Home Page Riflessioni.it

        DOVE IL WEB RIFLETTE!  16° ANNO

Menu sito

Riflessioni sulla Tecnosophia di Walter J. Mendizza

Riflessioni sulla Tecnosophia

di Walter J. Mendizza - indice articoli

 

Tecnosophia e il nucleare

Marzo 2011

 

A pochi mesi del referendum sul nucleare, vista anche la grandiosità della disgrazia che ha colpito il Giappone, ritengo sia opportuno mostrare il nostro punto di vista anche se questo rischia di sfidare l’impopolarità. Ma siamo abituati: multitudo non est sequenda. Infatti molti ci chiedono come mai non siamo fortemente contrari al nucleare nonostante ciò che è accaduto in Giappone? Prima di rispondere a questa domanda facciamo un passo indietro di 23 anni e collochiamoci nei giorni 7 e 8 novembre del 1987. Erano i giorni del referendum sul nucleare. Ricordiamo anzitutto che il referendum si situò nel solco dell’onda emotiva suscitata da Chernobyl e che allora nessun partito (eccetto il PR, il partito repubblicano) osò diventare poco gradito all’opinione pubblica. Il referendum passò con una maggioranza schiacciante.

Per coloro che chiedono perché bisogna votare per un referendum se già ce ne fu uno, è necessario che sappiano che l'Italia quella volta non rinunciò al nucleare (l’esito del referendum non costringeva alla chiusura delle centrali esistenti) ma vi rinunciò per ragioni politiche e, soprattutto, per la volontà di privilegiare il consumo di idrocarburi. Anche se i nostri ambientalisti della domenica non vogliono ammetterlo, si approfittò dell’impressione suscitata da Chernobyl per prediligere l’opzione a favore delle multinazionali petrolifere. Fu però una scelta ipocrita perché ben presto la nostra fame di energia ci costrinse ad importare corrente elettrica dalla Francia, prodotta proprio da centrali nucleari.

Questo è un punto fondamentale: l’ipocrisia. All’indomani dell’esito referendario ci promisero che mettendo al bando l'atomo avremmo imboccato la via dell'energia pulita. Invece siamo diventati il Paese europeo più inquinante, più dipendente dagli sceicchi e con le bollette più care. E non abbiamo risolto il problema del nucleare.

Tecnosophia ha da sempre dichiarato e scritto (in tempi pre-Fukushima, cioè molto prima dell'11 marzo) che è ipocrita definirci Paese denuclearizzato e poi comprare l'energia elettrica dagli altri che la producono proprio con tecnologia nucleare (vedi Francia). Inoltre in caso di incidente non ci si salva perché le radiazioni non si fermano in frontiera e per come gira la Terra una catastrofe in Francia farebbe arrivare la nuvola radioattiva subito sulle nostre teste. Il comportamento schizofrenico che ne consegue ci ha fatto spendere una barca di miliardi in più in tutti questi anni, la nostra bolletta elettrica è più cara del 40% rispetto a quella dei francesi. Ma questo non sembra preoccupare i nostri paladini ambientalisti e nessuno si chiede se con un costo dell'energia così elevato si riesce ad essere competitivi.

Se gli ambientalisti vivessero come gli Amish (che io rispetto moltissimo per la coerenza) non avrei nulla da eccepire. Invece si crogiolano in mondi arcadici immaginari tipo Mulino Bianco riempiendosi la bocca di nulla: parlano di energie alternative (là dove di alternativo non c'è niente) e del famoso (per non dir fumoso) risparmio che però nessuno attua: spegnere la tv la sera quando si va a dormire o altri elettrodomestici che sono in stand-by, per non consumare i 4 Watt all'anno delle spie luminose... certo, dicono, che 4 watt moltiplicati per milioni e milioni di apparecchi domestici fanno in effetti un risparmio di peso, quasi una centrale nucleare... Ma questo discorso che appare sensato a prima vista, è in realtà un paradosso che ricorda piuttosto Parmenide o Zenone giacché lo possiamo far valere per ogni tipo di risparmio: anche un semplice chicco di riso che avanza a pranzo o a cena, se lo recuperiamo porta a un grande risparmio: basta dire che tutti facciano la stessa cosa e vedrete come si risolve il problema della fame nel mondo. Infatti se moltiplichiamo il chicco di riso per 60 milioni di italiani per una ventina di volte all'anno che si mangia il risotto, vengono cifre da capogiro, si potrebbe sfamare l'intero Bangladesh per tutto l'anno. Quindi questi ragionamenti sono solo demagogici.

Qualcuno presenta invece un altro argomento: l'umanità fino a 2 secoli fa ha saputo andare avanti senza neppure la corrente elettrica, ma almeno è andata avanti, la vita è continuata. Se il mondo invece un bel giorno si dovesse svegliare con cataclismi tali da portare ad un fall-out nucleare su scala planetaria, rischierebbe direttamente l'estinzione.

