Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 29-11-2003, 14.27.44   #1
viandanteinattuale
Ospite abituale
 
L'avatar di viandanteinattuale
 
Data registrazione: 15-07-2003
Messaggi: 131
addio Don Franco...

Tu eri sacerdote
santo e regale.
Al di sopra di te il Signore Dio
poichè tu per comando
del primo sacerdote Gesù Cristo
eri stato investito del potere
di far discendere nelle tue mani
lo stesso Cristo.
Tu offrivi la vittima in sacrificio di adorazione,
di ringraziamento
e di riparazione
al Padre che sta nei cieli.
Come Cristo eri spoglio
di tutto per darti ai poveri.
Tu cambiavi l'ora della luce,
il dolore spasimante
in amore ardente,
l'orgoglio sfrenato
in umiltà profonda.
Tu facevi biondeggiare di spighe dorate
o di frutti profumati
anche le pietre.
Tu hai offerto a Dio
l'omaggio della vita tua
e di quella degli altri
in un vincolo stretto d'amore
per formare un unico concerto
che si eleva al Signore.
spero che la Madonna (che amavi tanto) ti abbia già accolto nelle sue braccia!
mi hai insegnato ad amare Cristo e questo è il dono più grande!
ciao franco...certamente ti rivedrò
un giorno!
quando sarà
continueremo a "filosofeggiare" (avevi una conoscenza enciclopedica!),
a parlare di Nietzsche (che amavi tanto)
e del "sorriso" di Dio.
mi mancherai moltissimo...
samuele.
viandanteinattuale is offline  
Vecchio 30-11-2003, 02.08.20   #2
Dunadan
Ospite abituale
 
L'avatar di Dunadan
 
Data registrazione: 19-11-2003
Messaggi: 978
Ci racconti poeticamente di tante qualità, che però a causa della poesia, della troppa "ultraterrenità", io credo che facciano perdere valore al personaggio.
"Santo, regale, investito del potere di far discendere nelle tue mani lo stesso Cristo.Colui che offre la vittima in sacrificio di adorazione,di ringraziamento e di riparazione."
E' una qualità che puoi dire di tutti gli uomini di fede.

"""""Tu cambiavi l'ora della luce,
Tu facevi biondeggiare di spighe dorate
o di frutti profumati
anche le pietre.""""""""""

Qui sei troppo poetico, troppo fuori dalla realtà.

Eri spoglio di tutto per darti ai poveri.
A parlare di Nietzsche (che amavi tanto)
e del "sorriso" di Dio.

Qui ci parli invece finalmente di lui, un po' della sua immagine, della sua vera essenza.

Parlaci di lui, di chi era veramente, dei discorsi filosofici che ti faceva. Non generalizzarlo nel mondo "AD OBBLIGO POETICO" della poesia.

Per la poesia, ti consiglio uno stile più realistico, uno stile dove ogni parola ha grande valore per descrivere la persona che descrivi. Senno diventa una delle tante poesie, mielosa, fuori dalla realtà, CATTURI MENO L'ATTENZIONE, è una delle tante.

Forse parlando così ti sto ferendo, penso alla poesia mentre te pensi al tuo amico perso. Forse sono fuori luogo.
Raccontaci di lui, di chi era veramente.
LUI, e non il tipo di poesia adatta a descrivere tutti gli uomini buoni, raccontaci di LUI.

Scrivi per lui una poesia terrena. Dedicata solo a lui. Forse non avrebbe accettato frasi come "discendere dalle sue mani il Cristo".

Mi interessa soprattutto cosa ne pensava di Nietzsche e della filosofia. Della morale.
Dunadan is offline  
Vecchio 30-11-2003, 14.54.24   #3
viandanteinattuale
Ospite abituale
 
L'avatar di viandanteinattuale
 
Data registrazione: 15-07-2003
Messaggi: 131
non merita..

alcuna risposta il tuo scritto. preferisco finirla qui...senza neppure cominciarla!
"è difficile spiegare, è difficile capire se non hai capito già".
viandanteinattuale is offline  
Vecchio 30-11-2003, 16.15.12   #4
Dunadan
Ospite abituale
 
L'avatar di Dunadan
 
Data registrazione: 19-11-2003
Messaggi: 978
Ho detto queste frasi apposta...

Forse parlando così ti sto ferendo, penso alla poesia mentre te pensi al tuo amico perso. Forse sono fuori luogo.

