Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 28-12-2003, 13.31.40   #1
Dunadan
Ospite abituale
 
L'avatar di Dunadan
 
Data registrazione: 19-11-2003
Messaggi: 978
terremoto in Iran

Terremoto in Iran.
per il momento si parla di 20 mila morti, ma si dice anche che il numero potrebbe raddoppiare, 40 000?

40 000 peccatori? 40 000 infedeli? 40 000 tiranni?

Forse infedeli, ma non tiranni.
Non si può dire nemmeno che avevano colonizzato una zona non loro oppure una zona non designata da Dio. Quelli sono i luoghi dove è partita la civiltà nostra.

Che nessuno mi venga a parlare di Dio.
Dunadan is offline  
Vecchio 28-12-2003, 13.58.11   #2
Dragonfly
Utente bannato
 
Data registrazione: 22-12-2003
Messaggi: 104
caro amico, attento ad essere così compassionevole.
Vorrei citarti una frase di un nostro illuminato dorato maestro che vaga come diafana figura tra un post e l'altro:
"Amici!! eccovi al dunque!...le cose più belle da leggere sono le carezze al cuore, la condivisione e la compassione...vie che portano al risveglio secondo Voi? NO! Vie che portano a cullare il sonno.... a coccolare l'Io disturbato!"

Attento, Dunadan.....stai dormendo. Svegliati.
Dragonfly is offline  
Vecchio 28-12-2003, 15.20.09   #3
Golden
iscrizione annullata
 
Data registrazione: 28-11-2003
Messaggi: 457
Re: terremoto in Iran

Citazione:
Messaggio originale inviato da Dunadan
Terremoto in Iran.
per il momento si parla di 20 mila morti, ma si dice anche che il numero potrebbe raddoppiare, 40 000?

40 000 peccatori? 40 000 infedeli? 40 000 tiranni?

Forse infedeli, ma non tiranni.
Non si può dire nemmeno che avevano colonizzato una zona non loro oppure una zona non designata da Dio. Quelli sono i luoghi dove è partita la civiltà nostra.

Che nessuno mi venga a parlare di Dio.

Perchè nessuno dovrebbe parlare di Dio...quando e Dio stesso che aziona se stesso?
Questo è arrendersi "alla sua volontà" che in sostanza è la nostra, ne siamo parte integrante!
Affinchè agiremo credendoci responsabili delle nostre azioni, regnerà sofferenza, disagio e rabbia all'interno di queste tragedie umane, ma andando avanti e stabilizzandoci sempre più all'interno della Coscienza, capiremo di essere al di là del bene e del male, al di là del sonno profondo e veglia ed allora non potremo fare altro che accettare anche queste sconvolgenti tragedie che ci fanno detestare la presenza di un dio.
Non è un concetto filosofico e tantomeno non dico che non si soffra più, ma non saremo più identificati con la sofferenza stessa. Ti assicuro che la cosa cambia totalmente.
Comprendo la tua sofferenza...
Golden is offline  
Vecchio 28-12-2003, 15.28.53   #4
Moonlit knight
Ospite abituale
 
L'avatar di Moonlit knight
 
Data registrazione: 13-11-2003
Messaggi: 49
Re: Re: terremoto in Iran

Citazione:
Messaggio originale inviato da Golden
Questo è arrendersi "alla sua volontà" che in sostanza è la nostra, ne siamo parte integrante!




Moonlit knight is offline  
Vecchio 28-12-2003, 20.05.03   #5
Dunadan
Ospite abituale
 
L'avatar di Dunadan
 
Data registrazione: 19-11-2003
Messaggi: 978
Citazione:
caro amico, attento ad essere così compassionevole.
Vorrei citarti una frase di un nostro illuminato dorato maestro che vaga come diafana figura tra un post e l'altro:
"Amici!! eccovi al dunque!...le cose più belle da leggere sono le carezze al cuore, la condivisione e la compassione...vie che portano al risveglio secondo Voi? NO! Vie che portano a cullare il sonno.... a coccolare l'Io disturbato!"

