Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 26-12-2006, 16.00.04   #1
salvatoreR
Ospite abituale
 
Data registrazione: 16-10-2005
Messaggi: 351
Il Mio Cammino Spirituale

Ero molto giovane quando ho cominciato ad interessarmi allo studio delle varie religioni e scienze occulte. Il rischio che si corre quando si è un ricercatore spirituale è quello di impigliarsi nelle maglie delle varie credenze e filosofie, accettandone subito la Verità e fossilizzandosi in un sistema di pensiero univoco senza lasciare aperta una porta alla ricerca.
Credo che esista una Verità Universale sopra tutte le religioni e filosofie, ma tra queste ci sarà sempre quella che noi riteniamo la più completa e più affine al nostro modo di sentire.

E ovvio che qui non desidero farvi un riassunto della mia vita spirituale, ma posso affermare con certezza la scoperta di due VERITA' fondamentali:
l'Energia Cosmica e l'Amore Universale. Sono i due elementi che ci permettono in meditazione di accedere a percezioni inconsuete. Ci viene chiesto di essere "inappuntabili": di aiutare i più deboli, di amare il prossimo, di condividere la gioia, la sofferenza e il dolore (fare pulizia interiore).

E tutto questo per noi mortali è molto difficile, ma necessario per pervenire alle Conoscenze Superiore. Quando si entra in contatto con l'Energia Infinita, ci si sente nel cuore una grande apertura verso la vita, verso il mondo, verso tutto ciò che esiste. Non esiste il mondo ma la percezione del mondo. Percepire l'incommensurabile, non in qualità di persona ma come un'intelligenza infinita.
Occorre Energia e Amore per fare qualunque cosa.

Il nostro compito è togliere un velo dopo l'altro, per fare risplendere la Luce Interiore dello spirito.
Ognuno fa del suo meglio in base al proprio livello individuale di consapevolezza e ogni fase di crescita interiore rappresenta una conquista difficile e onerosa.
Siamo Qui per crescere ed evolvere.

Vedere con il cuore è Amore....

PS: Sarebbe bello che ognuno di noi, se lo desidera, raccontarsi come ha iniziato il cammino Spirituale, per capire che le vie sono tante, ma la meta è sola una.
Un abbraccio a tutti.
Salvatore R.


"La verità era uno specchio che cadendo dal cielo si ruppe. Ciascuno ne
prese un pezzo e vedendo riflessa in esso la propria immagine, credette di
possedere l'intera verità." (Mevlana Rumi, Sec. XVI)

salvatoreR is offline  
Vecchio 26-12-2006, 20.44.29   #2
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Riferimento: Il Mio Cammino Spirituale

Citazione:
Originalmente inviato da salvatoreR
(Mevlana Rumi, Sec. XVI)


Sono stato a Konya tempo fa e mi hanno detto che Mevlânâ Celâleddin Mehmed Rumi è vissuto nel XIII secolo d.C. ...
Elijah is offline  
Vecchio 26-12-2006, 23.33.36   #3
webmaster
Ivo Nardi
 
L'avatar di webmaster
 
Data registrazione: 10-01-2002
Messaggi: 957
Riferimento: Il Mio Cammino Spirituale

Citazione:
Originalmente inviato da Elijah

Sono stato a Konya tempo fa e mi hanno detto che Mevlânâ Celâleddin Mehmed Rumi è vissuto nel XIII secolo d.C. ...
Dall'enciclopedia del sito Mevlâna Celaleddin-i Rumî e I'Ordine Mevlevi
Dopo questo OT vi invito a restare in tema, grazie
webmaster is offline  
Vecchio 27-12-2006, 11.07.20   #4
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Il Mio Cammino Spirituale

Io invece ero già.. vecchia.. 35enne
dapprima camminai sulle strade mondane al meglio del mercato.. calpestando dapprima la politica giovanile, poi il lavoro..moda... la ricerca di posizione sociale degna di una donna all'avanguardia...
poi l'amore.. quello che uccide, quello spinto dalla massima illusione ti fa rinunciare a tutto..
poi figli.. famiglia.. la ricerca del nucleo perfetto, modello sunshine family..
poi.. il vuoto improvviso.. la sofferenza di sempre che avanza prepotente..

