Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Scrittura e vita, simbiosi perfetta

Scrittura e vita, simbiosi perfetta di Matilde Perrieradi Matilde Perriera   indice articoli

 

In cerca della luce

Gennaio 2015

Da IL CARRO DELLE MUSE 2014
Greco&Greco Editori, Milano.

 

C’era una volta una BIMBA. Non era bellissima, ma era così affascinata da quanto la circondava che trasmetteva a tutti il suo soffio esuberante. Era radiosa, la sua vitalità le faceva sminuire ogni ostacolo e si prefigurava un futuro ricco di sorprese. Spesso sognava con i suoi luminosi occhi verdi aperti sul mondo, correva felice, mentre il vento le scompigliava i lunghi capelli castani e l’aria fresca le imporporava le guance. Aspettava … Cosa non lo sapeva esattamente, aveva solo la certezza che, in un giorno speciale, un CAVALIERE le sarebbe andato incontro, si sarebbero innamorati e l’ardore dei loro sentimenti li avrebbe accompagnati per il resto della loro esistenza. Il suo spirito allegro era sempre in azione, la sua loquacità era … purtroppo!!! … senza limiti, la gioia le aleggiava sempre intorno. Anche se tutto le sembrava vago, indeterminato, indefinito, indistinto, coltivava desideri, speranze, aspirazioni, lusinghe … All’improvviso quel giorno speciale arrivò, il suo cavaliere le si presentò davanti, esplosivo, con dei meravigliosi occhi verdi, in un tiepido pomeriggio autunnale. Era l’otto ottobre del lontano 1972, il cavaliere l’accarezzò con lo sguardo, la invitò a ballare, cominciò a guidarla, la sposò  … Una nuvola si addensò sul loro cammino. Il loro angelo, in un luglio afoso, mentre nasceva, volò subito in cielo; il cavaliere e la bimba si sentirono sperduti, ma, a mani strette, andarono avanti, consapevoli che un nuovo messaggero divino, dall’alto, stava proteggendo la loro unione, aiutandoli a sfidare il grande dolore … La bimba  era tenace, le sue paure dileguavano accanto al “suo cavaliere”, affrontò fiduciosa un’altra gravidanza, l’orizzonte si allargò e presto giunse il premio, lasciando apparire il loro tesoro, riscaldato dal sole caldo di un fulgido 19 settembre. Quanta letizia!!! Il cavaliere regalò alla bimba un mazzo di fiori stupendo e poi la riportò a casa, con quel batuffolino rosa venuto a rinsaldare quel magnifico rapporto, preparandoli idealmente all’altro evento di un precipitoso 2 novembre con l’arrivo folgorante di un’altra pietra preziosa, una terribile Giamburrasca che li sottopose a lunghe veglie per ben due anni. Sonno arretrato? Sì. Notti in bianco tra un concorso e l’altro della bimba? Sì. Stanchezza perenne del cavaliere diviso tra casa, studio di agronomia e scuola? Sì… ma la felicità dimorava tra le pareti di quella casa, nessuna tormenta avrebbe mai potuto distruggere quanto di solido il cavaliere e la bimba, giorno dopo giorno, anno dopo anno, avevano costruito insieme. La città si rallegrava nel vedere quella Lancia Fulvia coupé blu che circoscriveva la loro serenità e teneva discosta l’influenza malefica di demoni in agguato … Cupido, però, capriccioso com’è, un giorno, per errore, scagliò una freccia stravagante nel cuore del cavaliere, mettendone a dura prova i sentimenti … Un errore imperdonabile che stava per gettare la bimba nel baratro del dolore più profondo … Le era sfuggito il suo cavaliere, il suo amore, il suo punto di riferimento, il suo tutto … La bimba, poiché la freccia del dio dell’amore continuava a scalfire il suo cavaliere, si smarrì in una foresta buia e lugubre, piangeva, pregava, implorava, ma Lui era lontano lontano lontano lontano. La bimba aveva paura delle tenebre, non si sentiva più in grado di aiutare le figlie che adorava, si lasciò sovrastare da un peso più grande di lei, fu dominata da quella padrona ossessiva che è la disperazione e fu divorata da un labirinto senza uscita, ricorrendo a inutili strategie per riconquistare il suo cavaliere. A nulla valevano i giuramenti, le promesse, le speranze, i pianti e le implorazioni, il cavaliere non sembrava ascoltare con le orecchie le grida silenziose del cuore della bimba e delle loro due gemme; prometteva di ripensarci, ma tutto sembrava irrecuperabile, il dardo gli aveva lasciato un segno indelebile. Come avrebbe potuto una bimba  inesperta  sperare di riconquistare il suo cavaliere con dichiarazioni estreme di debolezza? Insabbiata nel vicolo fosco del suo scoramento, confidava nella Madonna, si lasciava allettare dalle assicurazioni delle bambine …  “Mamma, stai serena, parleremo noi a papà, capirà che non possiamo fare a meno di lui; si renderà conto che siamo noi il suo passato, il suo presente, il suo futuro ... Mamma, vedrai, papà tornerà a casa perché sa che solo noi possiamo dargli tutto il bene del mondo … Mamma, vedrai, papà capirà che tutti noi, e anche lui, abbiamo bisogno l’uno dell’altro … Mamma, vedrai …” … E la bimba andava avanti con martellanti SOS che angosciavano gli anni più belli delle sue figlie … Non c’erano battaglie da vincere, non c’erano finestre da aprire per gridare ad altri un proprio trionfo, lei combatteva perché il suo amore disilluso la stava annientando … Il cavaliere era fondamentalmente buono, sapeva che lei non era capricciosa, che gli voleva un bene troppo profondo per accettare di averlo calpestato o farlo svanire o, peggio, per uscire in silenzio dalla scena ... Le piccole, in apparenza, erano più mature e responsabili di lei, ma, di nascosto, se ricevevano fiori o piante, li portavano spontaneamente in chiesa per affidare il loro papà all’attenzione della Madre celeste affinché lo illuminasse e lo riportasse nel loro nido abbandonato. La bimba sbagliava, però, perché, ogni volta che parlava al “suo cavaliere“, anziché aprirgli prospettive allettanti, lo scoraggiava con i suoi allarmanti “non ce la faccio più … me ne vado … non ho più speranze”. Il cavaliere, in realtà, non aveva bisogno di sentirsi dire che la ragazzina di un tempo, senza di Lui, era zero, egli sapeva perfettamente, il suo cuore glielo ribadiva, che non aveva più senso vivere separati … La bimba continuava ad aprirgli la propria anima e a sussurrargli … “Amore mio, abbiamo bisogno vicendevolmente di stare insieme … Cì, tesoro mio, ci siamo messi in discussione, abbiamo valutato i pro e i contro, probabilmente tanti gli errori, ma niente di tanto grave da non poter ricominciare …. Vedrai, andrà bene, ci ritroveremo, riscopriremo il piacere di goderci la vita, fortificati e rigenerati dalla sofferenza … Sarà commovente accompagnare le nostre figlie all’altare con la speranza che i loro rapporti con i loro fidanzatini si mantengano saldi come lo sono ora … Ritornerai a essere il padre stupendo di sempre, scoprirai nella tua bimba un raggio che ti darà la forza di vivere insieme” ... Passarono tanti giorni, mesi, anni, sei lunghi anni …  Si sparse la notizia che il pulcino inerme fosse morto di crepacuore e il cavaliere, improvvisamente, resosi conto del baratro scavato dallo stato di smarrimento in cui era trovato, non si diede pace … Errava tra le valli della foresta con una bacchetta miracolosa in mano per ritrovarla, riportarla in vita e dirle … “Cicì, Gioia mia, svegliati, ti ridarò una ventata salutare, ora sono pronto a tornare a casa; credevo, errando, che il passo sarebbe stato molto più difficile, ora ho scoperto che mi sbagliavo. Se qualche volta, però, dovessi sentirmi scoraggiato o pentito, stammi vicino, non mi abbandonare, ricordami che siamo noi il perno attorno a cui far ruotare il nucleo della nostra famiglia” ... Il cavaliere ritrovò la bimba, con un caldo abbraccio la riportò in vita e le chiese “Che si mangia stasera a casa nostra?”. Si gettarono le braccia al collo, andarono insieme sotto il loro tetto e, come d’incanto, le lunghe attese, le demistificanti notti insonni, le amare lacrime versate nel cordoglio si neutralizzarono … Così come, nella natura, il ciclo vegetativo si rinnova di stagione in stagione, così come il sole sorge e tramonta, la miracolosa risoluzione ha riportato la luce nella loro vita e dimostrato al cavaliere, di nuovo vicino al suo “dolcino dolcissimo”, che la vita non è che la continua meraviglia di esistere …

