Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Filosofia

Filosofia - Forum filosofico sulla ricerca del senso dell’essere.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Filosofiche

Vecchio 22-04-2004, 09.45.32   #1
bluemax
Ospite abituale
 
L'avatar di bluemax
 
Data registrazione: 04-09-2003
Messaggi: 766
Polli !!!

non so se siete mai stati in uno di quei capannoni credendo di sapere ciò che vi aspetta. All'improvviso, ti ritrovi in un ambiente buio, assordato dal grido di migliaia di galline. Man mano che la pupilla si adatta alla nuova luce, inizi a vedere uno spettacolo atroce. Pensavi che la gente non poteva essere tanto criminale. Almeno fino a quel punto.

Ti ritrovi di fronte a corridoi lunghi decine di metri le cui pareti sono, tante, anzi troppe. Gabbie attaccate l'una all'altra, così per diversi piani.

Da quelle gabbie, illuminate da lampade fioche che pendono dall'alto, escono decine di migliaia di teste perse in un macabro ritmico continuo e folle becchio. Decine di miglia.

Una cittadina in pratica.
ogni gabbia misura circa 50 per 70 cm in cui le galline sono costrette a vivere in sei.

Le vedi mentre si accalcano una sopra l'altra per raggiungere il mangime, ipnotizzate dalle luci che le costringono a cercare disperatamente, come se fosse una droga di cui non possono fare a meno, il becchime nelle mangiatoie di fronte alle celle. Il fronte della gabbia è troppo stretto perchè c'entrino tutte e sei. Quindi si ammassano l'una sull'altra, istericamente, producendo quel terribile suono di grida e battiti d'ali che ti dà l'idea della loro disperazione.

Allora, almeno per chi PENSA, vengono in mente strani pensieri e dubbi. Inizi a chiederti cosa pensano quei poveri animali, Costretti sin dalla nascita a quella vita; chissà se si rendono conto che l'esistenza disegnata per loro dalla natura non era quella di soffrire imprigionate in sei dentro una gabbia di 50 per 70 cm fino alla morte. Praticamente non conoscono e non conosceranno MAI per cosa sono state progettate da mamma natura (e la similitudine tra le galline e l'uomo moderno è TREMENDAMENTE VICINA)

Tutta la vita costrette a mangiare perchè ipnotizzate da una luce e il resto del tempo immerse nel buio ammassate l'una sopra l'altra. Le zampe martoriate dal continuo contatto con le lamiere della gabbia, il collo martoriato dalle beccate delle altre compagne di cella. Sempre nell'attesa che le luci si riaccendano per ricominciare a mangiare. Fare l'uovo. Poi di nuovo buio, sempre immobili.

Questa la vita delle galline per un anno e qualche mese. Dopo la loro produttività cala e quindi vengono avviate verso il macello.

Questa riflessione puo' avere un duplice scopo:
La condanna a certi capannoni o la triste riflessione che sostituendo alcune parole con altre, puoi ritrovare la medesima condizione nell'essere umano.

Sostituendo POLLO con UOMO, LUCE al neon con BOMBARDAMENTO mediatico, GABBIA di ferro con PAURA dei giudizi e pregiudizi, MANGIME con DENARO, ti accorgi di quanto simile possa essere la vita dell'UOMO oggi.

L'uomo, alla stregua del pollo, fa parte di un sistema antiumano, che vede quest'ultimo inconsapevole, vivere nelle gabbie mentali che si è creato, gabbie non di ferro ma dovute alla PAURA del giudizio di altri di voler uscire dal sistema. Il mangime, ossia il denaro dato al povero uomo, che si accalca e si azzuffa con propri simili per ingrassare senza alcun motivo, gli fa credere che la vita sia tutta qua. Importante è "beccare", ingrassare ed attendere la nuova luce al neon che lo porta a mangiare e beccare ancora.
Come quei polli, molti uomini non sapranno mai cosa è la vera vita, perchè nati e morti nelle loro gabbie.
Quei poveri polli, abbagliati dal neon della pubblicità non fanno altro che alimentare il sistema, sacrificando la loro libertà con la loro "felicità" effimera.
Quei polli sono resi contenti dal mangime, dato loro solo per ottenere da essi altro...
Quei polli che ipnotizzati dal neon, non si chiedono cosa c'e oltre la gabbia, ma si limitano a "beccare" il mangime ed azzuffarsi per arrivare alla mangiatoia...

