Forum di Riflessioni.it
ATTENZIONE Forum in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 05-01-2004, 00.22.01   #1
Kninos
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-04-2003
Messaggi: 117
Angelicus

Gli Angeli
Alla domanda-

>Una volta preso atto della posizione assoluta di dio, come giustifichiamo l'esistenza di angeli, santi, anime nel limbo, ecc.

Risponde Giovanni Salmeri - docente di filosofia presso l'Università di Roma "Tor Vergata" - sito http://www.mondodomani.org/pers/salmeri/

>La domanda è molto interessante e tutt'altro che banale: comunque si giudichino le questioni genericamente "religiose", i temi che vengono evocati hanno svolto un ruolo molto importante nella storia della filosofia. Vorrei rispondere solo con qualche cenno, e inoltre liquidando in una battuta il problema dei "santi e anime del limbo": è un tema che in buona parte s'identifica con quello della sopravvivenza dopo la morte, e con esso sta o cade.

Alquanto più complesso invece il tema degli "angeli", la cui trattazione ha svolto una funzione importante dalla filosofia greca a tutta la filosofia medievale. Ovviamente nella filosofia pre-cristiana non si trova il termine "angelo", ma certamente la nozione di entità puramente spirituali con un ruolo cruciale nel cosmo: in gradi diversi ciò vale per Aristotele, lo stoicismo, il neoplatonicmo. Fu questo il motivo per cui la filosofia d'ispirazione cristiana non trovò alcuna difficoltà nel giudicare l'esistenza di tali entità (identificate con quelli che nella Bibbia vengono chiamati "angeli") una verità accessibile alla ragione umana e quindi non dipendente da un dato rivelato ovvero specificamente religioso (né tanto meno specificamente cristiano). Quando Tommaso d'Aquino nella sua Summa contra Gentiles ne trattò, non ebbe alcuna esitazione a farlo nella parte che a suo parere era condivisibile da tutti, inclusi pagani, musulmani ed ebrei.

Ma qual era il motivo razionale che giustificherebbe l'affermazione dell'esistenza di creature puramente spirituali? Il principale motivo addotto è quello di una perfezione complessiva dell'universo: esso non sarebbe abbastanza "completo" se non vi fossero creature che rispecchiano in una maniera per quanto possibile perfetta il carattere "intellettuale" della creazione. Ma essendo l'intelletto incorporeo, la sostanza intellettuale perfetta dev'essere parimenti incorporea. Qui, com'è evidente, si incrociano considerazioni di carattere antropologico con una visione neo-platonizzante della realtà, in cui viene richiesto che tutti i possibili gradi della realtà siano ordinatamente presenti e rappresentati.

Va sottolineato che tutto questo diventa anche il modo per (diciamo così) tenere le debite distanze tra Dio e il creato. Ci sono pagine interessantissime di Tommaso in cui si attribuisce agli angeli il ruolo di "governatori" del mondo (distinti dal Dio "provvidente"). Questa mediazione di fatto permette a Tommaso di riconoscere un'autonomia del mondo, in cui sono possibili conflitti sui beni (pugna angelorum, dice Tommaso!) finché non avvenga che Dio riveli la sua volontà, che pure agli angeli (dunque a perfette intelligenze) è nascosta. Anche le sottilissime discussioni sui limiti della conoscenza angelica sono di fatto discussioni sui limiti dell'intelligenza creata in generale, che impediscono di pensare che la conoscenza possa avvenire come un'infallibile deduzione dai princìpi, il che appunto neppure per gli angeli è vero. Perfino le discussioni (incomparabilmente più sobrie) sugli angeli decaduti, i demòni, hanno tra i loro scopi l'affermazione di una radicale "perdonalibilità" dell'uomo, il quale è sì responsabile, ma contemporaneamente debitore di un contesto di male "puramente spirituale" che gli sfugge.

In conclusione: indipendentemente dai motivi "razionali" addotti per giustificare l'esistenza degli angeli, il ruolo della riflessione su di essi è evidente e molto importante. Un mondo senza angeli sarebbe un mondo per così dire schiacciato senz'alcuna mediazione sull'assoluto divino e paralizzato in una sorta di giudizio universale permanente.

Che fine fa nell'età moderna tutto ciò, sarebbe molto interessante da studiare. Possiamo però fare un salto subito all'"ultimo atto": Rudolf Bultmann, che ritiene la credenza in tutto il mondo "di sopra" (angeli in primis) inaccettabile nella sua veste mitologica per l'uomo moderno. "Demitizzare" il testo biblico è necessario dunque per scoprire il suo vero significato, che è esistenziale. E' chiaro qui il tentativo di restituire a Dio la sua "divinità", cioè la sua assoluta differenza, che non tollera dei gradi intermedi che lo "colleghino" al mondo, che ne facciano insomma un pezzo "eminente" di mondo. L'influenza di questa prospettiva, tipica della "teologia dialettica" di ascendenza kierkegaardiana, è stato e continua ad essere fortissimo.

