Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 14-05-2008, 09.43.56   #1
arsenio
Ospite abituale
 
Data registrazione: 01-04-2004
Messaggi: 1,006
Regole, fatti, giudizi, ipotesi ...

Regole, fatti, giudizi, ipotesi ...

La Programmazione Neuro – Linguistica a cui m'ispiro per il presente 3d fa acquisire una maggior sintonia e comprensione reciproca verso l'interlocutore. Per conoscere i riferimenti del suo pensiero e la sua visione del mondo.

Ciascuno percepisce una propria “realtà”, modellato da personali vissuti e suggestioni. Ma sovente è univoca e non si è capaci di distinguere tra regole, fatti, giudizi , supposizioni , generalizzazioni. Con meccanismi inconsci ed automatici, per giudizi indiscutibili e con una mente cristallizzata. Per non parlare a vuoto si dovrebbero usare i Chi, Che cosa, Dove, Come , Quando Quanto? Chiedersi e chiedere: “come puoi sapere che ...? Su cosa ti basi? Perchè supponi che ... ? Come lo sai? Un'unica rappresentazione della realtà e senza verificare se in termini sono condivisi in quanto a significato, ha poco senso. Inoltre la superficialità fa ignorare che l'inconscio è camuffato da parole che sviano dai veri problemi; da sentimenti che vanno espressi qui ed ora.

Il fine è contrastare l'opacità o la banalità dei concetti e la pretesa di catalogare tout court l'altro.

Su qualsiasi argomento, tutti sappiano dire qualcosa ma spesso usando altri “alfabeti” non appropriati. A che vale?

Ci siamo mai chiesti con quali premesse costruiamo il nostro universo di esperienze? Senza tale metacognizione non esiste crescita.
In quanti modi percepiamo il mondo? Sono diventate certezze? Cerchiamo di evitare la casualità, l'estemporaneità, l'inconsapevolezza?
Si accetta solo chi asseconda i nostri copioni, identità rappresentate e deliri? Se interagiamo limitatamente con i nostri sosia mentali il rischio è l'assimilarsi a copie monocromatiche.

Chi mette in crisi riferimenti abituali disorienta ma fa sperimentare nuove valutazioni della realtà. Non basta svalutare un sapere o cercare solo conferme di un'ipotesi per non voler riconoscere la propria insufficienza e convincere di essere nel giusto.

Se voglio sostenere un'ipotesi, vado in cerca non solo di fonti che la confermino , ma soprattutto di quelle che la disconfermano per confronti, o la inseriscono in visioni ,contesti più ampi. Se sono un teorico della razza pura, ovvio che posso trovare fonti che confermano tale dottrina aberrante a tutt'oggi. Si leggano le teorie di Popper, riconosciuto teorico della falsificazione pure scientifica. E si abbiano meno “verità” da difendere. “Fatti” sono pure testimonianze dirette, e non solo libresche o internettiane.

La desertificazione del pensiero sta nello sciupio verbalistico dei fanatismi, Chi rifiuta il vaniloquio collettivo inconcludente a favore di un pensiero libero è ritenuto un pericolo d far rientrare nel gregge. Ma la dipendenza più tossica è quella da un troppo condiviso pensiero irriflesso, per assecondante appartenenza. Senza accorgersene. Ciò che più atterrisce oggi è la densità ideativa a più diramazioni.
arsenio is offline  
Vecchio 14-05-2008, 11.34.31   #2
Noor
Ospite di se stesso
 
L'avatar di Noor
 
Data registrazione: 29-03-2007
Messaggi: 2,064
Riferimento: Regole, fatti, giudizi, ipotesi ...

Citazione:
Originalmente inviato da arsenio
Ci siamo mai chiesti con quali premesse costruiamo il nostro universo di esperienze? Senza tale metacognizione non esiste crescita.
In quanti modi percepiamo il mondo? Sono diventate certezze? Cerchiamo di evitare la casualità, l'estemporaneità, l'inconsapevolezza?
Si accetta solo chi asseconda i nostri copioni, identità rappresentate e deliri? Se interagiamo limitatamente con i nostri sosia mentali il rischio è l'assimilarsi a copie monocromatiche.

Chi mette in crisi riferimenti abituali disorienta ma fa sperimentare nuove valutazioni della realtà. Non basta svalutare un sapere o cercare solo conferme di un'ipotesi per non voler riconoscere la propria insufficienza e convincere di essere nel giusto.
Sono d'accordo con le tue riflessioni..bisognerebbe mettere in dubbio lo stesso "ente" che crea queste domande..e che ormai diamo per scontato...
Io..ego,coscienza o cosa? Ricordi ,pensieri..tutto va negato per contenere e lasciar emergere la "natura originaria" dell'Essere da dove scaturiscono solo "vere Domande" e che forse coincidono con le stesse risposte..
Noor is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it