Quando non coincide più l'immagine che hai di te
Con quello che realmente sei
E cominci a detestare i processi meccanici e i tuoi comportamenti
E poi le pene che sorpassano la gioia di vivere
Coi dispiaceri che ci porta l’esistente
Ti viene voglia di cercare spazi sconosciuti
Per allenare la tua mente a nuovi stati di coscienza...
(Battiato)

così accadde..
così fui scaraventata, grazie ad un libro di Osho che neanche sapevo di avere più in casa a cercare qualcosa..
ed iniziai a meditare... .. Osservare..
il passo fu breve e decisivo..
atisha is offline  
Vecchio 27-12-2006, 12.06.32   #5
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Il Mio Cammino Spirituale

Buon giorno e salve!
Per primo BUONE FESTE!in ritardo Avevo postato ieri un contributo al 3d dell'amico che non so perchè non è apparso ; quanto scritto da alvatore e da Ati è bello ma se mi dovessi chiedere come è iniziato il cammino spirituale direi......boh!! è sempre stato, gli accadimenti storici, quelli, fanno parte della vacuità claudio
fallible is offline  
Vecchio 27-12-2006, 13.27.16   #6
atisha
Ospite pianeta Terra
 
L'avatar di atisha
 
Data registrazione: 17-03-2003
Messaggi: 3,020
Riferimento: Il Mio Cammino Spirituale

Citazione:
Originalmente inviato da fallible
Buon giorno e salve!
Per primo BUONE FESTE!in ritardo Avevo postato ieri un contributo al 3d dell'amico che non so perchè non è apparso ; quanto scritto da alvatore e da Ati è bello ma se mi dovessi chiedere come è iniziato il cammino spirituale direi......boh!! è sempre stato, gli accadimenti storici, quelli, fanno parte della vacuità claudio

certamente..
certamente è così.. poi (dopo), è possibile ammirare il "quello che fu", il quello che è sempre stato.. e che così doveva essere..
ma, relazionandoci su di un movimento duale, orizzontale, cioè, come direbbe Ken Wilber, di traslazione.. ecco che il racconto ci assale...



ps.. Buone Feste...
atisha is offline  
Vecchio 27-12-2006, 15.03.57   #7
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Riferimento: Il Mio Cammino Spirituale

Citazione:
Originalmente inviato da atisha
ma, relazionandoci su di un movimento duale, orizzontale, cioè, come direbbe Ken Wilber, di traslazione.. ecco che il racconto ci assale...


Azz come sei diventata intellettuale!
Vedo che lo hai letto
In un contesto di lavoro serio di trasformazione...quel passato...assume una certa rilevanza e va dissepolto, trattato e trasformato.....il Vuoto o Spazio che si crea con il Silenzio naturale, fa emergere quei contenuti (quelle foto che ti ho inviato degli affreschi del tempio segreto del V Dalai Lama) . Il fatto e' che quest'ultimo metodo, non e' di cosi semplice applicazione e a volte, ossia sempre stando a quello 0,00000001 per cento, servono dei metodi, delle tecniche....di trasformazione. I piu', comunque, preferiscono far finta di niente.
Yam is offline  
Vecchio 27-12-2006, 17.39.16   #8
Wuaw
Ospite abituale
 
L'avatar di Wuaw
 
Data registrazione: 01-01-2005
Messaggi: 83
Riferimento: Il Mio Cammino Spirituale

Accolgo l'invito di SalvatoreR.
Sono stato educato nella religione cattolica, senza eccessi, con una certa apertura.
Da giovane (liceo) con lo studio della filosofia mi posi i primi problemi.
Poi fui preso dalle normali vicissitudini della vita che Atisha esemplifica benessimo.
Ho però sempre notato che la maggior parte delle persone passa da un indottrinamento iniziale, con una religiosità più o meno accesa, ad una lunga fase adulta di tepore religioso, quando non di assoluto menefreghismo, per poi, quando la parabola della vita punta decisamente verso il basso riscoprire una religione infantile o .... rimanere disperati o comunque perplessi e confusi.
Mi riproposi di avere un orientamento di fondo sui principale problemi della vita cercandoli ovviamente in quello che già possedevo.
Mi accorsi però che il vestito era sempre quello della prima comunione e che nessuno mi dava un convincente aiuto per allargarlo.
Cominciai quindi ad allargarlo da me, a confrontarlo con altri vestiti, di altri Sarti, forse per starci più comodo (spero non solo per questo).
Oggi mi trovo molto vicino a quello che dice SalvatoreR, ma sono certo che se entriamo in dettaglio troveremo tantissime differenze. Ma mi vanno benissimo, ognuno ha la sua strada e tutte portano in cima.
Verso la mia prima religione ho un grandissimo affetto, sopratutto nei riguardi del suo Fondatore. Considero la sua idea di Dio un'ottimo punto di partenza.
Non accetto le crociate, nè la Santa Inquisizione, nè i tentativi mai abbandonati di imporne parti consistenti con leggi dello stato.
Non ho niente contro il crocifisso nelle scuole (italiane), nè i canti di natale, nè gli auguri in nome di quella celebrazione.
Considero tutte le religioni dei percorsi, legati a fatti storici, culturali, sociali, parti di un'unica Religione, maglie di un'unica rete.
Sono grato al buddhismo per i suoi metodi, per le tecniche che insegna, per la grande luce che sparge sulle sue strade.
Apprezzo la spontaneità dello Zen, la sua ricerca diretta, non mediata.
Il Tao, quello che non può essere espresso, mi sembra la migliore "espressione" di Dio, Assoluto, Essere, Tao appunto.
Insomma ho una gran confusione in testa ma mi va benissimo così.
Un abbraccio
Wuaw is offline  
Vecchio 27-12-2006, 19.41.57   #9
fallible
Ospite abituale
 