 

      Matilde Perriera

 

Indice articoli

 

IL CARRO DELLE MUSE

 

Partecipanti in tutto il mondo per il concorso UN PREMIO AL FEMMINILE, PER TUTTE LE ETÀ. CENTO ANNI IN ROSA…
IL CARRO DELLE MUSEIl motto del nostro bando era:

Via la timidezza, via il timore di aver scritto cose inutili, via la sfiducia verso sé stesse perché nessuno ha mai preso in considerazione la scrittura considerandola una cosa che non serve a nessuno, via lo scoraggiamento di aver provato mille volte a far leggere quelle poesie a chi non voleva concedervi neppure il beneficio del dubbio… Partecipare al premio Letterario Internazionale “Il Carro delle Muse” può aprire nuove strade, nuove occasioni, nuove opportunità.

 

Selezionate autrici provenienti da: 1 Argentina, 3 Brasile, 1 Germania, 1 Messico, 1 Russia, 1 Svizzera, 1 Sud Africa e 48 Italia tra cui la Prof.ssa Matilde Perriera del Liceo Classico e Linguistico “Ruggero Settimo” di Caltanissetta con la favola IN CERCA DELLA LUCE

 

COMMENTO DELLA  PROF.SSA MATILDE PERRIERA
La donna, questo essere misterioso sempre sollecito e tempestivo, ma, spesso, con un profondo e vulcanico mondo interiore soffocato dalle 1000 esigenze altrui, ha trovato, finalmente, una valvola di scarico per realizzarsi. Tale splendida iniziativa potrà aiutare Cenerentola a scoprire la verità nascosta dietro le apparenze. La copertina scelta per il libro 2014 è stupenda per lo sguardo eloquente della musa Calliope protesa verso un domani luminoso in cui troverà lo spazio necessario per dire "io esisto, sono qui, con te ... dammi la mano e vedrai che insieme andremo incontro alla serena purezza della verità".

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...