E’ un argomento catastrofista che non tiene però conto che due secoli fa eravamo meno di un miliardo, oggi l'autobus “Terra” è, per dirla con un eufemismo, un po' più affollato e nessuno di noi ha il diritto di decidere chi deve scendere. Non dimentichiamoci che cinesi e indiani sono solo all'inizio. Il più talebano degli ambientalisti in occidente consuma probabilmente fra 5 e 10 volte un abitante cinese.  Il ministro indiano per l’ambiente ha riassunto così la situazione: “L’atmosfera è satura dei gas serra dei Paesi economicamente sviluppati. E’  venuta l’ora che essi facciano spazio ai gas serra dei  Paesi poveri”. Questa battuta la dice lunga sul futuro dell’umanità e delle emissioni di CO2. Quanto sia importante il mix energetico ce lo dice la Francia che nonostante ha un consumo pro capite di petrolio più alto (petrolchimico soprattutto)  di quello italiano registra nelle emissioni di CO2 risultati nettamente migliori, grazie alla forte presenza di energia di origine nucleare.

Un’altra domanda che la gente si fa è: Perché non ci si butta sul fotovoltaico? La risposta è semplice, il fotovoltaico non è ancora una tecnologia conveniente e senza gli incentivi statali nessuno metterebbe i pannelli. I recenti aiuti al fotovoltaico sono stati talmente generosi che il governo ha dovuto subito correre ai ripari chiudendo i rubinetti degli incentivi che consistono in un contributo a fondo perduto che in alcuni casi può arrivare fino al 70% del costo totale dell’impianto Iva esclusa: le relativamente poche decine di migliaia di richieste fatte finora ci costeranno 80 miliardi in 20 anni. Che pagheremo con un aumento della bolletta.

Ecco come stanno le cose, siamo i primi a dire che sarebbe sbagliato sottovalutare quello che sta succedendo in Giappone. Tuttavia siamo convinti che non si debba decidere SI o NO al nucleare in funzione della pur comprensibile emotività suscitata dalla tragedia. Dire come fanno tutti che il nucleare è troppo pericoloso e che l’esperienza lo dimostra è un non senso. Anzi l’esperienza dimostra casomai l’opposto. Vediamo:

  • Incidenti nucleari pre-Fukushima: Se si va alla pagina dedicata da Wikipedia al nucleare si vede che dal 1945 al 10 marzo di quest’anno i morti per incidenti a centrali nucleari sono sostanzialmente solo quelli di Chernobyl: 65 morti più altre eventuali 4.000 persone che potrebbero morire nei successivi 80 anni per effetti a lungo termine della contaminazione, cioè per innalzamento delle probabilità di cancro alla tiroide, leucemie, ecc.  In sostanza le vittime del più grande disastro nucleare della storia dell’umanità (prima di Fukushima) sono inferiori ai morti per incidenti stradali nella sola Italia in un anno!
    L'altro incidente grave, avvenuto in Brasile nel 1987, non dipendeva da una centrale: "L'incidente fu causato da un apparecchio di radioterapia abbandonato in un ospedale che fu recuperato da alcuni rigattieri per rivenderne il metallo. Il cesio-137, prodotto attivo dell'apparecchio, fu disperso nell'ambiente attirando a causa dalla luce blu (effetto Cerenkov) numerosi curiosi. Quattro persone morirono entro 75 giorni e 249 persone furono contaminate, di cui 49 dovettero essere ospedalizzate, e 21 furono trasferite in terapia intensiva. Fu necessario rimuovere 3.500 m³ di scorie radioattive per decontaminare il sito nel quale fu disperso il Cesio. Uno studio epidemiologico realizzato nel 2006 ha studiato le conseguenze di questo incidente sull'incidenza del cancro fra la popolazione che fu a contatto con il materiale radioattivo, ma nessun aumento statisticamente significativo dell'incidenza di cancro è stata registrata."
    http://it.wikipedia.org/wiki/Incidente_nucleare

  • Incidenti ferroviari
    Nella sola Italia, a partire dal 1900 si sono verificati incidenti ferroviari che hanno avuto 839 morti.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_incidenti_ferroviari_in_Italia

  • Incidenti aerei
    Attualmente il numero di incidenti catastrofici annuali nel mondo, per l'aviazione commerciale, è dell'ordine di 25, cui corrisponde all'incirca un migliaio di vittime.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Incidente_aereo

  • Incidenti automobilistici
    Pare che gli incidenti di traffico automobilistico uccidono una quindicina di persone al giorno nel nostro Paese e quasi 350 persone al giorno (più di 127.000 ogni anno) in Europa. La vicenda è monitorata dall'Organizzazione mondiale della sanità:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Incidenti_stradali_in_Europa