Data registrazione: 27-10-2004
Messaggi: 1,774
Riferimento: Il Mio Cammino Spirituale

Salve! ecco che il racconto ci assale... .......era il 1952 che tornai ad essere manifesto, insieme ad un altro (mio fratello), infanzia normale con le solite guerre fratricide e sorellicide.......poi venne il 68, figli dei fiori, lotta di classe e il bisogno di con-dividere esperienze , gioie e dolori;incapacità vera di con-dividere...... discesa a precipizio nel dolore assoluto ,droga e alcolismo, negazione del più elementare senso di rispetto del "essere vivo" e poi.........il racconto continua
fallible is offline  
Vecchio 27-12-2006, 20.32.05   #10
paperapersa
Ospite abituale
 
L'avatar di paperapersa
 
Data registrazione: 05-05-2004
Messaggi: 2,012
Riferimento: Il Mio Cammino Spirituale

Citazione:
Originalmente inviato da Wuaw
Accolgo l'invito di SalvatoreR.
Sono stato educato nella religione cattolica, senza eccessi, con una certa apertura.
Da giovane (liceo) con lo studio della filosofia mi posi i primi problemi.
Poi fui preso dalle normali vicissitudini della vita che Atisha esemplifica benessimo.
Ho però sempre notato che la maggior parte delle persone passa da un indottrinamento iniziale, con una religiosità più o meno accesa, ad una lunga fase adulta di tepore religioso, quando non di assoluto menefreghismo, per poi, quando la parabola della vita punta decisamente verso il basso riscoprire una religione infantile o .... rimanere disperati o comunque perplessi e confusi.
Mi riproposi di avere un orientamento di fondo sui principale problemi della vita cercandoli ovviamente in quello che già possedevo.
Mi accorsi però che il vestito era sempre quello della prima comunione e che nessuno mi dava un convincente aiuto per allargarlo.
Cominciai quindi ad allargarlo da me, a confrontarlo con altri vestiti, di altri Sarti, forse per starci più comodo (spero non solo per questo).
Oggi mi trovo molto vicino a quello che dice SalvatoreR, ma sono certo che se entriamo in dettaglio troveremo tantissime differenze. Ma mi vanno benissimo, ognuno ha la sua strada e tutte portano in cima.
Verso la mia prima religione ho un grandissimo affetto, sopratutto nei riguardi del suo Fondatore. Considero la sua idea di Dio un'ottimo punto di partenza.
Non accetto le crociate, nè la Santa Inquisizione, nè i tentativi mai abbandonati di imporne parti consistenti con leggi dello stato.
Non ho niente contro il crocifisso nelle scuole (italiane), nè i canti di natale, nè gli auguri in nome di quella celebrazione.
Considero tutte le religioni dei percorsi, legati a fatti storici, culturali, sociali, parti di un'unica Religione, maglie di un'unica rete.
Sono grato al buddhismo per i suoi metodi, per le tecniche che insegna, per la grande luce che sparge sulle sue strade.
Apprezzo la spontaneità dello Zen, la sua ricerca diretta, non mediata.
Il Tao, quello che non può essere espresso, mi sembra la migliore "espressione" di Dio, Assoluto, Essere, Tao appunto.
Insomma ho una gran confusione in testa ma mi va benissimo così.
Un abbraccio

Sei in pieno "relativismo" come direbbe Benedetto XVI°
paperapersa is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it