Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 16-10-2003, 20.00.20   #1
L'Errante
Ospite
 
Data registrazione: 14-10-2003
Messaggi: 2
L'anima

Quando sono entrato in sala operatoria pensavo e tremavo per l'anestesia totale. Mi avrebbero di li a poco addormentato e "squartato". Se l'operazione riesce mi sveglio e tutto è stato un sogno.
Se l'operazione non riesce questo sogno durerà per sempre?
Dov'è l'anima, quando finisco di essere vivo, quando inizio ad essere morto, durante l'operazione dove sono, dov'è la mia attività pensante?
L'Errante is offline  
Vecchio 16-10-2003, 22.33.57   #2
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Caro Errante
sono entrata anch'io in sala operatoria. Ero agli sgoccioli della mia vita. Non so perché ma non avevo paura, ero pronta ad accettare tutto meno che il dolore. Il dolore non lo sopportavo più, non mi importava di morire purchè smettesse.
Sono passati sei anni e sono ancora qui.
Qui in questo corpo ma nella mia seconda vita.

La vita cambia quando sei stato con la morte accanto come gentile compagna.

Mi sono sempre chiesta cosa ci fosse dopo, l'ho cercato nella religione ma le risposte erano senza alcun riscontro dentro di me.
Bisogna credere per fede, mi dicevano. Ma credere per fede equivale a trattare se stessi da imbecilli. Devo credere a chi mi dice qualcosa che non ha sperimentato?! A questo punto posso inventarmi qualcosa anch'io!!!!

La percezione della mia vita e di me stessa è cambiata quando le esperienze mi hanno portato alla conoscenza della reincarnazione. La chiesa inorridisce davanti alla parola reincarnazione. E ne comprendo le ragioni. La reincarnazione ci porta ad affrontare davvero noi stessi.

Se io avessi avuto la certezza che oltre la morte ci fosse stato il nulla avrei messo fine da diverso tempo alla mia vita. Non che adesso io abbia la certezza assoluta di quel che c'è oltre!
Ma scoprendo dentro di me qualcosa che andava oltre questa mia vita in questo corpo, mi sono detta: "forse è il caso che tu ti dia da fare per vivere. Se ti toccherà tornare su questa terra forse è meglio non rimandare quel che è possibile fare adesso".

Aggiungo solo che ho avuto l'esperienza di uscita dal corpo, anche se per brevi momenti.
A chi l'ho raccontato mi ha liquidato subito dicendo che era solo un sogno. Ma io so bene che non si trattava di un sogno.
Ed è stata una esperienza straordinaria. Si sta benissimo fuori dal corpo. Per qualche giorno, dopo essere rientrata, ho avuto serie difficoltà a ritornare nella normalità. Sentivo il mio corpo pesante, e tutto mi era indifferente. Non riuscivo più a relazionarmi con il mondo esterno.
E quando sei fuori dal corpo il corpo stesso non ti interessa più, è come un manichino che non serve più.

Ciao
Mary
Mary is offline  
Vecchio 16-10-2003, 23.49.33   #3
dawoR(k)
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2003
Messaggi: 876
Smile <l'anima di ognuno manda riflessi diversi a seconda di chi li guarda...>

Ci sono passato anch'io
...è successo 20 anni fa
uno schianto con la moto
lanciata a tutto gas
poi una macchina che svolta
tagliandomi la strada
poi una frenata interminabile
una sospensione della coscienza
e poi l'esplosione
e poi una gran pace
e una luce intensa,ovunque
l'ambulanza che correva
ed io che da un punto imprecisato
vedevo il mio corpo
e mi dicevo tranquillo
"ah,ma allora è così che si muore"
e poi...
come una frattura,un click interno
e vite intere
a sfilarmi davanti agli occhi
mente decidevo di rientrare in me
sentendo chiaramente
che non era quello il modo
né il momento giusto
ma poi - si cambia
eccome si cambia !
per me
si è trattato di una vera e propria rinascita
e i valori reali delle cose
mi sono apparsi ben chiari
da quel giorno in poi
perchè solo quando
sei sul punto di perdere tutto
ad ogni cosa
puoi dare il giusto valore

"quanto vale la mia anima ?"

Anch'io ho immaginato
che l'anima d'ogni uomo
fosse un prisma sbrilluccicante
formato da un'infinità di specchi
e così mi son detto
che se gli uomini non sono sassi
in certi dettagli
riflettendosi l'uno nell'altro
hanno pelle di specchio
e conducono banali esistenze
da cieco-sordo-muti
illudendosi al loro interno
di vedere-ascoltare-parlare

si cambia,si cambia
...eccome !

l'anima di ognuno manda riflessi diversi a seconda di chi li guarda,sì
è attinente
e per quel che mi riguarda
la reincarnazione è una realtà
che mi porto dentro
riuscendo pure
di tanto in tanto
a sbirciare oltre quella grande porta
e a non vederci nulla di "straordinario"
poichè dal mio punto di vista
la vita stessa lo è

wahankh .
Musica : Estrella De Mar -amaral-
dawoR(k) is offline  
Vecchio 17-10-2003, 20.24.22   #4
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Carissimo dawoR(k)
sarà anche per questo che io comprendo ogni tua parola?!
Non lo so. Ma di certo siamo su strade parallele seppure separate.

