Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

In tutte le librerie italiane e le librerie online

anche in formato digitale

 

RIFLESSIONI SUL SENSO DELLA VITA


di Ivo Nardi

Edizioni TLON, 2016

 

 

RIFLESSIONI SUL SENSO DELLA VITAIvo Nardi ha posto dieci domande esistenziali a più di cento personaggi del mondo della cultura, mille risposte a confronto.

Una preziosa raccolta di riflessioni che mettono in luce le prospettive della società contemporanea.

L’intento è quello di offrirti più punti di vista possibili sul senso della vita, così da aiutarti in maniera più obiettiva davanti alle circostanze della tua esistenza. Approfondisci


Leggi l’introduzione
e scarica gratuitamente l'eBook contenente gli aforismi tratti dalle risposte.


Riflessioni sul Senso della VitaRiflessioni sul Senso della Vita

di Ivo Nardi - Indice personaggi intervistati

Riflessioni.it è il luogo ideale per fermarsi e riflettere sul senso della vita e lo faremo attraverso le risposte che persone di cultura hanno dato a dieci domande da me formulate.

 

Intervista al Lama Geshe Gedun Tharchin

marzo 2014

 

Geshe Gedun Tharchin è nato in Nepal da genitori tibetani. Ha studiato all’Università Monastica Gaden di Tibet in India. Ha ricevuto l’ordinazione a novizio dal Lama Yong-Zin-Ling Rinpoche e l’ordinazione completa da Sua Santità il XIV Dalai Lama. Nel '93 gli è stato conferito il titolo di Geshe Lharampa. Ha studiato Filosofia e Religione Occidentale. È stato docente all’Istituto di Studi Orientali e Africani a Roma e collaboratore al progetto del catalogo della Collezione Tucci. Dal 1996 insegna filosofia e meditazione Buddhista in molti centri in Italia e all’estero. E' fondatore e Guida Spirituale dell’Istituto Lamrim di Roma. Pubblica periodicamente articoli su vari giornali e riviste, e nel 2003 è stato pubblicato il suo primo volume in italiano “La Via del Nirvana, Il Dharma del Buddha” edito da Ellin Salae.
Il suo blog: http://geshetharchin.blogspot.it/



1) Normalmente le grandi domande sull'esistenza nascono in presenza del dolore, della malattia, della morte e difficilmente in presenza della felicità che tutti rincorriamo, che cos'è per lei la felicità?

Per me la felicità intesa in un senso generale è la sensazione psicologica di soddisfazione, un sentimento che si sviluppa ed è parte di un altro aspetto della sofferenza stessa. Ma vi è un livello superiore di felicità che è quello di essere nell’equanimità, è uno stato mentale che va oltre e supera sia la felicità generale che la sofferenza. E’ la capacità dello stato di coscienza che ci fa essere nella pace autentica, è come se ci trovassimo in "no war zone ".

 

2) Venerabile Lama Geshe Gedun Tharchin cos'è per lei l'amore?

L'amore autentico deve essere universale e incondizionato, non è un sentimento passeggero, ma lo stato d'animo stabile dell’essere nell’equanimità.

 

3) Come spiega l'esistenza della sofferenza in ogni sua forma?

La presenza della sofferenza è soprattutto un fattore psicologico della mente umana che pervade tutte le parti dell’essere, compreso il corpo fisico. In breve, ogni forma di disordine nel sistema umano crea automaticamente un allarme che noi chiamiamo sofferenza, che può essere soltanto psicologica o fisica o entrambe.

 

4) Cos'è per lei la morte?

La morte è una presenza costante e molto viva nella vita umana. In ogni momento, in ogni giorno di esistenza si hanno esperienze di morte, ma gli esseri umani preferiscono negarle, ignorarle completamente, non vogliono essere consapevoli di questo fatto fino a quando non ne saranno costretti, di fronte alla morte finale che inevitabilmente arriva per tutti, così la morte definitiva appare ed è vissuta come una disgrazia.

In effetti la realtà dell'impermanenza è il concetto generale di morte, e se osservano l’impermanenza in ogni aspetto, ciò che accade in ogni istante e per ogni cosa, gli esseri umani sono consapevoli di sperimentare la morte costantemente nella loro vita. Pertanto, la realizzazione dell'impermanenza è una rivelazione, è la chiave per entrare nella porta della vita senza morte.

 

5) Sappiamo che siamo nati, sappiamo che moriremo e che in questo spazio temporale viviamo costruendoci un percorso, per alcuni consapevolmente per altri no, quali sono i suoi obiettivi nella vita e cosa fa per concretizzarli?

Credo che l'unico modo per realizzare ogni istante di vita, come la sua stessa fine, sia semplicemente quello di vivere senza essere dominati e schiavizzati dal nostro Ego.

Pensare di concretizzare qualcosa di diverso è un'invenzione, una visione illusoria dell’Ego. Soltanto un percorso che ci liberi dalla schiavitù dell’ego ingannatore è lo scopo della vita umana, la sua realizzazione migliore.

 

6) Abbiamo tutti un progetto esistenziale da compiere?

Io davvero non lo so, alcuni sono solo sulla terra per un tempo molto breve, altri vi rimangono più a lungo, quindi ognuno ha certamente molte motivazioni per la propria vita, ma ciò non significa che esista necessariamente un progetto predefinito!

 

7) Siamo animali sociali, la vita di ciascuno di noi non avrebbe scopo senza la presenza degli altri, ma ciò nonostante viviamo in un'epoca dove l'individualismo viene sempre più esaltato e questo sembra determinare una involuzione culturale, cosa ne pensa?

La natura umana si basa in prima istanza su più istinti che si fondano su elementi psicologici, biologici e chimici, ma è importante non limitarsi né dare troppo valore alle reazioni emotive prodotte da questi istinti pericolosi in quanto sono in grado di causare troppi danni all'interno di se stessi.

Solo facendo un passo successivo, entrando in contatto con la propria autentica essenza interiore, con il proprio sé reale e profondo si genera automaticamente il senso della vera umanità e di un umanesimo in grado di riconoscere la responsabilità sociale di ogni persona.

 

8) Il bene, il male, come possiamo riconoscerli?

Il bene e il male sono fenomeni paradossali. È impossibile che esista l’uno senza l’esistenza dell’altro. La vera bontà è l'equanimità, l’unica condizione in grado di sopportare il bene e il male, senza giudizio, senza condanna, senza divisioni, né buoni né cattivi.

 

9) L'uomo, dalla sua nascita ad oggi è sempre stato angosciato e terrorizzato dall'ignoto, in suo aiuto sono arrivate prima le religioni e poi, con la filosofia, la ragione, cosa ha aiutato lei?

Tutti hanno contribuito al bene del genere umano, ognuno con gli strumenti e le condizioni del proprio tempo.

 

10) Qual è per lei il senso della vita?

Per me il senso della vita è vivere con semplicità e aiutare gli altri incondizionatamente.

 

Indice personaggi intervistati

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...