io adoro il pollo... e adoro l'essere umano... peccato che si stanno estinguendo
bluemax is offline  
Vecchio 22-04-2004, 11.35.52   #2
bluemax
Ospite abituale
 
L'avatar di bluemax
 
Data registrazione: 04-09-2003
Messaggi: 766
interessante se fosse la descrizione di un "alieno" che visita il pianeta terra e vedesse solo la zona "occidentale".,.. si quella zona della terra piu' EVOLUTA e facesse un rapporto da inviare al suo pianeta di origine


"non so se siete mai stati in una di quelle città moderne credendo di sapere ciò che vi aspetta. All'improvviso, ti ritrovi in un ambiente inumano, assordato dal chiasso di migliaia di uomini. Man mano che il cervello si adatta alla nuova situazioni, inizi a vedere uno spettacolo atroce. Pensavi che la gente non poteva essere tanto demente. Almeno fino a quel punto.

Ti ritrovi di fronte a vie lunghi centinaia di metri le cui costruzioni sono, tante, anzi troppe. Loculi attaccati l'uno all'altra, così per diversi piani.

Da quelle menti plagiate dei loro abitanti, viventi in mostruosi loculi, illuminate da TV e Pubblicità che arrivano dalle antenne dall'alto, ogni mattina escono decine di migliaia di cervelli perse in un traffico angusto e deleterio. Adoperate in una macabro ritmica continua e folle ricerca del denaro. Denaro che permette di trasformare la loro gabbia mentale da ferro ad argento. Per pochi in oro, pochissimi in platino.

Una popolazione in pratica.
ogni gabbia, data da paura dei pregiudizi e paura di non appartenere al sistema, ha una misura che varia a seconda del plagio di cui siamo parte.

Vedi gli uomini mentre si accalcano uno sopra l'altro per raggiungere il denaro, ipnotizzati dalle promesse e pubblicità di mamma TV che li costringono a cercare disperatamente, come se fosse una droga di cui non possono fare a meno, il denaro nei posti di lavoro di fronte alle celle dorate dove vivono. I posti di lavoro sono troppo stretti perchè c'entrino tutti. Quindi si ammassano l'uno sull'altro, istericamente, producendo quel terribile suono di urla e grida, comizi e politica che ti dà l'idea della loro disperazione.

Allora, vengono in mente strani pensieri e dubbi. Inizio a chiedermi cosa pensano quei poveri uomini, Costretti sin dalla nascita a quella vita; chissà se si rendono conto che l'esistenza disegnata per loro dalla natura non era quella di soffrire imprigionati in una moltitudine dentro le loro gabbie mentali fino alla morte. Praticamente non conoscono e non conosceranno MAI per cosa sono stati progettati da mamma natura.

Tutta la vita costretti a rincorrere le false promesse e sogni irrealizzaibili perchè ipnotizzati da un sistema e il resto del tempo immersi nel nulla ammassati l'uno sopra l'altro. Il corpo martoriato da chirurghi plastici e concimi chimici dovuto al continuo contatto con il messaggio ipnotizzante della gabbia, il sistema nervoso martoriato dalle botte degli altri compagni di cella. Sempre nell'attesa che il messaggio del sistema si riattivi per ricominciare a cercare denaro. Giovare al sistema. Poi di nuovo buio, sempre cerebralmente immobili.

Questa la vita degli esseri umani per qualche decennio e qualche anno. Dopo la loro produttività cala e quindi vengono avviate verso il dimenticatoio... "
bluemax is offline  
Vecchio 22-04-2004, 12.05.10   #3
dawoR(k)
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-05-2003
Messaggi: 876
Smile

Non riuscirei ad aggiungere
nulla in più di quanto
tu non abbia già fatto
quindi
applausi-applausi-applausi

wahankh .
dawoR(k) is offline  
Vecchio 22-04-2004, 16.40.13   #4
Naima
Ospite abituale
 
L'avatar di Naima
 
Data registrazione: 06-10-2003
Messaggi: 672
Non vi viene in mente 1984 di Orwell... questo libro è sempre più attuale ... sob!
Naima is offline  
Vecchio 12-05-2004, 13.57.47   #5
kitry
Ospite
 
Data registrazione: 01-03-2004
Messaggi: 6
caspita hai ragione..
kitry is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it