Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 07-12-2004, 15.42.12   #11
nonimportachi
Utente bannato
 
Data registrazione: 04-11-2004
Messaggi: 1,010
Citazione:
Messaggio originale inviato da il pensiero
hai mai sentito parlare di ingegneria genetica?

Facciamo l'esempio degli OGM:

Un organismo, ad esempio un seme di pomodoro, viene sottoposto ad un trattamento che ne modifica l'organizzazione del DNA inserendo dei piccoli "errori" in modo caotico ed imprevedibile.

Ecco la genialata: prendo 1000 semi di pomodoro e li sottopongo a questo trattamento, poi li semino e resto a guardare cosa accade:

Una parte sarà irrimediabilmente compromessa è non germinerà. Tra quelli che germinano vi saranno piante compromesso che non possono riprodursi e piante in grado di riprodursi. Tra quelle in grado di riprodursi osservo quali siano le caratteristiche che risultano modificate rispetto alla pianta originale. Magari ne trovo una che risulta più resistente ai climi aridi, una più resistente ai parassiti, una che da frutti più grossi etc tec....

Potrebbe esser una risorsa da cui attingere per ovviare alla sovrappopolazione umana del pianteta, cosa da non sottovalutare ma OT.

Quale tra queste piante sopravviverà? quella che riesce meglio nelle condizioni in cui si trova a vivere. Cosa distingue questa pianta da una pianta evoluta naturalmente? Il codice genetico di una pianta evoluta naturalmente è tale per caso e per selezione naturale. Il codice genetico di una pianta OGM è tale per intervento umano, ma non potrà astenersi dalla selezione naturale.

Un codice genetico "naturale" è generato dal caso e non da un'attenta disamina di come l'universo reagirà nel riceverlo al suo interno. Si tenga presente ciò quando si ha paura degli squilibri potenziali che gli OGM possono causare senza preoccuparsi degli "squilibri" già in atto a causa di organismi tutti naturali.

L'Evoluzione dice solo "vivi e moltiplicati, se ci riesci potrai continuare a farlo". Non entra nel merito di come e perchè, uno scenario per quanto "brutto" possa sembrare, può comunque risultare "vincente"....
nonimportachi is offline  
Vecchio 08-12-2004, 13.42.26   #12
Mistico
Utente bannato
 
Data registrazione: 05-11-2002
Messaggi: 1,879
Citazione:
Messaggio originale inviato da nonimportachi
...Un codice genetico "naturale" è generato dal caso e non da un'attenta disamina di come l'universo reagirà nel riceverlo al suo interno. Si tenga presente ciò quando si ha paura degli squilibri potenziali che gli OGM possono causare senza preoccuparsi degli "squilibri" già in atto a causa di organismi tutti naturali.

L'Evoluzione dice solo "vivi e moltiplicati, se ci riesci potrai continuare a farlo". Non entra nel merito di come e perchè, uno scenario per quanto "brutto" possa sembrare, può comunque risultare "vincente"....
Gli OGM sono tutti evolutivamente perdenti. Ad oggi, gli OGM che escono dau laboratori sono tutti sterili, non sono in grado di riprodursi in modo naturale, lasciati a sè stessi. Sono male informato?
Mistico is offline  
Vecchio 09-12-2004, 19.58.33   #13
il pensiero
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-10-2004
Messaggi: 1,265
Cosa distingue questa pianta (OGM) da una pianta evoluta naturalmente? Il codice genetico di una pianta evoluta naturalmente è tale per caso e per selezione naturale. Il codice genetico di una pianta OGM è tale per intervento umano, ma non potrà astenersi dalla selezione naturale.

Un codice genetico "naturale" è generato dal caso e non da un'attenta disamina di come l'universo reagirà nel riceverlo al suo interno. Si tenga presente ciò quando si ha paura degli squilibri potenziali che gli OGM possono causare senza preoccuparsi degli "squilibri" già in atto a causa di organismi tutti naturali.

L'Evoluzione dice solo "vivi e moltiplicati, se ci riesci potrai continuare a farlo". Non entra nel merito di come e perchè, uno scenario per quanto "brutto" possa sembrare, può comunque risultare "vincente"....


E’ proprio questa Evoluzione che dipende da un “caso ingegnoso” che mi fa riflettere e anche se poi comunque l’OGM rientrerà nel “circolo” e sotto la “protezione” della “selezione naturale”, non avrà più le “caratteristiche” di selezione naturale.

Lo spunto mi è venuto dal solito Jumbo Killer che riflette in questo modo:

Quando l'ingegneria genetica e il computer si incontreranno, che cosa ne sara' di voi? Che razza di esseri umani diverrete? Il vostro cervello verra' alterato. Il vostro comportamento subira' un cambiamento. Potranno rimuovere completamente la paura, potranno togliere di mezzo il dolore, spazzare via tutti i vostri dei. Lo faranno, non vi illudete. Tutto questo non potra' concludersi che con la guerra e la morte. E' quanto sta realmente accadendo nel mondo. L'ingegneria genetica da un lato e il computer dall'altro: quando si metteranno insieme, com'e' inevitabile che avvenga, che ne sara' di voi esseri umani? Il vostro cervello, ora, e' proprio come una macchina. Siete nati in India e dite: "Sono indiano"; siete obbligati a farlo. Siete delle macchine. Vi prego, non sentitevi insultati, non vi sto insultando. Siete delle macchine che ripetono, proprio come fa il computer.

Dall’ultimo discorso di J.K.


... come esseri umani?...c’è di che preoccuparsi?

Voglio dire che ormai non dobbiamo più aver paura del Buco... che pare si stia chiudendo... e della bomba atomica e delle centrali nucleari che sono sicurissime...
,ma è sensato essere attenti a questi geni che intervengono sui geni?