Anch'io sono rientrata nel corpo perchè non era il momento. Ero a letto e sentivo le voci dei miei bambini in cucina. Sono rientrata per loro. Ero certa di essere morta e alla immensa piacevole sensazione che provavo si univa l'amore per i miei figli.
Ho provato una grande angoscia al pensiero che sarebbero entrati in camera e avrebbero trovato il corpo della loro madre privo di vita. Sono rientrata per loro. Ed è così che la mia vita ha subito una svolta. Allora ho compreso che non era brutto morire, anzi. I primi giorni non vedevo l'ora che giungesse il mio momento. Ora sono passati tanti anni, ma so che devo portare a termine il mio viaggio, la mia esperienza terrena.

Ritengo che venire a conoscenza della reincarnazione non come fede ma come propria personale esperienza aiuti molto in questo nostro viaggio terreno. Cambia la prospettiva riguardo alla vita. Le religioni sono fuorvianti, come diceva De Mello hanno tolto alla gente gli strumenti per fare il fuoco e gli hanno messi su di un altare. Sull'altare gli strumenti non producono fuoco e per questo diventano inutili, anzi dannosi.

Proprio oggi pensavo: "E' davvero splendido che ci sia qualcuno che prova quello che provo io, che sa quello che so io."
Tu sei uno di quelli, pochissimi a dire il vero. Unico nella capacità di rendere poesia ogni parola. Ogni volta che ti leggo il mondo mi sembra più luminoso, come una mattina d'autunno con la rugiada che brilla come innumerevoli diamanti sulle verdi erbette e i maestosi alberi.
Il sole si riflette sulle minute goccioline e la terra si veste di splendore. Le donne si coprono di diamanti, pochi sanno quanto sia meraviglioso lasciarsi travolgere da un tramonto o un'alba.

Grazie di esserci, grazie di vero cuore.
Sei una goccia di rugiada che splende nel fresco mattino.
Con affetto
Mary
Mary is offline  
Vecchio 19-10-2003, 14.33.49   #5
dawoR(k)
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2003
Messaggi: 876
Smile l'unica cosa che posso dire

è che se avessi
il dono della serenità
che tu dimostri di possedere
e la capacità di sapermi esprimere
ai tuoi livelli
scriverei le stesse identiche cose
ma poi ci penso
e mi dico
che sarebbe una fatica inutile
poichè mi basta leggere te
per ritrovarmi davanti agli occhi
superbamente confezionate
le mie visioni
in forma scritta
ed in questo un pò mi scopro
egoista e pigro... argh

eh-eh wahankh.
Musica : Altre Forme Di Vita -bluvertigo-
dawoR(k) is offline  
Vecchio 19-10-2003, 23.58.22   #6
Mary
Ospite abituale
 
Data registrazione: 02-04-2002
Messaggi: 2,624
Carissimo dawoR(k)

davvero vedi in me la serenità?!
Se è questo quello che io mostro ne sono felice.

Forse è la quiete dopo la tempesta.
Di tempeste e uragani ne ho attraversati molti.

Ed ora riesco anche ad amarli.
Quando sei sopravvissuta ad un uragano puoi godere di una dolce brezza.
Quella che io sono è solo il frutto di un difficile e faticoso cammino. Cammino non finito, sol che oggi non inseguo più niente. So di essere un bruco che giorno per giorno diviene quel che è.
Io non so chi sono, ma non oppongo più la resistenza di un tempo alla mia trasformazione.

Quello che io scrivo a volte ho la sensazione che venga da "qualcosa" che è dentro di me. Qualche volta rileggendo quello che ho scritto a distanza di giorni, non so neppure come ho fatto a mettere insieme quelle parole. Esprimono me stessa, quello che è in me, questo è vero. Però, le sensazioni che provo sono confuse, indescrivibili. Ed ogni volta mi sembra un miracolo essere riuscita a tradurle in parole.

Tu possiedi un dono straordinario riesci a trasformare i miei pensieri, le mie sensazioni in poesia, in melodia.

Io non ci riesco, e quando leggo le tue parole mi sembra che tu le abbia tradotte da quelle incomprensibili che giacciono dentro di me.

Ciascuno di noi, ciascun essere umano ha un dono.
Quando riesce a portarlo fuori diventa una ricchezza per sé e per gli altri.

Bisognerebbe aiutare i bambini, i propri figli, a cercare il loro dono, a saperlo apprezzare e a coltivarlo con amore. Evitando di spingerli unicamente ad arrivare primi, a farsi "una posizione", a diventare quel che non sono.
Buona settimana
Mary
Mary is offline  
Vecchio 20-10-2003, 02.03.41   #7
dawoR(k)
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2003
Messaggi: 876
Smile Sesto Senso

o meglio "senso dell'arte"
- quel "qualcosa"
che è in certuni
. . .
Non solo l'opera
ma lo stesso autore
è secondo me
solo uno strumento
attraverso la cui mediazione
la coscienza collettiva
degli insetti del genere umano
può rendersi interpretabile
alle antennine sensibili
degli altri insetti.
Altri come me,"altri"
sempre affamati di luce
da catturare nel retino
dell'ignoto personale.
Insetti sì -
ma sorridenti

wahankh.
Musica : Gli Uccelli -franco battiato-
dawoR(k) is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it