...quindi ho capito... e ti ho consigliato,
ma forse è meglio parlar d'angioletti.
Dunadan is offline  
Vecchio 30-11-2003, 17.16.03   #5
Dariel
Ospite abituale
 
L'avatar di Dariel
 
Data registrazione: 07-11-2003
Messaggi: 65
Di fronte ad una persona morta non credo sia giusto fare del sarcasmo,parlando di angioletti.
Dariel is offline  
Vecchio 30-11-2003, 19.53.42   #6
Dunadan
Ospite abituale
 
L'avatar di Dunadan
 
Data registrazione: 19-11-2003
Messaggi: 978
Scusatemi, ma pensavo che se Viandante portava la morte del suo amico nel forum lo facesse per avere delle risposte d'opinione.

Se non ci vuole parlare del suo amico poteva tenerselo per se il suo sentimento, nel suo cuore.
Scrivi una poesia, non vuoi parlare della poesia, non vuoi parlare del soggetto. Allora non scrivere.

Che tipo di messaggio è ? Un Thread a un solo messaggio? la poesia, poi silenzio. Chi risponde è un idiota. Ma il forum è luogo di interazione, discussione.
Oppure alla fine del messaggio bisogna specificare che è un messaggio singolo, da non accostare ad altri di risposta.

Io gli chiedo di parlarci di lui, se non vuole parlarci di lui, di una persona che stima, poteva anche non portarcelo.
Dunadan is offline  
Vecchio 01-12-2003, 11.54.17   #7
Naima
Ospite abituale
 
L'avatar di Naima
 
Data registrazione: 06-10-2003
Messaggi: 672
Il mio parere è che se volevi che ti parlasse del suo amico potevi soltanto chiederglielo semplicemente, senza analizzare la sua dedica frase per frase con fare polemico. Se poi non era tua intenzione fargli la punta anche su questo, scusaci ma sei stato da tutti interpretato male... forse non ti sei espresso bene.
Naima is offline  
Vecchio 01-12-2003, 12.02.02   #8
Naima
Ospite abituale
 
L'avatar di Naima
 
Data registrazione: 06-10-2003
Messaggi: 672
Dimenticavo: perchè poteva tenersi il suo sentimento nel cuore invece di esprimerlo? Sei talmente impegnato a inquadrare tutto e a piantare paletti e cartelli che non provi nemmeno più la commozione? Un conto è essere atei e seguire solo le affermazioni della scienza e un altra cosa sono il cinismo e l'insensibilità.....
Naima is offline  
Vecchio 01-12-2003, 18.44.04   #9
Dunadan
Ospite abituale
 
L'avatar di Dunadan
 
Data registrazione: 19-11-2003
Messaggi: 978
L'emozione vera si tiene nel cuore. Se la porti qua in forma di poesia...hai fatto già altri passi in altre direzioni...

Se io portassi le mie emozioni riguardanti i miei parenti (morti ancora giovani) qui, vorrebbe dire che voglio parlar di loro e in più mostro che ho praticità con le poesie.

Lui vuole parlarci del suo amico? Io vorrei che lo facesse. Sul serio. Sono aperto a sentir parlare di persone di qualità.

Ho sicuramente sbagliato a prendere in esame la poesia frase per frase...dovete scusare il mio slancio vitale verso ciò che è terreno, volevo coinvolgere Viandante in questo, ma avevo dimenticato che la gente è radicata nei suoi modi di pensare e che in un momento di debolezza emotiva lui avesse bisogno della fede.

Scusami Viandante
Dunadan is offline  
Vecchio 02-12-2003, 08.48.23   #10
Naima
Ospite abituale
 
L'avatar di Naima
 
Data registrazione: 06-10-2003
Messaggi: 672
Questo però è sempre il tuo parere.... l'ultima frase mi ha colpito, l'avere bisogno della fede in un momento di debolezza, come se dessi per scontato che lui in altri momenti non ne ha bisogno. Chi ti dice che guardando un tramonto mozzafiato abracciato alla donna che ama non ringrazi Dio, o che non pensi a Dio il giorno in cui per la prima volta prende in braccio suo figlio? Ma in tanti altri momenti belli della vita! Ma soprattutto chi ha detto che le emozioni vere vanno tenute nel cuore?? Io penso esattamente il contrario: TUTTE le emozioni dovrebbero essere espresse, il più spesso possibile... trattenerle solo quando è strettamente necessario. Sono convinta che ci ammaleremmo molto meno! Sai a che stress è sottoposto il corpo ogni volta che trattieni un'emozione? Prova a pensarci. Psicosomatica insegna.
Naima is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it