Forum di Riflessioni.it
WWW.RIFLESSIONI.IT

ATTENZIONE: Questo forum è in modalità solo lettura
Nuovo forum di Riflessioni.it >>> LOGOS

Torna indietro   Forum di Riflessioni.it > Forum > Spiritualità
Spiritualità - Religioni, misticismo, esoterismo, pratiche spirituali.
>>> Sezione attiva sul forum LOGOS: Tematiche Spirituali
Vecchio 31-10-2005, 19.46.30   #1
Alessandro D'Angelo
dnamercurio
 
L'avatar di Alessandro D'Angelo
 
Data registrazione: 14-11-2004
Messaggi: 563
Il perdono: solo nel nuovo testamento?

Gentili amici,
spesso ci si chiede: <<Nell'Antico Testamento è veramente tutta vendetta, senza perdono?>>.
Se si legge attentamente i libri da cui è composto, il mistero viene svelato. Ci sarebbero molti versi che parlano del perdono nell'Antico testamento, ma ne ho scelti solo tre per non essere noioso e dilungarmi:
###
Libro dell' Esodo: capitolo 23 vv. 4 - 5 <<Quando incontrerai il bue del tuo nemico o il suo asino dispersi, glieli dovrai ricondurre. v. [5]Quando vedrai l'asino del tuo nemico accasciarsi sotto il carico, non abbandonarlo a se stesso: mettiti con lui ad aiutarlo>>
[[Aiutare l'asino del nemico non significa perdonare?]]
###
Levitico: cap. 4, v.20:<<…E il Sacerdote espierà per loro e sarà perdonato loro...>> (che significa?)
###
Libro dei Numeri cap.14, vv. 19-20:<<Perdona, deh! Il peccato di questo popolo secondo la Tua grande pietà, come perdonasti a questo popolo dall’Egitto sino ad ora>>. V.20<< Il Signore disse:
<<Ho perdonato secondo la tua parola>>
#######
Mi pare che questi testi già dicano qualche cosa.
###
Chi ha da obiettare?

Saluti
Alessandro D'Angelo
Alessandro D'Angelo is offline  
Vecchio 31-10-2005, 20.00.45   #2
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Mio caro...
guarda che ti sei scordato del seguente passo...

"Io (Dio) sterminerò dalla faccia della terra l'uomo che ho creato, perché mi pento di averlo fatto" Genesi 6:7

... no, a parte gli scherzi (anche se non si tratta di uno scherzo purtroppo, ma della verità)...
il passo che ti sei dimenticato seriamente di trascrivere è il seguente:

Amerai il tuo prossimo come te stesso
Levitico 19:18b

Peccato che... valeva solo per... fino a quando Gesù non...
Capito? No...? Vabbeh...


Ciao,
Elia
Elijah is offline  
Vecchio 31-10-2005, 20.43.10   #3
Yam
Sii cio' che Sei....
 
L'avatar di Yam
 
Data registrazione: 02-11-2004
Messaggi: 4,124
Ma che razza di libri sacri sono quelli che bisogna spulciare con il microscopio elettronico per trovare un briciolo di saggezza?
Yam is offline  
Vecchio 31-10-2005, 21.24.37   #4
Alessandro D'Angelo
dnamercurio
 
L'avatar di Alessandro D'Angelo
 
Data registrazione: 14-11-2004
Messaggi: 563
Caro amico,
non ho dimenticato, ansi, ben conosco bene il cap. 19,v.18 al quale si è poi rifatto Luca cap. 6, vv. da 26 a 36 dove è scritto
chiaramente: <<Se uno ti dà uno schiaffo, porgi l'altra guancia>>.
e il vangelo di Matteo al cap. cap. 5, v. 11: <<Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno... per causa mia>>:
###
Preferisco la sintesi, soprattutto per non annoiare e essere immediato per chi legge.
###
Credo che per essere "Quasi completi nello sviscerare il testo biblico, (nei limiti del possibile) sia opportuno ricordare, per il suo forte colorito, il vangelo di Matteo cap. 11, v. 43:<<... e tu, città di Cafarnao, credi di esserti innalzata sino al cielo? No! Sino agli inferi precipiterai!>>
Cosa pensare dopo una pacata riflessione?
La frase più nota, che si ripete spesso è : <<Occhio per occhio, dente per dente...>> (presente in vari punti dell'Antico Testamento); ma alla luce di quanto scrive Matteo nel cap. 23, vv. da 16 a 32, circa i "Guai a voi..." ripetuto 7 volte, ciò non edifica.
###
Anche se gli uomini di allora erano di "Dura cervice" e non seguivano la legge, perchè infliggere quel "Guai a voi..."?
E' vero, saranno stati ipocriti, guide cieche, sepolcri imbiancati.. " Ma non è troppo, esprimere quel "Guai a voi" da un Altissimo che era portato a dare esempio d'amore e Perdono?
Forse, sbaglio.
Ma mi pare che alcuni versi siano "Duretti".

#########
Per ora
Saluti a tutti
Alessandro D'Angelo
Alessandro D'Angelo is offline  
Vecchio 31-10-2005, 21.48.02   #5
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Scritto dall'Angelo...:
-----
Anche se gli uomini di allora erano di "Dura cervice" e non seguivano la legge, perchè infliggere quel "Guai a voi..."?
E' vero, saranno stati ipocriti, guide cieche, sepolcri imbiancati.. " Ma non è troppo, esprimere quel "Guai a voi" da un Altissimo che era portato a dare esempio d'amore e Perdono?
-----
Perché fai domande retoriche? So che conosci la risposta, eppure mi fai la domanda... C'è un motivo in particolare...? Illuminami.

