Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Non credenteReligioni?
Il mondo di NonCredo

di Paolo Bancale   indice articoli

 

“Gittò la tonaca Martin Lutero” Imitiamolo!

Novembre 2012

“Gittò la tonaca Martin Lutero” è un frammento di un verso di Giosuè Carducci estrapolato dall'inno "A Satana".

 

Esiste nella realtà delle idee e dei comportamenti umani una diade antica, ma oggi ormai pleonastica, illusoria e superata, di cui sarebbe ora di scollegare moralmente e razionalmente tra loro i suoi due termini: il concetto di un qualsivoglia dio e l’esercizio surrettizio dei culti che usano e mandano avanti quegli dei come utili feticci. Sarebbe  infatti congruo che il sempreverde concetto di un dio (ignoriamo quelli “personali” nonché l’ignominia di quelli antropomorfi) metafisico, inteso come causa, motore, origine di realtà e vita, venga scollegato dalla pratica tutta umana delle fedi religiose e annessa obbedienza, utili nel senso di “prezzo della speranza” per i c.d. fedeli, ma in realtà indispensabili e insostituibili mezzi di sopravvivenza, benessere, sicurezza e potere di tutte quelle categorie che operano nella sempre fiorente e redditizia  industria delle religioni.

Un dio è quel concetto astratto che può anche utilmente intricare, come ha sempre fatto, metaforicamente la mente di filosofi, cosmologi, biologi ovvero poetizzare quella di artisti e animi sensitivi. E’ un  leit motiv dei sempre esistiti intellettuali, è una ipotesi che chiamerei adiabatica come quella degli UFO, che non ci fanno alcun male, anzi alimentano immaginazione e creatività, sempre che, però, non ci facciamo da loro innescare paure e insicurezza dentro di noi.

Ma quale precario o pilotato teorema è quello che oggi, allo stato attuale del pensiero scientifico, pretende che si possa  ancora conciliare una speculazione culturale su “il dio” con la prassi o la presunta necessità di lasciare che categorie di individui, non importa se pii, illusi o furbi, quali gli addetti alle religioni, possano pretendere, e di fatto ottenere, un loro potere di influenza, intimidazione e intrusione nella vita di un numero infinitamente maggiore di esseri umani che glielo lasciano fare, tenuti callidamente sotto tutela culturale e condizionati o circonvenuti da infantili promesse di future utilità ultraterrene.

L’Europa del ‘700 praticava il Grand Tour, l’Asia del ‘800 il Grande Gioco ma il Pensiero moderno  mondiale non dovrebbe più tollerare ancora questa Grande Impostura.

L’umanità, quella laica dei grandi Saggi, degli Illuminati, dei conoscitori dell’animo umano, di quelli che amano il Bene per il Bene e non si fanno sedurre da ego individuali o collettivi come ve ne sono stati tanti nella storia dell’umanità, ha oggi tutti i mezzi cognitivi, spirituali ed etici per seguire autonomamente le vie che portano all’armonia della convivenza globale, al rispetto empatico per gli altri, al benessere minimo comune, a libertà intellettuale e autonomia morale e ad assaporare l’aroma della partecipazione di ognuno a tutti e al Tutto nella infinita interconnessione della Natura. Le strade confliggenti ed eterodirette che fanno invece capo alle religioni con tutte le divisioni, l’oscurantismo, le guerre di potere e le interessate superstizioni da loro agite nel loro interesse vanno sconfessate nel nome del progresso e della dignità dell’umanità.

Se soltanto riuscissimo ad affrancarci dal conformismo viscoso e falsamente tranquillante delle religioni  che ci condiziona…!

 

Paolo Bancale
Dalla rivista "NonCredo"

 


Oltre 300 articoli come questo, ma inediti, in 600 pagine all’anno, a casa tua, con l’abbonamento a NonCredo, per meno di un caffè al mese:
Pdf € 17,00 e cartaceo € 32,90.

 

Religioni? Il mondo di NonCredo NonCredo rappresenta l'unica pubblicazione culturale italiana totalmente dedicata alla informazione e documentazione dei NonCredenti, cioè di quei cittadini che, nel primato della laicità dello Stato, per qualsivoglia motivo NON SI RICONOSCONO IN ALCUNA RELIGIONE, ma soltanto nel rispetto delle leggi, di un'etica condivisa e nella solidarietà, optando in termini culturali per la cultura del dubbio contro ogni dogmatismo, per una consapevole autonomia della coscienza e per la più totale libertà della conoscenza e del pensiero.

 

 

Altri articoli di questa rubrica

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...