causa finale.Ogni sistema naturale agisce in vista di un fine, non e' geometrico.Secondo voi si puo' parlare di una Natura ordinata gerarchicamente, dove ogni livello detta i fini del precedente, dove pero' non esiste un metalivello conclusivo che chiude il sistema (nessun sistema pu' chiudersi in se stesso, come ci insegna Godel), se non ad un livello trascendente, metafisico? In altre parole- non vi pare che si riapra il problema della necessita' dell'esistenza di Dio, per fondare la necessita' causale del mondo fisico? Scusatemi se ho accavallato gli argomenti in modo poco ordinato. Prometto di essere piu' chiaro in seguito! Ciao a tutti
simone rotondi is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it