Per ciò che concerne la differenza tra
"l'ama il tuo prossimo come te stesso"
dell'AT e quello del NT,
intendevo unicamente dire che nel primo patto "il tuo prossimo" era solo il componente della stessa stirpe; mentre nel secondo ne "il tuo prossimo" c'è anche compreso il tuo nemico... questo grazie a Gesù...

Ah, e per la legge del taglione presente in più punti nell'AT...
...sempre meglio occhio x occhio; che testa x occhio, o vita x occhio, o erro? Se troviamo quella norma, è perché la situazione a quei tempi dev'essere stata drammatica, la gente non aveva più il controllo di se stessa e delle proprie vendette...
MA pian pianino le cose si sono messe a posto...
un patto (o passo) alla volta e siamo arrivati ad "ama il tuo nemico, ecc...".

Cmq, a parte tutto, è bello poter discutere con qlcuno che conosce bene la Bibbia... mi fa piacere... peccato che in questo periodo non ho molto tempo a disposizione...

Ciao, Elia
Elijah is offline  
Vecchio 31-10-2005, 22.35.29   #6
Alessandro D'Angelo
dnamercurio
 
L'avatar di Alessandro D'Angelo
 
Data registrazione: 14-11-2004
Messaggi: 563
sintesi della sintesi

Caro Elijah,

Certamente lo spirito del Levitico cap. 19, v. 18 è dissimile dai passi di Matteo o Luca.

Quello invece che mi fa pensare è :
il Libro dell' Esodo al capitolo 23 vv. 4 - 5 <<Quando incontrerai il bue del tuo nemico o il suo asino dispersi, glieli dovrai ricondurre. v. [5]Quando vedrai l'asino del tuo nemico accasciarsi sotto il carico, non abbandonarlo a se stesso: mettiti con lui ad aiutarlo>>
###
M ipare che sia una buona cosa? Infondo aiutare un nemico, non significa PERDONARLO?
Infondo per nemico si indevano anche i forestieri o i pagani, I veneratori del dio Baal Peor ecc.
Mi è rimasta impressa questa frase, anche se come giustamente tu, il Levitico al cap. 19, v.18, si rifa ai fratelli o ai stretti vicini.
Ciao da
Alessandro D'Angelo
Alessandro D'Angelo is offline  
Vecchio 01-11-2005, 15.10.52   #7
Braveheart
Ospite abituale
 
Data registrazione: 20-09-2005
Messaggi: 162
Citazione:
Messaggio originale inviato da Alessandro D'Angelo
" Ma non è troppo, esprimere quel "Guai a voi" da un Altissimo che era portato a dare esempio d'amore e Perdono?
Forse, sbaglio.
Ma mi pare che alcuni versi siano "Duretti".

#########
Per ora
Saluti a tutti
Alessandro D'Angelo


Ciao Alessandro,
in effetti Gesù fu duro verso i farisei e gli scribi. Cmq, se ci fai caso, non gli ha detto mai esplicitamente "sarete condannati, per voi non c'è speranza". Anzi, secondo me Gesù con quell'atteggiamento gli fece notare i loro errori, dandogli così la possibilità di ravvedersi e cambiare. Io perlomeno la vedo così!
Braveheart is offline  
Vecchio 01-11-2005, 18.02.28   #8
iudichetta
Ospite abituale
 
L'avatar di iudichetta
 
Data registrazione: 09-10-2005
Messaggi: 223
Anche se sono cattolica, non leggo quasi ai testi sacri. però credo che al perdono divino, e che tutto non finisce con la morte,penso che l'adilà ci ricompensi dalle nostre sofferenze.
iudichetta is offline  
Vecchio 06-11-2005, 19.06.18   #9
elio-p
Ospite
 
Data registrazione: 24-10-2005
Messaggi: 12
riflettevo:
Cosa può significare: “perdonare”?

Riconoscere il torto subito da un altro e cancellarlo per semplice buonismo? Per il futuro quieto vivere? Per la così ambita Pace tra gli uomini? Per aderenza all’insegnamento delle varie Sacre Scritture?
Si può fare una, due, più volte, ma poi a chiunque nasce il desiderio di lapidare il proprio offensore.
Desiderio che diventa Istituzione del Diritto nella legge umana.

Oppure

Riconoscere nell’offesa la insufficienza e la non universalità dei propri valori e del proprio modo di vivere, e lo spunto per metterli in discussione, per riflettere e per crescere.

Quando la menzogna viene eretta a sostegno della relazione tra persone, paesi, religioni, razze, si crea una tensione che inevitabilmente deve essere riequilibrata.

Inconsciamente una offesa si potrebbe porre come lo stimolo alla ricerca della verità?
Potrebbe essere un atto di amore mascherato da gesto d’odio?
È possibile, secondo voi, che chi ci offende ci stia stimolando a ricercare insieme la verità?.

E se così fosse, perché non porgergli anche l’altra guancia?
Perché non amare il nostro nemico?
elio-p is offline  
Vecchio 13-12-2005, 22.18.53   #10
Elijah
Utente assente
 
L'avatar di Elijah
 
Data registrazione: 21-07-2004
Messaggi: 1,541
Volevo ricordare ancora un altro passo dell'A.T. che va nella direzione del perdono...

Proverbi 25:21-22
21 Se il tuo nemico ha fame, dagli del pane da mangiare;
se ha sete, dagli dell'acqua da bere;
22 perché, così, radunerai dei carboni accesi sul suo capo,
e il SIGNORE ti ricompenserà.


Ciao, Elia

Elijah is offline  

 



Note Legali - Diritti d'autore - Privacy e Cookies
Forum attivo dal 1 aprile 2002 al 29 febbraio 2016 - Per i contenuti Copyright © Riflessioni.it