Attento, Dunadan.....stai dormendo. Svegliati.

io starò dormendo, ma sto cercando di svegliarmi, E ALMENO NON STO SOGNANDO !!!!!!!!!


Perchè quel terremoto con quei morti?
Dio, dimmi perchè. perchè un mondo tanto pericoloso?
Solo silenzio.

Solo parole che parlano di cuori e di anime.

Nessuno saprà rispondermi, nessuno saprà spiegarmi perchè Dio ha creato un mondo così pericoloso. e perchè non ha miracolato quei poveretti, perchè non ha salvato almeno i bambini.

Non riesco a togliermi dalla mente le urla delle mogli in mezzo alle macerie, gridano perchè hanno perso il marito, i figli, immaginatevi senza famiglia da un giorno all'altro...

non parlatemi di Dio.
Dunadan is offline  
Vecchio 28-12-2003, 20.43.56   #6
Bavani
Ospite
 
Data registrazione: 23-09-2003
Messaggi: 25
Mi rendo perfettamente conto di quanto doloroso e traumatizzante è assistere impotenti ad una tragedia umana di così grossa portata, ma perchè continuare a prendersela con Dio? Io credo che nonostante siamo nelle mani Dio, abbiamo le nostre belle responsabilità riguardo a tutto ciò che sta accadendo. Stiamo dimenticando la nostra origine divina, i valori, la legge eterna d'amore e fratellanza. I pensieri d'amore e di altruismo vengono sostituiti dal più bieco odio ed egoismo. E per che cosa? Per un centinaio di anni da vivere su questo pianeta? Cari amici, quello che oggi stiamo assistendo è il risultato dei nostri pensieri e delle nostre azioni. E noi tutti ne siamo responsabili. Iniziamo a coltivare all'interno di noi i cari vecchi buoni valori di un tempo e mettiamoli davvero in pratica, iniziamo ad esprimere più pensieri costruttivi e positivi, perchè siamo forti e vogliamo il meglio e non solo per noi! Certo che per il momento ci sembrerà tutto inutile e sostanzialmente avremo la sensazione che nulla cambiarà, ma io sono certa che qualcosa cambierà proprio qui, nei nostri cuori e che sicuramente sarà di aiuto a chi verrà dopo di noi. Diamo più valore alle nostre piccole vite: chissà, magari queste catastrofi arrivano per farci capire quanto sia importante vivere minuto per minuto le nostre vite con più amore, gioia, gratitudine ed umiltà.
Jay Prema Shanti!
Bavani
Bavani is offline  
Vecchio 28-12-2003, 21.02.03   #7
Dunadan
Ospite abituale
 
L'avatar di Dunadan
 
Data registrazione: 19-11-2003
Messaggi: 978
Citazione:
Mi rendo perfettamente conto di quanto doloroso e traumatizzante è assistere impotenti ad una tragedia umana di così grossa portata ma perchè continuare a prendersela con Dio?

Perchè un mondo coi terremoti non l'ho creato io.

Citazione:
Io credo che nonostante siamo nelle mani Dio, abbiamo le nostre belle responsabilità riguardo a tutto ciò che sta accadendo. Stiamo dimenticando la nostra origine divina, i valori, la legge eterna d'amore e fratellanza. I pensieri d'amore e di altruismo vengono sostituiti dal più bieco odio ed egoismo. E per che cosa? Per un centinaio di anni da vivere su questo pianeta? Cari amici, quello che oggi stiamo assistendo è il risultato dei nostri pensieri e delle nostre azioni. E noi tutti ne siamo responsabili.

Ma non uscire dal tema, non sviare, qua si è di fronte a un terremoto:
-non abbiamo responsabilità se avviene un terremoto
-non è un problema di aver dimenticato l'origine divina
-non è un problema di aver dimenticato i valori, la legge eterna d'amore e fratellanza.
-non è un problema di odio.
-non è un problema di egoismo.
-non è il risultato nei nostri pensieri.
-non è il risultato delle nostre azioni.
-non ne siamo responsabili.

Sembra un discorso che hai scritto CHE PUOI USARE IN OGNI SITUAZIONE DELLA VITA OGNI VOLTA CHE C'è UN PROBLEMA.
DARE LA COLPA A NOI, MALEDETTI.