Quale sarà il destino anche degli altri esseri?, i non umani?
il pensiero is offline  
Vecchio 10-12-2004, 11.34.47   #14
nonimportachi
Utente bannato
 
Data registrazione: 04-11-2004
Messaggi: 1,010
x Mistico: Ciò che sollevi è un problema "squisitamente" commerciale. L'induztria che riesce a produrre un OGM "vincente", tipo un Mais che cresce con il 2%di acqua rispetto a quello naturale e fa 10 pannocchie al posto di una, si preoccupa di immettere sul mercato solamente semi che diano origine a piante sterili, ovvero che non producano semi o che producano semi sterili. Così potrà continuare a vendere i sui semi OGM in regime di "monopolio", cosa molto vantaggiosa per il marketing aziendale.....

è triste ma è così....

x Pensiero:
Prima di essere Homo sapiens sapiens, eravamo un primate da cui discendono tutte le odierne scimmie, prima di essere tale primate eravamo un mammifero da cui si sono evolute tutte le specie di mammiferi, prima di essere mammifero, eravamo rettile, prima di essere rettile eravamo pesce e così via fino ad un esserino unicellulare semplice semplice.

Se adesso siamo uomini non siamo certo arrivati in fondo a questo meccanismo. L'evoluzione continuerà e non resteremo uomini comunque vadano le cose. In futuro non avremo più queste sembianze e caratteristiche. L'evoluzione non è una legge modificabile, è espressione dell'inevitabilità.

Chi vive e si moltiplica? chi riesce a farlo. Come possiamo pensare di cambiare questo meccanismo?

Il contesto tecnologico cambierà questo meccanismo? no, non lo cambierà, ciò che potrà cambiare è la natura di ciò in cui ci evolveremo... cosa significa questo? che anzichè evolvere in una specie legata ad una realtà arcaica di cacciatore-raccoglitore, ci evolveremo in una specie legata ad una realtà tecnologica (ammesso e non concesso che l'era teconologica resista per un tempo evolutivamente non trascurabile). Si è liberi di immaginare qualsiasi cosa..... ed altrettanto liberi di schifarsi ai vari scenari ipotizzabili a lungo termine (è cosa direi scontata).

Fatto sta che chi vivrà quegli scenari possibili, non la penserà certamente come noi e con ogni probabilità penserà a noi come a degli esseri ancora primitivi, incapaci di modificare il proprio codice genetico a comando ed in ogni dettaglio, pensa che adattabilità limitata......
nonimportachi is offline  
Vecchio 10-12-2004, 19.02.59   #15
il pensiero
Utente bannato
 
Data registrazione: 15-10-2004
Messaggi: 1,265
Siamo in pericolo?...

Citazione:
Il contesto tecnologico cambierà questo meccanismo? no, non lo cambierà, ciò che potrà cambiare è la natura di ciò in cui ci evolveremo... cosa significa questo? che anzichè evolvere in una specie legata ad una realtà arcaica di cacciatore-raccoglitore, ci evolveremo in una specie legata ad una realtà tecnologica (ammesso e non concesso che l'era teconologica resista per un tempo evolutivamente non trascurabile). Si è liberi di immaginare qualsiasi cosa..... ed altrettanto liberi di schifarsi ai vari scenari ipotizzabili a lungo termine (è cosa direi scontata).

Fatto sta che chi vivrà quegli scenari possibili, non la penserà certamente come noi e con ogni probabilità penserà a noi come a degli esseri ancora primitivi, incapaci di modificare il proprio codice genetico a comando ed in ogni dettaglio, pensa che adattabilità limitata......
...non ho capito a chi hai appiccicato la “adattabilità limitata”... se ai primitivi o agli evoluti.
Mi vien da pensare appunto a questa capacità di “sopravvivere” agli eventi casuali...
se si sta modificando nel senso di rafforzarsi o indebolirsi.

E visto che non hai problemi a pensare su questo argomento ne approfitto ad azzardare un pensiero azzardato...

Pensi che in passato, a causa di questo peccato di superbia nei confronti dell’evoluzione naturale, ci possa essere stata una “moria di tecnologici” legata appunto all’ingegneria genetica?

Ultima modifica di il pensiero : 10-12-2004 alle ore 19.09.22.
il pensiero is offline  
Vecchio 13-12-2004, 16.59.14   #16
nonimportachi
Utente bannato
 
Data registrazione: 04-11-2004
Messaggi: 1,010
Re: Siamo in pericolo?...

Citazione:
Messaggio originale inviato da il pensiero
...non ho capito a chi hai appiccicato la “adattabilità limitata”... se ai primitivi o agli evoluti.

Pensavo ad un ipotetico "evoluto" cui magari è stato modificato il DNA al momento del concepimento per intervenire sui geni responsabili di qualche patologia ereditaria.....

Citazione:
Mi vien da pensare appunto a questa capacità di “sopravvivere” agli eventi casuali...
se si sta modificando nel senso di rafforzarsi o indebolirsi.

E' una domanda che mi faccio spesso anch'io..... e cui non so rispondere... la risposta si vedrà in futuro, se per colpa delle nostre abilità ci estigueremo o s grazie ad ese riusciremo a sopravvivere.....

Citazione:
Pensi che in passato, a causa di questo peccato di superbia nei confronti dell’evoluzione naturale, ci possa essere stata una “moria di tecnologici” legata appunto all’ingegneria genetica?

Non lo so, ma non credo (almeno su questo pianeta), mi sembra piuttosto strano che non si sia rovata ad oggi alcunatracci di un passato tecnologico.
nonimportachi is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it