Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Riflessioni sulle scienze

Riflessioni sulle Scienze

di Alberto Viotto    indice articoli

 

Accattonaggio S.p.A.
Analisi economica ed etica

Aprile 2014

  • Ai semafori

  • Il prodotto

  • I lavoratori

  • Un aiuto finto

 

Ai semafori

Spesso ai semafori troviamo un mendicante che ci chiede qualche soldo, a volte dopo avere malamente lavato il parabrezza della nostra macchina. Accattonaggio S.p.A. Analisi economica ed eticaMolti gli allungano qualche spicciolo, pensando che questo sia un modo di aiutarlo, ma si stanno ingannando: se un autentico mendicante occupasse uno degli incroci a cui si possono fare buoni affari verrebbe prontamente sfrattato a suon di botte.

L’accattonaggio è controllato in modo industriale dalla malavita. Il racket arruola ed istruisce i mendicanti, gestisce i posti più adatti e alla fine della giornata recupera tutto l’incasso.(1) Quelli che vediamo ai semafori, sui sagrati delle chiese ed in molti altri luoghi di tutte le città non sono romantici “clochard”, ma lavoratori dell’industria dell’accattonaggio.

 

Il prodotto

Ma quale è il prodotto di questa industria? Che cosa vende, che servizio offre? Chi dà una monetina si sente un benefattore, la sua giornata è più leggera. I mendicanti sono creatori di benessere, ed in fondo il prezzo del loro servizio è molto ridotto.

Si stima che ogni mendicante possa rendere da 100 a 200 euro al giorno, ed in tutta Italia i “lavoratori” di questa impresa sono diverse migliaia. Il ricavato totale è nell’ordine delle centinaia di milioni all’anno. Naturalmente niente tasse, niente burocrazia e bassi costi per il personale – solo una minima parte dell’incasso finisce agli “operatori”.

 

I lavoratori

Chi “lavora” in questa azienda ed opera ai semafori, però, si trova in condizioni a dir poco disagiate. Sfruttato oltre ogni dire, nessuna tutela e nessuna garanzia, non ha certo un sindacato che difenda i suoi diritti. Il semaforo o l’incrocio assegnati vanno presidiati con qualsiasi tempo in mezzo al traffico e allo smog, ad ogni automobilista si deve ripetere la stessa pantomima producendosi in uno sguardo implorante e ringraziando in modo cerimonioso se il “cliente” abbocca.

 

Un aiuto finto

Se sapessimo che l’azienda che produce le scarpe da tennis o lo smartphone che vogliamo comprare tiene i suoi lavoratori in condizioni disumane probabilmente ci ribelleremmo e rinunceremmo all’acquisto. Negli ultimi anni grandi aziende hanno dovuto affrontare il problema del mancato rispetto dei diritti dei lavoratori da parte delle aziende, spesso nel Sud-Est asiatico, a cui affidavano molte attività.(2) Se non lo avessero fatto, le vendite sarebbero crollate per l’impatto negativo delle inchieste sul trattamento dei dipendenti nelle loro fabbriche.

Se ricorriamo ai servizi della “Accattonaggio S.p.a.” implicitamente approviamo il suo modello aziendale. In ultima analisi diventiamo complici di chi opera ai piani alti di questa azienda, contribuendo ai suoi ricavi. Se invece il “mercato” venisse a mancare, se nessuno desse loro niente, lavavetri e mendicanti magicamente sparirebbero per carenza di domanda e non potremmo più sentirci buoni per un prezzo così conveniente. Ma sarebbe molto meglio così.

 

   Alberto Viotto

 

Se qualche lettore trovasse questo articolo interessante o ne volesse discutere, all'autore farebbe piacere ricevere delle e-mail all'indirizzo: alberto_viotto@hotmail.com

Altri articoli di Alberto Viotto


NOTE

1) www.poliziadistato.it/articolo/576-Un_fenomeno_preoccupante_l_accattonaggio/

2) http://it.wikipedia.org/wiki/Nike_(azienda)#Controversie

 

 

 

Alberto Viotto offre gratuitamente due suoi Ebook:

 

Come ti fregano
Analisi dei meccanismi del marketing ed altri trucchi

 

"Da mattina a sera, sui giornali, sulle televisioni, sul web,  siamo sommersi da messaggi pubblicitari che sembrano pensati per un pubblico di semideficienti. Naturalmente il circo del marketing ha un costo, che ricade sull’ambiente ma anche su di noi, costretti a pagare di più i prodotti che ci servono (circa 400€ in più in media su ogni auto nuova).
Di chi la colpa? Ahimè, è nostra, perché compriamo i prodotti pubblicizzati; se la pubblicità non facesse aumentare le vendite i produttori smetterebbero di  tormentarci. Un rapido esame dei meccanismi del marketing ci può aiutare ad immunizzarci."

Achille e la tartaruga e altri paradossi

 

"Una nuova e più elegante soluzione al paradosso più famoso. Altri celebri enigmi (il sorite, il cretese mentitore, il gatto quantistico, la stanza cinese) affrontati da un punto di vista non convenzionale".

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...