((((((((((((Da quando vi sono uomini , l' uomo ha gioito troppo poco : solo questo , fratelli , é il nostro peccato originale ! ( Nietzsche , Così parlò Zarathustra )))))))))))))

Citazione:

Iniziamo a coltivare all'interno di noi i cari vecchi buoni valori di un tempo e mettiamoli davvero in pratica,
iniziamo ad esprimere più pensieri costruttivi e positivi, perchè siamo forti e vogliamo il meglio e non solo per noi!


E i terremoti finiranno !!!!!!!!

Citazione:

Certo che per il momento ci sembrerà tutto inutile e sostanzialmente avremo la sensazione che nulla cambiarà, ma io sono certa che qualcosa cambierà proprio qui, nei nostri cuori e che sicuramente sarà di aiuto a chi verrà dopo di noi.


il problema sta proprio nel cuore.si

Citazione:

Diamo più valore alle nostre piccole vite: chissà, magari queste catastrofi arrivano per farci capire quanto sia importante vivere minuto per minuto le nostre vite con più amore, gioia, gratitudine ed umiltà.

Si, quei musulmani inutili saranno proprio d'aiuto per noi bei FIGHINI, quell'aiuto che proprio a noi serve, e non a loro.


noi noi noi , origine divina divina divina, noi noi noi, nostri cuori cuori cuori, nostri nostri nostri, salviamoci l'anima nostra nostra nostra. e avremo l'eternità eternità eternità nostra nostra nostra noi noi noi.

Ma non stavamo parlando di un terremoto con migliaia di poveracci morti???????

Ultima modifica di Dunadan : 28-12-2003 alle ore 21.07.36.
Dunadan is offline  
Vecchio 28-12-2003, 22.10.44   #8
sarpina
luna e terra
 
L'avatar di sarpina
 
Data registrazione: 22-11-2003
Messaggi: 148
Sembri Voltaire dopo il terremoto di Lisbona...non ho spiegazione razionale per la tua domanda, quindi qualsiasi cosa io dica non ti servirà a niente...però forse Voltaire stesso può darti un tentativo di risposta...ma vista la tua totale sfiducia credo che sarebbe solo un tentativo...e probabilmente non ti convincerebbe...pero'...almeno stavolta la Bibbia e la Chiesa non c'entrano...
sarpina is offline  
Vecchio 28-12-2003, 23.21.29   #9
Attilio
Ospite abituale
 
L'avatar di Attilio
 
Data registrazione: 07-08-2002
Messaggi: 375
Fondamentalmente sono 20.000 uomini, che hanno condiviso il nostro destino di esseri mortali.
Solamente l'hanno fatto in un contesto molto tragico e carico di emotività collettiva.

Uomini che nascono e uomini che muoiono. Ogni uomo che muore è degno di essere ricordato con affetto e dolore: Sia che muoia in un terremoto insieme ad altri 19999 uomini, sia che muoia nel letto di casa sua (solo, od anche in compagnia di chi non può avvertire la sua morte...) sia che abbia 48 anni oppure 5 anni.

Quando accadono queste cose ci lasciamo prendere da un giusto dolore, che sempre deve accompagnare questi momenti.
Ma dobbiamo stare attenti a non confonderlo con l'inutile isteria di gruppo che sempre accompagna le tragedie, dove spesso il dolore e la partecipazione vengono annullati da inutili invettive a Dio/destino/natura etc.

Discutendo non si risolve molto, credo che solo stando sul campo a prestare soccorso ci si renda veramente conto di quello che veramente vale. Ci accorgeremmo di come queste invettive siano inutili e senza senso.

L'ultima cosa da fare in questi momenti è parlare di Dio: bisogna parlare degli uomini, aiutare gli uomini, stare vicini agli uomini. Perchè sono gli uomini coinvolti in questa targedia, non Dio.
Attilio is offline  
Vecchio 29-12-2003, 00.21.50   #10
Dunadan
Ospite abituale
 
L'avatar di Dunadan
 
Data registrazione: 19-11-2003
Messaggi: 978
giusto
Dunadan is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it