Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Psicologia
Psicologia - Processi mentali ed esperienze interiori.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Percorsi ed Esperienze
Vecchio 15-09-2014, 18.16.46   #1
Koirè
Ospite
 
L'avatar di Koirè
 
Data registrazione: 26-12-2012
Messaggi: 111
Post Lutto.

Premetto che sò che ognuno affronta il proprio lutto e dolore come può e a modo suo.
Volevo chiedere al Forum,se cè (oltre il tempo) qualcosa che possa aiutare chi perde una persona cara.
Mi rendo conto che ci sono possibili consigli,ognuno diverso...ma vorrei estrapolare da questi ,quelli che x mè,hanno più effetto.
Vorrei anche approfondire come il lutto veniva sentito,nei tempi passati.
Un grazie a tutti quelli che risponderanno.

S,G.
Koirè is offline  
Vecchio 16-09-2014, 14.17.58   #2
altamarea
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-02-2008
Messaggi: 90
Riferimento: Lutto.

Se vuoi avere una risposta mirata per la tua elaborazione mentale del lutto dovresti farci sapere la fonte della tua afflizione: la morte di una persona cara, la rottura del rapporto di coppia e la separazione, la perdita del lavoro, la morte di un animale domestico, sono solo alcuni esempi che necessitano di consigli diversi.
altamarea is offline  
Vecchio 16-09-2014, 19.38.07   #3
Koirè
Ospite
 
L'avatar di Koirè
 
Data registrazione: 26-12-2012
Messaggi: 111
Riferimento: Lutto.

Citazione:
Originalmente inviato da altamarea
Se vuoi avere una risposta mirata per la tua elaborazione mentale del lutto dovresti farci sapere la fonte della tua afflizione: la morte di una persona cara, la rottura del rapporto di coppia e la separazione, la perdita del lavoro, la morte di un animale domestico, sono solo alcuni esempi che necessitano di consigli diversi.
Mi pare di avere scritto di una persona cara,aggiungo del più stretto nucleo famigliare...insomma il mio papà,a solo 64 anni se ne andato x via di uno e più tumori.
Koirè is offline  
Vecchio 17-09-2014, 21.19.33   #4
altamarea
Ospite abituale
 
Data registrazione: 10-02-2008
Messaggi: 90
Riferimento: Lutto.

Penso che ciò che sto per dirti ti deluderà. L’elaborazione del lutto come sai avviene per fasi durante un “percorso” che fa affrontare il dolore e conduce all’accettazione di vivere senza la persona che hai amato.

Come il processo dell'attaccamento richiede i suoi tempi, così quello del distacco; più forte è il legame, più forte è il dolore.

Per molte persone il primo anno è il più difficile. Poi l'afflizione, la depressione diventano più sopportabili. Questa esperienza nella maggior parte dei casi viene superata positivamente.

Hai letto cosa ha scritto in un altro topic il nick Ket che perse entrambi i genitori ? Forse ti possono essere utili le risposte date dai nick Acquario e Gyta.

Citazione:
Koiré: Vorrei anche approfondire come il lutto veniva sentito,nei tempi passati.
Pur nel mutare dei tempi la natura umana non cambia. Le varie espressioni del dolore per la morte di un congiunto le puoi leggere nei testi epigrafici. Ci sono numerosi libri di epigrafia greca e latina con testo a fronte in italiano dedicati in modo specifico e puoi constatare la stessa sofferenza.

Se ti va leggi anche il saggio di Sigmund Freud “Lutto e melanconia” egli distingue tra lutto come reazione alla perdita della persona amata e melanconia come reazione patologica alla perdita stessa.
altamarea is offline  
Vecchio 19-09-2014, 02.59.56   #5
vanina
Nuovo ospite
 
Data registrazione: 22-04-2014
Messaggi: 268
Riferimento: Lutto.

Citazione:
Originalmente inviato da Koirè
Premetto che sò che ognuno affronta il proprio lutto e dolore come può e a modo suo.
Volevo chiedere al Forum,se cè (oltre il tempo) qualcosa che possa aiutare chi perde una persona cara.

Anch'io temo di deluderti, anche se spero il contrario.
Ho vissuto e visto vivere lutti, come tutti.
E non credo più che ci sia UN modo di superarli, semplicemente perchè i lutti sono diversi dentro ciascuno di noi. Mi spiego.

Senza alcun giudizio o moralismo, proprio come semplice constatazione di realtà che non giudicheremo in alcun modo : anche dinanzi allo stesso lutto...ho visto affranto ...tanto chi pensava a quel che con quel lutto aveva perso lui stesso (in termini umani, non altro) quanto chi pensava a quel che con quella morte aveva "perso" (altrettanto in termini umani e non altro) il defunto.

Sono due sofferenze completamente diverse e - ripeto - non abbino ad esse alcun risvolto morale o moralistico (e d'altra parte.... se il ragazzino adolescente risultasse spiazzato dal riferimento che ha perso perdendo il papà o la mamma...e chi mai potrebbe giudicarlo per questo?) .

Però mi permetto di indicare questa differenza di postura, perchè penso che (come sempre) interrogarci sul perchè nel nostro intimo viviamo un sentimento (in questo caso comunque lancinante) ed individuare la NOSTRA postura interiore autentica dinanzi al Problema...possa essere una pietra miliare importante sul percorso , mai facile purtroppo, di superare il NOSTRO Problema.

vanina is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it