Donde un bel sospetto: che il tema degli "angeli" sia in fondo uno dei temi cruciali della teologia speculativa contemporanea, pure se esso, di fatto, viene il più delle volte scansato con una punta di fastidio.


__________________
KNINOS


ultima modifica di Kninos il 11-12-2003 - 02:22

Segnala questo messaggio
Kninos is offline  
Vecchio 05-01-2004, 01.01.56   #2
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
"Ogni angelo è tremendo"
R.M.Rilke dalla prima elegia duinese

ciao
Fragola is offline  
Vecchio 05-01-2004, 16.03.50   #3
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Le energie angeliche permeano il Mondo della Formazione....Yetzirah
deirdre is offline  
Vecchio 05-01-2004, 22.08.32   #4
EvaJ
Ospite abituale
 
L'avatar di EvaJ
 
Data registrazione: 28-12-2003
Messaggi: 49
Ridi, ridi che la mamma ha fatto gli gnocchi...autore difficile da scovare.
EvaJ is offline  
Vecchio 05-01-2004, 22.16.53   #5
EvaJ
Ospite abituale
 
L'avatar di EvaJ
 
Data registrazione: 28-12-2003
Messaggi: 49
Mi piacerebbe sapere se basta mettere una citazione con autore a seguito o deve anche voler dire qualcosa.

grazie
EvaJ is offline  
Vecchio 05-01-2004, 23.35.48   #6
Kninos
Ospite abituale
 
Data registrazione: 25-04-2003
Messaggi: 117
Gli angeli

Se non si conosce la verità, non bisogna parlare, ma se la si conosce è meglio stare zitti.
Si può però sempre parlare con il proprio angelo custode, così nessuno ci vede nè ci sente.
Chi non ha mai provato a farlo, perchè si crede intelligente,
ha perso una battaglia e continua a perderne.
Kninos is offline  
Vecchio 06-01-2004, 01.16.42   #7
Fragola
iscrizione annullata
 
L'avatar di Fragola
 
Data registrazione: 09-05-2002
Messaggi: 2,913
Citazione:
Messaggio originale inviato da EvaJ
Mi piacerebbe sapere se basta mettere una citazione con autore a seguito o deve anche voler dire qualcosa.

grazie

Forse semplicemente qualcuno ha trovato parole migliori di quelle che potrei trovare io per dire una cosa e, per correttezza, non posso usare le parole di un altro senza citarne la fonte. Mi sarebbe piaciuto inviare tutta la prima elegia duinese di Rilke, il più bel' "incontro" con un angelo che abbia mai letto, ma ci sarebbe voluto troppo tempo a ricopiarla e non ho uno scanner.

ciao
Fragola is offline  
Vecchio 06-01-2004, 10.36.58   #8
deirdre
tra sogno ed estasi...
 
L'avatar di deirdre
 
Data registrazione: 21-06-2002
Messaggi: 1,772
Re: Gli angeli

Citazione:
Messaggio originale inviato da Kninos
Se non si conosce la verità, non bisogna parlare, ma se la si conosce è meglio stare zitti.
Si può però sempre parlare con il proprio angelo custode, così nessuno ci vede nè ci sente.
Chi non ha mai provato a farlo, perchè si crede intelligente,
ha perso una battaglia e continua a perderne.
Tu citi l'angelo custode, per quanto ho potuto comprendere, le schiere angeliche sono energie che "aiutano" nella formazione dell'esistenza per come noi la vediamo e la percepiamo. Sarebbe troppo lungo dare descrizione dei quattro mondi, inoltre, troverei sempre chi afferma la follia di ciò che dico.
Ti basti pensare che l'idea cattolica dell'angelo custode..è per me pura invenzione, preferisco attribuire a questi nomi l'"aspetto" di forme di coscienza che inducono la vita alla forma.
deirdre is offline  
Vecchio 06-01-2004, 13.12.39   #9
SonoGiorgio
Ospite abituale
 
L'avatar di SonoGiorgio
 
Data registrazione: 15-02-2003
Messaggi: 453
x Kninos

"Una volta preso atto della posizione assoluta di dio, come giustifichiamo l'esistenza di angeli, santi, anime nel limbo, ecc."

Cosa significa:"preso atto della posizione assoluta di Dio"?
Mi piacerebbe intervenire nella discussione, ma se non comprendo la premessa iniziale, il postulato di partenza, non riesco ad intervenire.
grazie
giorgio
SonoGiorgio is offline  
Vecchio 06-01-2004, 18.05.06   #10
EvaJ
Ospite abituale
 
L'avatar di EvaJ
 
Data registrazione: 28-12-2003
Messaggi: 49
Citazione:
Forse semplicemente qualcuno ha trovato parole migliori di quelle che potrei trovare io per dire una cosa e, per correttezza, non posso usare le parole di un altro senza citarne la fonte.
Mi sta bene. Con questo volevo solo esortare a fare interventi più significativi (spero che nessuno inveisca).

Comunque ti voglio bene lo stesso
EvaJ is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it