Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Scienze
Scienze - Ciò che è, e ciò che non è spiegato dalla scienza.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Scienza e Tecnologia
Vecchio 31-05-2006, 08.11.24   #1
Armonuim
Ospite abituale
 
L'avatar di Armonuim
 
Data registrazione: 30-12-2005
Messaggi: 52
Aids, 25 anni dopo la sfida continua

Dal corriere

è sempre la solita storia c'è chi si arrichisce sulle disgrazie altrui.

qualcuno dice che esiste già il vaccino, ma si guadagna di più curare


Dopo un quarto di secolo ci sono i rimedi e il know-how. Ma per debellare la peste del secolo mancano ancora fondi e volontà politica


NEW YORK – Un quarto di secolo dopo la scoperta dell’Aids, il mondo ha finalmente gli strumenti e il know-how per debellare la peste del secolo. Ciò che continua a mancare sono i fondi adeguati e la volontà politica per porre fine al problema. E’ questa la conclusione del decimo Rapporto dell'Unaids, l'Agenzia Onu per la lotta all'Aids, reso noto in occasione del vertice mondiale sull’Aids in programma da mercoledì a venerdì al Palazzo di Vetro di New York.

ANNIVERSARIO - Il 5 giugno 1981, il Centers for Disease Control d’Atlanta (CDC) pubblicò sul Morbidity and Mortality Weekly Report uno studio che per la prima volta identificava l’Aids, descritto come “una nuova malattia che affligge gli uomini gay”. Da allora, recita il rapporto, “la malattia si è propagata a macchia d’olio: da pochi focolai isolati a tutti i paesi del mondo. Uccidendo 25 milioni di persone e contagiandone 65 milioni”. Le nuove statistiche – ottenute con la collaborazione di 126 governi e gruppi umanitari in oltre 30 nazioni – rivelano un problema in crescita. 38,6 milioni di sieropositivi; oltre 2,8 milioni di morti solo nel 2005 e più di 4 milioni nuove diagnosi di malattia rispetto all’anno precedente.

VIRUS FEMMINILE - La malattia non è più solo, o soprattutto, un problema gay. «L'Aids ha oggi il volto di una donna», ha spiegato ai giornalisti il segretario generale dell'Onu Kofi Annan. “17 milioni dei malati sono donne, cioè il 46% del totale”, ha aggiunto, “13 milioni di queste vivono in Africa. La patria di 12 milioni di orfani da Aids”. Ma il trend riguarda anche i paesi occidentali. Tra le donne afro-americane dai 25 ai 34 anni, l'Aids è la principale causa di morte. Di loro, 78 su 100 erano rimaste infette a causa di rapporti eterosessuali non protetti. Per enfatizzare questa nuova realtà al femminile, una donna sieropositiva, la scrittrice americana Mary Fisher, parlerà dal podio all'Assemblea Generale, per la prima volta nella sessagenaria storia dell'Onu.

GAY DI NUOVO A RISCHIO - Dagli Usa all’Europa e dall’Australia al Giappone si torna a guardare con apprensione al sesso a rischio tra omosessuali. In Gran Bretagna il sesso senza precauzioni tra uomini gay è la causa di un terzo dei nuovi casi; in Germania metà delle infezioni sono riconducibili a questi rapporti senza profilattico (contro un terzo nel 2001).

USA PRIVILEGIATI - Anche qui il divario tra paesi ricchi e paesi poveri resta abissale. Oggi 25 milioni di sieropositivi vivono nell'Africa sub-sahariana. In Asia ne troviamo altri 8,3 milioni, oltre due terzi dei quali in India: il Paese con il maggior numero di persone al mondo che hanno contratto il virus dell'Hiv (nel 2005 il primato spettava al Sud Africa). Gli Stati Uniti si distinguono per il basso indice di mortalità: soltanto 30 mila decessi nel 2005 su una cifra record di 1,2 milioni di sieropositivi. “Tutto merito dell'accesso ai farmaci retrovirali che permettono di tenere a bada la progressione della malattia”, spiega il rapporto, secondo cui fortemente penalizzati continuano ad essere “gli immigrati, le minoranze etniche e gli emarginati in generale”. Pur rappresentano soltanto il 12 % della popolazione Usa, gli afro-americani costituiscono ad esempio il 50 % di tutte le nuove diagnosi.

FUTURO - Come risolvere l’emergenza? “Bisogna investire molti più soldi nella cura e nella prevenzione”, replica un portavoce di Unaids, “Abbiamo stanziato 8,9 miliardi di dollari per il 2006, invece dei 15 miliardi che ci servono. E che diventeranno 22 nel 2008; 11,4 miliardi soltanto per i piani di prevenzione..” Tra i trend positivi il rapporto cita i farmaci retrovirali sempre più efficaci, i kit diagnostici a basso costo, maggiore uso di profilattici e sangue da trasfusioni ormai a prova di virus. Oltre allo forzo maggiore all'educazione anti-Aids nelle scuole. Nel 74 % delle scuole elementari e nell'81 % delle medie di ben 58 paesi oggi si parla di Aids, un argomento considerato per decenni tabù.
Alessandra Farkas
30 maggio 2006
Armonuim is offline  
Vecchio 08-07-2006, 22.29.05   #2
odissea
torna catalessi...
 
L'avatar di odissea
 
Data registrazione: 30-08-2005
Messaggi: 899
Non me ne intendo molto, so solo che i farmaci antiretrovirali costano in media dai 500 ai 700 euro a confezione; una confezione suppergiù potrebbe contenere un mese e mezzo di trattamento. Si prendono anche due tipi di antiretrovirali alla volta, per cui pagarli significherebbe spendere quanto e più di un affitto, o un mutuo.
So che alcune persone, in fascia economica svantaggiata, non li pagano....ma non so se vale per tutti, mi piacerebbe sapere se effettivamente, chi non appartiene ai "mutuati di fascia rossa", debba pagare tali cifre per intero.....spero di no.
Non so come sia la situazione negli Stati Uniti, visto il sistema sanitario diverso e privatizzato, mi chiedo come fa un povero disgraziato a comprare farmaci così costosi.

In oltre mi chiedo se i prezzi così elevati degli antiretrovirai, siano giustificati: ci mettono dentro l'oro? Perchè costano così tanto?
odissea is offline  
Vecchio 09-07-2006, 00.53.42   #3
Armonuim
Ospite abituale
 
L'avatar di Armonuim
 
Data registrazione: 30-12-2005
Messaggi: 52
tempo fa venne sollevato un polverone perchè alcuni paesi africani compravano farmaci per l'aids fatti in cina e che quindi nn pagavano le royalty e costavano un decimo o anche molto meno non ricordo) di quelle ufficiali.
se consideri che quei prodotti erano uguali a quelli ufficiali e che chi li vendeva ci guadagnava bene lo stesso capisci che tipo di sciacalli ci sono in giro
Armonuim is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it