  • Morti per fumo
    Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) le sigarette sono la causa del 20% delle morti nei Paesi sviluppati, oltre ad essere causa del 90-95% dei tumori polmonari, l'80-85% delle bronchiti croniche ed enfisema polmonare, il 20-25% degli malanni cardiovascolari. Ogni anno perdono la vita nel mondo a causa del fumo, 3 milioni di persone.
    Vedi: http://www.smettere-di-fumare.it/numeri-del-fumo.shtml

  • Morti per inquinamento da combustibili fossili
    Anche questo è un dato interessante che non viene quasi mai riferito. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità le persone che muoiono ogni anno per l'inquinamento provocato dalla combustione dei combustibili fossili è fra 1 e 2 milioni.

Allora perché tanta paura per il nucleare? Questa paura irrazionale ricorda molto da vicino quelli che hanno paura di prendere l’aereo … Tutti sanno che l’aereo è un mezzo infinitamente più sicuro dell’automobile, eppure … non si può far nulla, se uno ha paura ha paura, come diceva Don Abbondio, se uno il coraggio non ce l’ha, non se lo può dare. Di certo noi siamo una nazione assai poco coraggiosa, talmente poco audace che ci inventiamo argomenti retorici e falsi per bandire il nucleare, pensando così di mettere a posto la nostra coscienza.

Infine, mi si dice che in Italia non si può far nulla perché c’è la mafia, la ‘ndrangheta, la camorra, ecc. insomma queste organizzazioni si infiltrano dappertutto e quindi figurarsi in un appalto per il nucleare. Se non riusciamo neppure a smaltire la “monnezza” come possiamo solo pensare di fare qualcosa di serio. Ecco questo è un argomento più interessante a prima vista, però anch’esso è fallace: la nostra incapacità gestionale e le infiltrazioni della malavita organizzata sono in realtà la conseguenza della scarsa qualità delle cose che facciamo e costruiamo. E' in realtà molto facile per gente incompetente e disonesta infiltrarsi in lavori pubblici quando questi sono di bassa qualità.

Le cose cambiano enormemente quando la qualità cresce, quando sono necessarie procedure e qualificazioni internazionali che necessariamente tengono fuori gli incapaci, perché tutto il sistema deve produrre qualità, alta qualità. Noi sentiamo sempre di infiltrazioni ma ci sono migliaia di opere dove non c’è infiltrazione e siccome non fanno notizia abbiamo una realtà percepita che è fortemente distorta. L’ENEL ha fatto decine di miliardi di investimenti in tutta Italia e non si è mai sentito un solo caso di infiltrazione mafiosa. Ciò è dovuto alle procedure aziendali e al fatto che è un po' difficile infiltrarsi nella costruzione di una centrale o di una linea di alta tensione. Le cose cambiano ovviamente quando parliamo di strade, asfalti, palazzine ecc.

Però questo argomento è un segnale del grado di sfiducia raggiunto dagli italiani verso il proprio Paese. Sfiducia forse in parte giustificata dalla scarsa qualità della classe politica di ogni livello e dalla frantumazione istituzionale che abbiamo provocato.

Ad ogni modo, nel referendum che si terrà a giugno, i rappresentanti di Tecnosophia voteranno a favore delle centrali nucleari. Gli antinuclearisti avranno una vittoria schiacciante e ancora una volta la paura e il bigottismo ambientalista avranno avuto la meglio. Continueremo a bruciare miliardi di tonnellate di carbone (rilasciando peraltro particelle radioattive nell’atmosfera) e di petrolio e di gas per fare energia elettrica e tutti quanti, come nel paese dei balocchi, saremo felici e beati e ignoranti invece di abituarci ad avere un ottimismo tragico e pensare ad un mondo in cui le catastrofi accadono da sempre, da quando il mondo è mondo, ma che il nostro destino è quello di essere capaci di fronteggiarle.

 

   Walter J. Mendizza

 

Altri articoli di Walter J. Mendizza

Utenti connessi


Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter
Un solo invio al mese

Iscriviti alla Newsletter mensile


seguici su facebook


I contenuti pubblicati su www.riflessioni.it sono soggetti a "Riproduzione Riservata", per maggiori informazioni NOTE LEGALI

Riflessioni.it - ideato, realizzato e gestito da Ivo Nardi - P.IVA 09009801003 - copyright©2000-2016

Privacy e Cookies - Informazioni sito e Contatti - Feed - Rss
RIFLESSIONI.IT  -  Dove il Web Riflette!  -  Per Comprendere quell'Universo che avvolge ogni Essere che contiene un Universo...